(AdnKronos) - La domanda globale di energia da qui al 2050, secondo i calcoli di McKinsey, continuerà a crescere a un ritmo dello 0,7% l’anno, inferiore all’oltre 2% registrato tra il 2000 e il 2015. A metà del secolo, il 77% della nuova capacità installata verrà dal sole e dal vento, il 13% dal gas naturale, il 10% dal resto. Nel 2050 le Rinnovabili, escluso l’idroelettrico, produrranno più del 30% dell’energia globale: qui in Italia, hanno bisogno di una pianificazione nazionale per svilupparsi. "Come Paese - spiega Marco Peruzzi, presidente di e2i Energie Speciali - abbiamo fatto grandi investimenti in produzione di energia elettrica rinnovabile. Questo patrimonio dev'essere salvaguardato e un piano di rinnovamento, e in alcuni casi di integrale ricostruzione di questi impianti, richiede un quadro di riferimento certo. Noi sostanzialmente vogliamo sapere dove possiamo fare questi impianti, quindi auspichiamo che ci siano delle aree a vocazione eolica dedicate al vento. E, d'altra parte, vogliamo avere un cliente che ci possa ritirare energia e dare una stabilità finanziaria ai nostri investimenti". Anche sul fronte dei rifiuti, c'è ancora molto lavoro da fare. Un'azienda privata come la Montello, che si è riconvertita negli anni Novanta dal siderurgico al ciclo dei rifiuti, oggi ricicla 800mila tonnellate all'anno di rifiuti ed è un esempio unico in Europa. Il suo presidente, Roberto Sancinelli, ritiene che sia necessario un nuovo piano nazionale sui rifiuti e che si apra il mercato della gestione e del riciclo: "Oggi è bloccato, non c'è concorrenza: è tutto in mano alle piccole partecipate comunali e invece servirebbe una logica industriale". Servono leggi, ad esempio, che tutelino chi vuole sostituire le materie prime fossili con prodotti riciclati e ne trovino immediata disponibilità. Oppure, si può iniziare "separando a livello locale la raccolta dalla gestione del rifiuto", altrimenti è "ovvio che se non si apre il mercato continueranno a essere i cittadini a pagare la tassa sui rifiuti". Sulla raccolta differenziata, "anche se l'Italia è prima in Europa, c'è ancora moltissimo da fare: basti pensare che le tipologie di rifiuti codificate sono più di 800 e in realtà il 90% dei rifiuti che si riciclano sono cinquanta. Questo dà l'idea di quanto lavoro c'è e di quali prospettive ci siano per il settore".

in evidenza
Juve, regina degli stipendi in A CR7 davanti a Higuain. Classifica

Sport

Juve, regina degli stipendi in A
CR7 davanti a Higuain. Classifica

in vetrina
Milan, Batshuayi alternativa di Quagliarella. Ecco perchè l'affare si può fare

Milan, Batshuayi alternativa di Quagliarella. Ecco perchè l'affare si può fare

motori
Ford presenta la Edge di nuova generazione

Ford presenta la Edge di nuova generazione

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Il gioco di Nave Italia per aiutare le iniziative a sostegno dei disabili
di Paolo Brambilla - Trendiest
Imprese ICT e mercato Analytics, fatturati in salita per il tech italiano
di Elena Vertignano
Contro il buco di Macron, l’italiano Tajani alzi la voce
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

I sondaggi di AI

Il ministro Bussetti annuncia meno compiti per le vacanze di Natale. Sei d'accordo?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.