Palermo, 14 feb. (AdnKronos) - Due tunisini ospiti dell'hotspot di Lampedusa sono stati arrestati dai Carabinieri Agrigento nel corso di alcuni controlli. Il primo è finito in manette con l'accusa di furto. Il giovane era penetrato nell’abitazione di una villetta dell'isola e dopo aver forzato una finestra, approfittando dell’assenza della proprietaria, rovistando e mettendo a soqquadro tutta le stanze, ha arraffato alcuni oggetti. "Il topo d’appartamento, dopo aver agito indisturbato, è uscito dall’abitazione con il malloppo ma, la sua sfortuna, è stata quella di incrociare nel suo cammino una pattuglia dei Carabinieri in transito - raccontano i militari - Il suo zaino gonfio ed il nervosismo sin da subito esternato, hanno fatto insospettire i militari, i quali hanno deciso di fermarlo ed identificarlo. A quel punto, il tunisino ha cercato di fuggire a piedi gettando lo zaino in un fosso, venendo poco dopo raggiunto e perquisito". E così, dallo zaino di cui si voleva disfare, sono saltati fuori gli oggetti appena rubati. A quel punto, per il giovane tunisino, 23 enne, sono scattate le manette per furto in abitazione. La refurtiva è stata restituita alla proprietaria dell’abitazione.E sempre nelle ultime ore, i Carabinieri della Stazione di Lampedusa, durante un servizio di prevenzione, hanno fermato in pieno centro, ad un posto di blocco, un tunisino, il quale alla richiesta dei documenti, ha esibito una carta d’identità francese apparentemente regolare, non spiegando le ragioni della sua presenza sull’isola. Questo aspetto ha fatto incuriosire i militari dell’Arma, che hanno così deciso di accompagnarlo in caserma per ulteriori accertamenti. "E proprio da un’analisi attenta del documento e da alcune verifiche incrociate, è emerso che la carta d’identità esibita era contraffatta e che il soggetto in questione era un tunisino ospite presso il locale Hot Spot, il quale aveva già in tasca il biglietto della nave per lasciare l’isola", dicono i Carabinieri. Per l’uomo, 26 enne, sono subito scattate le manette per possesso di documento d’identificazione falso e l’Autorità Giudiziaria ha già convalidato l’arresto.
in evidenza
Beatrice Borromeo mamma Secondo figlio da Pierre

Costume

Beatrice Borromeo mamma
Secondo figlio da Pierre

in vetrina
Inter-Icardi, Wanda Nara: "Tre big pronte a pagare la clausola. Con l’Inter.."

Inter-Icardi, Wanda Nara: "Tre big pronte a pagare la clausola. Con l’Inter.."

motori
A Company Car Drive le proposte di Groupe PSA

A Company Car Drive le proposte di Groupe PSA

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Governo/ Forza, presidente Mattarella, dia l’incarico e torniamo a lavorare
di Angelo Maria Perrino
Ungheria, ecco i 4 motivi per cui il sistema liberal-libertario odia Orban
di Diego Fusaro
Da “Mani in Pasta” a Milano la vera pizza con acqua di mare e lievito madre
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.