Palermo, 16 mar. (AdnKronos) - Hanno pensato di attuare il metodo “giustizia fai da te”, per vendicarsi di un furto subito. Due riberesi in manette, con l’accusa di sequestro di persona. Con un’indagine lampo, i Carabinieri hanno fatto luce su un grave episodio criminoso accaduto nel centro di Ribera. La singolare vicenda è scaturita da un furto subito da due braccianti agricoli, in particolare di due paia di forbici elettriche da potatura, del valore di alcune centinaia di euro. Gli stessi, ritenendo responsabile del furto un 30 enne romeno, domiciliato a Ribera, si sono recati presso l’abitazione dello straniero e dopo averlo malmenato e minacciato con un coltello, lo hanno prelevato con la forza, costringendolo a salire a bordo di un’autovettura, con l’intento di farsi restituire il maltolto. Ma la drammatica situazione non è passata inosservata. Infatti, alcuni passanti si sono resi conto che stava accadendo qualcosa di anomalo ed hanno subito telefonato al “112”, descrivendo quanto percepito. Nel giro di un paio di minuti, sono accorse in zona due pattuglie dei Carabinieri della Tenenza di Ribera, che dopo aver setacciato l’intero quartiere sono riuscite ad intercettare e bloccare, dopo un breve inseguimento, l’auto su cui viaggiavano i due sequestratori, con il cittadino romeno a bordo. A quel punto, i militari dell’Arma hanno condotto i tre in caserma, dove sono stati subito ascoltati i vari testimoni. Gli elementi di prova così raccolti, hanno dunque permesso, in brevissimo tempo, di chiudere il cerchio delle indagini e di fare pienamente luce sul grave fatto criminoso. Sono state effettuate anche delle perquisizioni, che hanno consentito di trovare e sequestrare il coltello utilizzato per le minacce mentre, a casa del romeno, di scovare un paio delle forbici elettriche in questione. Al termine degli accertamenti, per il romeno vittima del sequestro è stata formalizzata una denuncia per “ricettazione” delle forbici, mentre per i due braccianti agricoli riberesi, F.V. 34 enne e T.G. 27 enne, sono subito scattate le manette ai polsi con l’accusa di “Sequestro di persona”, venendo ristretti agli arresti domiciliari, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Ancora una volta, per il buon esito delle indagini, si è rivelato fondamentale e prezioso il contributo di alcuni cittadini, sia per la tempestiva telefonata al “112”, sia per le testimonianze fornite nell’immediatezza agli investigatori dell’Arma.

in evidenza
Governo, nuovo murale di Tv-Boy Conte pinocchio. E SalviMaio...

Costume

Governo, nuovo murale di Tv-Boy
Conte pinocchio. E SalviMaio...

in vetrina
Isola dei famosi 2019, Marco Maddaloni colpito da un lutto. Isola 2019 news

Isola dei famosi 2019, Marco Maddaloni colpito da un lutto. Isola 2019 news

motori
Kia svela il primo teaser della Ceed Crossover

Kia svela il primo teaser della Ceed Crossover

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Via della Seta, una figata per l’Italia
di Angelo Maria Perrino
Borsa Italiana. ISAGRO alla STAR Conference parla di futuro
di Paolo Brambilla - Trendiest
LIPOFILLING, dalla chirurgia ricostruttiva a quella rigenerativa
di Mariella Colonna

I sondaggi di AI

L'Italia sottoscrive il memorandum of understanding con la Cina nell'ambito della Belt and Road Initiative. Una decisione giusta?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.