A- A+
Politica
Carceri, stop alla riforma Orlando. Bonafede: "Né manettari, né buonisti"
Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede

Il Governo ha dato il via a una nuova riforma delle carceri, modificando la disciplina dell’ordinamento penitenziario voluta dall'ex ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Nella serata di ieri, infatti, il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, ha approvato in esame preliminare un decreto legislativo volto a modificare l’ordinamento penitenziario. Il Governo "ha ritenuto opportuno intervenire con una revisione e riscrittura del testo" varato dal precedente Governo, "in modo da tenere conto delle indicazioni espresse dal Parlamento", si legge in un comunicato del Consiglio dei Ministri.

BONAFEDE: PUNTO DI EQUILIBRIO - "Né manettari, né buonisti: facciamo le cose per bene. Lo schema di decreto legislativo adottato ieri dal Consiglio dei Ministri è un buon punto d'equilibrio dei due principi contenuti nel contratto di governo: certezza della pena e dignità della sua espiazione. Partendo da un presupposto irrinunciabile: il rispetto del Parlamento". Lo sottolinea il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, su Facebook.

Bonafede
 

"Abbiamo deciso di salvare quanto abbiamo trovato condivisibile del vecchio provvedimento, cancellando ovviamente le parti su cui non eravamo affatto d'accordo. Anche questo è il governo del cambiamento", prosegue Bonafede.

"Così, nel nuovo schema, abbiamo bloccato l'allargamento di benefici concessi anche a chi ha commesso reati gravi. Ma, di contro, abbiamo ammesso quei punti che consentiranno un miglioramento della vita dei detenuti. Fra questi, ad esempio - aggiunge Bonafede - la semplificazione delle procedure per l'accesso alle misure alternative, ma solo per chi se lo merita. L'assunzione di mediatori culturali e interpreti che agevolino la vita in carcere dei detenuti stranieri evitando così la creazione di tensioni che possano risultare pericolose. L'effettiva tutela dei detenuti vulnerabili, a rischio di sopraffazioni o aggressioni, all'interno delle carceri. Poi la formazione professionale, il lavoro, la partecipazione a progetti di pubblica utilità. L'accesso ad attività volontarie, culturali e all'istruzione".

Tags:
giustiziariforma carceririforma ordinamento penitenziarioalfonso bonafedeministro della giustizia bonafedeconsiglio dei ministri

in evidenza
"Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Spettacoli

"Dogman" candidato dell'Italia
Garrone in corsa per l'Oscar 2019

i più visti
in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.