A- A+
Politica
Addio "Lega"? Il Carroccio teme l'eliminazione del partito a partire dal nome

La Lega di Matteo Salvini sarà anche in luna di miele con gli italiani nonché ricettacolo di una marea di consensi in aumento, ma la sentenza del Tribunale del Riesame sui conti del partito, attesa per il 5 settembre prossimo venturo, pesa come una spada di Damocle.

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti ha già messo le mani avanti prefigurando le fosche conseguenze dello scenario peggiore, ovvero l'eventuale parere negativo del Tribunale che condannerebbe la Lega alla chiusura definitiva. Alla morte del partito, insomma. 

Un piano B ci sarebbe già e sfrutterebbe il fatto che il 14 dicembre dello scorso anno, come scrive Il Corriere della Sera, "la Gazzetta ufficiale ha registrato lo statuto depositato da Roberto Calderoli di una forza politica che si chiama «Lega per Salvini premier», simbolo assai simile a quello stampato sulle schede elettorali delle ultime politiche (assente Alberto da Giussano). E da parecchi mesi si parlava di un congresso per completare la transizione della Lega da nordista a nazionale".

Ma il timore di molti deputati leghisti è che la parola "lega" possa implicare una continuità con la Lega attuale, tanto che - riporta sempre il Corriere - un parlamentare del Carroccio arriva a chiedersi preoccupato: «Siamo sicuri che per lorsignori sarà abbastanza discontinuo un partito con Lega nel nome e lo stesso segretario che ha percepito l’ultima rata dei finanziamenti contestati?».

«Tutto dovrebbe partire da capo» dicono in seno alla forza politica guidata da Matteo Salvini. «Tessere, militanza, congressi. Ci vorrebbe un congresso costituente di autoconvocati, chi lo sa… È una cosa senza precedenti».

E c'è di più: i 183 parlamentari leghisti paventano l'ineludibilità delle conseguenze della resettazione totale e della ripartenza con un'altra compagine fregiata da un altro nome, conseguenze i cui costi saranno tutti a loro carico. 

Questo, ovviamente, a meno che non si opti per uno stratagemma già pensato dallo stesso Salvini, ovvero la fondazione di un nuovo contenitore di Centrodestra che raggruppi il Carroccio, Fratelli D'Italia e ovviamente Forza Italia, oltre a cespugli vari. Il paradosso, in tutta questa vicenda, è che quello che ora è ritenuto il primo partito italiano e l'effettiva forza di governo che esprime - fra le altre cariche - il vicepresidente del Consiglio nonché ministro dell'Interno e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio potrebbe, fra pochi, giorni essere di fatto cancellato da una sentenza. Un paradosso che potrebbe indurre i leghisti deprivati giuridicamente del loro stesso partito a ricorrere alla Corte di Giustizia Europea. Il 5 settembre è vicino, e la spada di Damocle sempre più gravosa e incombente. 

Commenti
    Tags:
    legamatteo salvinitribunale riesameconti della leganuovo partito del centrodestraforza italiafratelli d'italianome del nuovo partito di salvini
    in evidenza
    Pif, ecco il suo primo romanzo "...che Dio perdona a tutti"

    Novità editoriali

    Pif, ecco il suo primo romanzo
    "...che Dio perdona a tutti"

    i più visti
    in vetrina
    Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

    Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen Berlingo vent'anni di successi

    Citroen Berlingo vent'anni di successi

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.