Palermo, 5 lug. (AdnKronos) - "Ma quando ti accorgi che da ventisei anni tutte le domande che formuli per ricevere un po’ di verità rimangono senza risposta, che fai? Pensi ad altro? Ti rassegni? Dimentichi? Mi sono messo nei panni faticosi dei figli di Paolo Borsellino. La sentenza di un processo (che già nel suo titolo, “quater”, racconta l’umiliazione di un’attesa senza rimedio) spiega che pezzi delle istituzioni organizzarono il più clamoroso e colpevole depistaggio della storia repubblicana". Inizia così un lungo post a firma di Claudio Fava, Presidente della Commissione regionale antimafia all'Ars che ieri ha annunciato l'audizione di Fiammetta Borsellino per il prossimo 18 luglio, alla vigilia della commemorazione della strage di via D'Amelio. "Per offrire alla folla la testa di qualche presunto colpevole ma soprattutto per coprire e garantire i veri responsabili di quella mattanza - scrive Fava - Nelle motivazioni della sentenza si parla di irreprensibili magistrati che fecero carriera istruendo un processo fasullo, di investigatori al servizio di troppi padroni che fabbricarono una finta verità per bocche buone e generose, di ministri, generali e presidenti che mentirono, tacquero, inquinarono affinché su via D’Amelio e sui suoi occulti mandanti non ci fosse mai verità"."Bene - aggiunge Fava - che dovrebbe fare un figlio se dopo un quarto di secolo ti spiegano che quella verità ti verrà ancora negata? Che le tue domande (chi mentì, perché, al servizio di quali padroni…) non meritano risposte? Che ti devi rassegnare a una verità incompiuta, parziale, furba e scaltra come la più oscura delle notti?".E conclude: "Quel figlio, quei figli non si rassegnano. E noi nemmeno. Per questo, nei giorni in cui si ricorda e si commemora la strage di via D’Amelio, noi non commemoreremo ma raccoglieremo in Commissione Antimafia siciliana le domande dei figli di Paolo Borsellino. Affinché quelle domande, quelle attese ricevano ascolto e vengano poi rivolte a chi ha il dovere di una risposta: magistrati, presidenti, generali, ministri. Chiederemo una verità che non può essere affidata solo alle sentenze di un tribunale ma deve tornare ad essere, in questo paese, una responsabilità di ciascuno e di tutti. Lo faremo in nome e per conto di tutti. Perché la verità non è un fatto personale ma un bene comune come l’acqua o l’aria, una dignità collettiva che spetta a tutti difendere e pretendere".

in evidenza
Lady Gaga cade giù dal palco Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO

Incidente allo show di Las Vegas

Lady Gaga cade giù dal palco
Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO

in vetrina
BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

motori
On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4

On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Il Tribunale annulla il pignoramento ma la banca non sblocca il conto.
di sotto: Avv. M. Sances e Avv. H. Pisanello
Intervista a Maria Grazia Calandrone. “Siamo un impasto di bene e di male”
di Ernesto Vergani
Ricatti online a sfondo sessuale, gli hacker guadagnano 15mila euro al mese
di Nicola Bernardi

I sondaggi di AI

Quale partito voteresti in caso di elezioni politiche?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.