A- A+
Politica


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Per il momento si tratta di una indiscrezione, ma ben presto il rumor potrebbe diventare un progetto concreto destinato a stravolgere profondamente il quadro politico. Dopo le scoppole su Jobs Act e riforme costituzionali (solo per citare i due esempi più eclatanti), questa volta la minoranza dem sembra volere fare sul serio. La Legge di Stabilità potrebbe essere davvero l'occasione per la scissione all'interno del Partito Democratico, soprattutto se Matteo Renzi non cambiasse idea sul limite al contante di 3.000 euro e sull'abolizione per tutti dell'Imu-Tasi sulla prima casa.

Più il premier si sposta al centro, con il progetto del Partito della Nazione con Alfano e Verdini sullo sfondo, più la sinistra del Pd cerca di organizzarsi. Finora abbiamo visto le uscite di Pippo Civati, che ha creato Possibile, di Stefano Fassina e a breve quella di Alfredo D'Attorre. Troppo poco per organizzare un fronte di sinistra. Ma attenzione, dietro le quinte Pierluigi Bersani e Massimo D'Alema - secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it - starebbero lavorando a un piano rivoluzionario. I "rottamati" da Renzi sarebbero pronti a lasciare in massa il Pd e a rilanciare il progetto dell'Ulivo, ovvero quello che aveva portato Romano Prodi a Palazzo Chigi. Con Bersani e D'Alema ci sarebbero anche Rosy Bindi, Roberto Speranza, Davide Zoggia, Vannino Chiti e molti altri.

Il tentativo di creare qualcosa di nuovo a sinistra del Pd non decolla e quindi - sondaggi alla mano - l'idea migliore sarebbe proprio quella di puntare sull'usato sicuro, ovvero sull'Ulivo. Il cantiere ulivista avrebbe come promotori diversi soggetti politici, dalla galassia ex Pd (nelle sue varie forme) a Sinistra Ecologia Libertà, passando per Rifondazione Comunista e l'Italia dei Valori. Più difficile la partecipazione dei Verdi di Angelo Bonelli vista la questione Ilva che coinvolge direttamente Nichi Vendola. Resta sullo sfondo l'intenzione dei promotori di coinvolgere anche il padre dell'Ulivo, Romano Prodi. Il Professore, ufficialmente fuori dalla politica, potrebbe prendersi una bella rivincita su Renzi, da molti indicato come colui che organizzò i 101 franchi tiratori che nel 2013 gli impedirono di venire eletto alla presidenza della Repubblica. Per non parlare della mancata citazione di Prodi nel giorno dell'inaugurazione dell'Expo di Milano.
 

Tags:
bersanid'alemarenziulivoscissione

in vetrina
Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Toninelli visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.