Palermo, 12 giu. (AdnKronos) - "Vito non è più non è più riutilizzabile questa è la verità, anche dopo questa seconda cosa non, non è che si può pensare che si fa ancora delle cose con Vito... basta...". E' il maggio del 2018 e a parlare sono Paolo e Francesco Arata, finiti oggi in manette insieme al re dell'eolico Vito Nicastri e al figlio Manlio, ragionano dopo i nuovi guai giudiziari di quello che per la Procura di Palermo è il loro "socio occulto". L'elettricista alcamese diventato rapidamente il re dell'eolico era stato arrestato per concorso esterno in associazione mafiosa e trasferimento fraudolento dei beni. E all'indomani di quella nuova tegola giudiziaria Arata senior e junior dubitavano della possibile 'riutilizzazione' dell'imprenditore alcamese. "Abbiamo sbagliato tutto, abbiamo sbagliato tutto, tutto abbiamo sbagliato e Giacomino (un funzionario dell'assessorato regionale all'Energia, ndr) viene più, non si fa più vivo, cioè me lo ha detto con chiarezza, Nicastri è uno che dà tangenti in giro... eh... quindi... vai a spiegargli che non è così... è così!... ormai è bruciato", ammettono. Per il gip Guglielmo Nicastro, che ha accolto le richieste dei pm della Procura di Palermo, erano pienamente consapevoli di "offrire schermature" a Nicastri, più volte raggiunto da provvedimenti giudiziari. "Assai emblematica - scrive il gip - è l'espressione pronunciata 'anche dopo questa seconda cosa' da Arata, rivelatrice della piena consapevolezza che Nicastri, oltre ad una prima vicenda che lo aveva coinvolto (con ciò riferendosi ai sequestri subito in passato) era stato raggiunto da un ordine di carcerazione, circostanza questa che svelava il timore di poter essere, a loro volta, implicati in procedimenti penali, proprio in ragione del ruolo di prestanome che loro stessi stavano svolgendo per conto di Nicastri. Tuttavia, sebbene sin a quel momento Nicastri aveva subito procedimenti di prevenzione, gli Arata si erano prestati a fare affari con lui consci delle sue grandi competenze nel settore e capacità di infiltrarsi nei gangli della pubblica amministrazione più corrotti", conclude il gip.

in evidenza
Bella Thorne, hacker ruba foto hot Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

La stella Disney va in contropiede

Bella Thorne, hacker ruba foto hot
Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

in vetrina
Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

motori
Citroen C5 Aircross guida il salone di Torino (19/23 giugno)

Citroen C5 Aircross guida il salone di Torino (19/23 giugno)

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Contaminafro. Anna Scavuzzo alla kermesse multietnica di Fabbrica del Vapore
di Paolo Brambilla - Trendiest
Nuovi parametri per la nomina dell'organo di controllo e revisore nelle Srl
di Angelo Andriulo
A Milano nasce Codice Verde. Niente più code al Pronto Soccorso
di Paolo Brambilla - Trendiest

I sondaggi di AI

L'Unione europea minaccia la procedura di infrazione contro l'Italia. Che cosa ne pensi?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.