Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Pil, Pd "deluso". Per la Lega "l'Italia tornerà in recessione"

Pil del quarto trimestre 2015 sotto le attese: solo +0,1%. Che cosa ne pensano i politici di maggioranza e opposizione? Affaritaliani.it ha intervistato dieci esponenti di primo piano raccogliendo così il parere di tutti i principali partiti

Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)
renzi padoan ape


 

Doccia fredda dall'Istat. Il Pil italiano del quarto trimestre 2015 ha registrato una crescita molto debole, solo dello 0,1%, inferiore alle aspettative.

Che cosa ne pensano i politici di maggioranza e opposizione? Affaritaliani.it ha intervistato dieci esponenti di primo piano raccogliendo così il parere di tutti i principali partiti. Ecco le risposte:

Antonio Misiani (deputato del Pd): "E' un dato deludente, l'economia italiana purtroppo è ancora fiacca e la ripresa è nettamente al di sotto di quanto sarebbe auspicabile. E' l'ulteriore conferma di quanto sia stato giusto varare una manovra economica espansiva per il 2016".

Nicola Latorre (senatore del Pd): "Questo dato va letto nel contesto generale di ciò che sta accadendo in tutto il mondo. L'importante è mantenere il segno positivo, confidando in un cambio di linea della politica economica europea che metta tutti nelle condizioni di superare questo momento. Ripeto, è fondamentale mantenere il segno positivo, tenendo conto che le difficoltà riguardano l'intero panorama economico mondiale, perfino dagli Stati Uniti arrivano notizie non incoraggianti. E quindi questo dato deve essere molto contestualizzato e questa situazione non deve lasciarci tranquilli, ma al tempo stesso non deve nemmeno scoraggiarci, perché la rotta intrapresa dal governo Renzi è certamente quella giusta".

Maurizio Sacconi (senatore di Ncd-Area Popolare): "Abbiamo la conferma delle previsioni per il 2015, però con un quarto trimestre che fa pensare a un 2016 difficile, nel quale il sostegno della domanda esterna dovrebbe essere compensato dalla ripresa di quella interna. Ripresa che, però, allo stato nel quarto trimestre del 2015 non si è vista".

Giovanni Mottola (deputato di Ala): "La crisi mondiale si fa sentire. C'è certamente il discorso nostro con l'Italia debole, ma in un contesto di un'economia mondiale sempre più fiacca. C'è una ripresa modesta, ma la verità è che non siamo ancora usciti dalla crisi".

Mattia Fantinati (deputato del M5S): "Ci aspettavamo un Pil più alto dopo che è stata introdotta tante liquidità interno dell'Ue. Poi l'euro così basso favorisce le nostre espoertazioni. Renzi si è preso i meriti di una crescita che non è sua ma è generata da fattori esterni e ora i nodi stanno venendo al pettine. Resta il fatto che con fattori esterni molto favorevoli abbiamo una crecita italiana lentissima e quasi stagnante".

Maurizio Gasparri (senatore di Forza Italia): "Renzi racconta frottole, purtroppo lo sapevamo e non ce ne meravigliamo. Siamo tristi per l'Italia, visto che le cose vanno male, e attendiamo la 'Renziexit'".

Claudio Borghi Aquilini (responsabile economico della Lega Nord): "E' l'ultimo trimestre positivo che vediamo, perché poi saremo in recessione. Posso scriverlo anche senza avere previsioni econometriche ma semplicemente con il buon senso. Nel 2016 altro che Pil oltre l'1%, come prevede il governo, saremo in recessione, come ho già detto nei mesi scorsi e ribadisco".

Carlo Fidanza (responsabile Enti Locali di Fratelli d'Italia-An): "La tanto decatanta ripresa di Renzi non esiste. Nonostante uno scenario globale molto favorevole - petrolio, euro e QE -, noi siamo il paese che cresce di meno. E le turbolenze sui mercati sono dovute anche al fatto che non è stato ritenuto credibile il piano di garanzia pubblica per le sofferenze bancarie. Insomma, c'è un paese reale che continua a soffrire e poi c'è un paese immaginario di Renzi a cui non crede più nessuno".

Raffaele Fitto (leader dei Conservatori e Riformisti): "Lo diciamo da mesi e i dati purtroppo lo confermano. Renzi resta inchiodato allo 'zero virgola', altro che ripresa. E per due volte - a fine 2014 e a fine 2015 - ha bocciato gli emendamenti che noi Conservatori e Riformisti abbiamo presentato per un supertaglio di spesa e tasse. Ma Renzi ha detto 'no' a un vero taglio fiscale, ha detto no a una vera spending review, e ora raccoglie quello che ha seminato".

Alfredo D'Attorre (deputato di Sinistra Italiana): "Il governo Renzi si è vantato per mesi e addirittura, per la prima volta, le previsioni erano state corrette al rialzo. Qui invece è evidente la totale delusione, non solo non c'è stato l'1% di cui si era parlato ma nemmeno lo 0,9% scritto nel Def. Non solo, il Pil nel quarto trimestre è stato addirittura sotto la previsione dello 0,7%. Penso che il governo debba prendere atto dell'insuccesso della sua politica economica ed europea e cambiare strada. Dico con chiarezza che se il governo dicesse con onestà 'prendiamo atto che il Jobs Act e le riforme chieste dall'Europa non hanno prodotto i risultati positivi sperati' e quindi riconoscesse la necessità di cambiare rotta, aprendo una vertenza vera con l'Europa, credo che in Parlamento tutte le forze sane che vogliono bene all'Italia sarebbero disponibili a sostenere un governo che facesse questo. Ovvero che chiedesse all'Europa due cose nette e chiare: sospensione del 'bail in' e introduzione di un sussidio europeo contro la disoccupazione".
 


Condividi su

In vetrina

Error processing SSI file
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
Il video più apprezzato

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it