Milano, 11 ott. (AdnKronos Salute) - Non solo vaccini, dieta e cancro. Nel mirino delle bufale e delle false notizie che circolano su web e social network c'è anche l'osteoporosi. In Italia colpisce oltre 4 milioni di donne e 1 milione di uomini; ogni anno causa più di 90 mila fratture del femore associate a fragilità ossea, ma resta ancora largamente misconosciuta e sottovalutata. In vista della Giornata mondiale dedicata che si celebra il 20 ottobre, gli specialisti di www.stopallefratture.it (sito che riunisce le principali società scientifiche attive nel campo dell'osteoporosi ) rilanciano un opuscolo online che svela 6 tra le principali affermazioni non vere sul 'ladro delle ossa'. "Se parliamo di osteoporosi - spiega Giuseppina Resmini, responsabile del Centro per lo studio dell'osteoporosi e delle malattie metaboliche dell'osso dell'Asst Bergamo Ovest e membro del board di 'Stop alle fratture' - dobbiamo rilevare come la maggior parte delle donne italiane tra i 50 e i 79 anni non sia consapevole di essere a rischio di osteoporosi, cioè di poter incorrere nelle fratture da fragilità ossea (soprattutto del femore, delle vertebre, del polso e dell'omero) che sono la diretta conseguenza della severità di questa patologia. Il primo elemento da rilevare pertanto è come, proprio da questa sottovalutazione, nasca la diffusione delle principali inesattezze che riguardano sia la conoscenza della patologia osteoporotica, che dei suoi principali fattori di rischio". Ecco dunque la 'top 6' delle bufale che circolano sul web in materia di osteoporosi: 1) L'osteoporosi è una condizione naturale legata all'invecchiamento. Ancora troppo spesso si tende a considerare l'osteoporosi come una conseguenza fisiologica dovuta all'invecchiamento - evidenziano gli esperti - sottovalutando la presenza di fattori di rischio come ad esempio la familiarità o precedenti fratture da fragilità ossea, che devono essere considerate campanelli d'allarme, oppure un sensibile calo staturale o la presenza di dolore lieve o moderato ma continuo a carico della colonna vertebrale, che può presentarsi dopo essere stati in piedi a lungo 2) Osteoporosi e artrosi sono la stessa cosa. Attenzione - avvertono gli specialisti - artrosi e osteoporosi non sono assolutamente la stessa cosa. La prima è una malattia degenerativa cronica che colpisce le articolazioni (anca, ginocchio, spalla) e che può arrivare a causare una grave limitazione funzionale dolorosa dell'articolazione colpita. L'osteoporosi , invece, è una patologia ossea che colpisce l'intero scheletro 3) L'osteoporosi è una malattia femminile. "Anche se negli uomini l'incidenza è più bassa - precisa Silvia Migliaccio, specialista di endocrinologia e malattie metaboliche presso l'Università Foro Italico di Roma - i danni conseguenti alle fratture da fragilità che si verificano nell'uomo sono molto più gravi: la disabilità è più frequente e il rischio di morire entro un anno dalla frattura femorale è addirittura raddoppiato".E ancora:4) Il latte fa male perché 'mangia le ossa' e fa aumentare il colesterolo. Negli ultimi anni - osservano gli specialiti - è iniziata una campagna di disinformazione sul latte volta a convincere le persone come questo alimento sia pericoloso o inutile. Il latte è invece un alimento raccomandato, che garantisce la necessaria assunzione di calcio e aiuta a mantenere le ossa in salute5) Basta il sole per la vitamina D: d'estate è inutile continuare ad assumerla. "La vitamina D svolge un ruolo fondamentale per la salute delle ossa e non solo - precisano gli esperti - E' vero che soprattutto l'esposizione della cute al sole consente al nostro organismo di produrla, ma è anche vero che o per scarsa esposizione o per fattori legati al tipo di pelle questo potrebbe risultare non sufficiente, in particolare per chi soffre di osteoporosi e fragilità ossea"6) Ho avuto una frattura di femore e sono stata operata: adesso, quindi, sono guarita. "Assolutamente no - ammoniscono gli specialisti - La frattura di femore non è altro che la manifestazione clinica della fragilità ossea che ne è stata la causa. L'intervento chirurgico stabilizza la frattura, ma non cura la malattia dello scheletro. Quindi, come in tutte le fratture da fragilità, è necessario instaurare precocemente l'idonea terapia farmacologica per ridurre il rischio di nuove fratture".

in evidenza
Cuccarini sta con M5s e Salvini "Ho votato per il Governo"

Spettacoli

Cuccarini sta con M5s e Salvini
"Ho votato per il Governo"

in vetrina
Inter-Milan, ecco come Icardi ha beffato Donnarumma. L'analisi dell'errore di Gigio

Inter-Milan, ecco come Icardi ha beffato Donnarumma. L'analisi dell'errore di Gigio

motori
Nuova BMW X7, non passa inosservato

Nuova BMW X7, non passa inosservato

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
FAPAV plaude alla nuova tutela del Diritto d’Autore online approvata da AGCOM
Il nuovo ordine mondiale globalizzato ci vuol rendere tutti migranti
di Diego Fusaro
Salvini matador/ Da Trento e Bolzano un ottimo viatico per il Cambiamento
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

I sondaggi di AI

Qual è il tuo giudizio sulla Commissione europea guidata da Juncker?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.