A- A+
Politica
CasaPound-Spada: Lucia Annunziata processa Simone Di Stefano
Simone Di Stefano (Casa Pound)

CasaPound "tira" in Tv. Dopo l'aggressione di Roberto Spada al giornalista Daniele Piervicenzi, e i presunti legami di CPI con il clan mafioso omonimo, dal trattamento di totale oscuramento, la "tartaruga frecciata" è  passata ormai a essere costantemente in televisione.

Qualche giorno fa a Piazza Pulita su La7, incalzato da Corrado Formigli, Vladimir Luxuria, Alan Friedman e David Parenzo, e oggi a In 1/2 ora da Lucia Annunziata, e dai due giornalisti dell'Espresso Giovanni Tizian e Stefano Vergine, il vicepresidente di CPI Simone Di Stefano sta diventando un volto noto dei tak show politici.

Il problema, tuttavia, è l'impostazione dei due confronti con Di Stefano. Sia a Piazza Pulita, sia nel programma della Annunziata, l'esponente di CasaPound è stato praticamente trattato come l'imputato di un processo mediatico con il verdetto di colpevolezza già formulato anticipatamente. Se nel programma di Formigli, il telespettatore si è visto travolgere da una rapsodia di banalità da parte di Vladimir Luxuria (ci si chiede a che titolo invitarla... in quanto esponente LGBT? Ma CasaPound, nei movimenti di estrema destra, è la forza politica più tollerante in materia, quindi non si comprende davvero il senso della scelta) e non ha potuto praticamente farsi un'idea sul pensiero di Di Stefano, dalla Annunziata l'utente sintonizzato ha visto la padrona di casa apostrofare il vicepresidente di CPI con questa frase peculiare: "Non la faccio parlare di politica perché voi sapete dire benissimo quello che non pensate".

Un atteggiamento che non solo parte dal presupposto tutto da dimostrare che Simone Di Stefano, e quindi CasaPound, menta sapendo di mentire, ma soprattutto è lesivo del telespettatore che vorrebbe sapere di più di CasaPound dalla bocca dal suo vicepresidente e che invece deve accontentarsi della narrazione fatta da terzi.

Se lo scopo è distruggere il "mostro" CasaPound, le due ospitate di Di Stefano a La7 e a Rai3 hanno senz'altro sortito l'effetto opposto. Abituati per esempio a vedere gli esponenti grillini trattati con i guanti e senza contraddittorio, gli spettatori non possono che giudicare negativamente l'allestimento di gogne mediatiche contro chicchessia e finiscono necessariamente per parteggiare per le vittime delle suddette gogne.

Se Formigli e la Annunziata, in ultima analisi, pensavano di invitare Di Stefano - che si è fatto più sciolto e ha imparato a sorridere anche di più - per danneggiarlo e per neutralizzare CPI, sappiano che gli hanno invece fatto una grandissima pubblicità.  

Tags:
casapoundroberto spadaluca marsellacarlotta chiaralucelucia annunziataraitrefrederic chatillonmarine le penfront national

in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

i più visti
in evidenza
Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

Cronache

Quando finisce il caldo anomalo
Pronta l'irruzione di aria fredda

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.