A- A+
Politica
Pd, D'Attorre annuncia l'addio. "Non voto questa Legge di Stabilità"


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"Se la Legge di Stabilità rimane così com'è ritengo che sia non votabile per chi è stato eletto con il programma del 2013. Quindi, personalmente, senza correzioni profonde non la voterò, neppure se ci fosse l'imposizione del voto di fiducia. Ovvio che se questo avvenisse avrebbe conseguenze politiche anche in ordine all'appartenenza al partito e al gruppo". Alfredo D'Attorre, esponente di spicco della minoranza dem, intervistato da Affaritaliani.it, annuncia di fatto l'addio al Partito Democratico.

Ma che cosa c'è che non va nella Legge di Stabilità? "E' un complesso di questioni che riguardano l'indirizzo di fondo della politica economica", spiega D'Attorre. "C'è la scelta di dove allocare la riduzione fiscale. E' giusto ridurre le tasse, ma il problema è a vantaggio di chi. Renzi decide di privilegiare i profitti delle grandi aziende e i grandi patrimoni immobiliari. Si toglie la tassa sulla prima casa anche a chi è proprietario di un castello o di una mega-villa, violando tra l'altro il principio di progressività stabilito dalla Cosituzione, e si preferisce dare la priorità al taglio delle tasse sui profitti aziendali piuttosto che a quello sui redditi da lavoro. Sono scelte di impronta reganiana che disegnano un totale stravolgimento della politica economica rispetto ai cardini basilari e ai principi stessi del Centrosinistra. A ciò si aggiunga il taglio consistente alla sanità, la cui spesa cala in rapporto al Pil e subisce un taglio di oltre due miliardi rispetto al Def approvato a settembre. A ciò si aggiunga l'assenza di qualsiasi intervento correttivo della riforma Fornero in materia di uscita flessibile dal lavoro. A ciò si aggiunga l'entità irrisoria e perfino provocatoria delle risorse per il rinnovo del contratto del pubblico impiego. A ciò si aggiunga infine la totale inconsistenza degli interventi sul Mezzogiorno. E in più, come ciliegina sulla torta, c'è l'innalzamento dell'uso del contante con il messaggio molto inquietante e preoccupante che si trasmette in materia di lotta all'evasione e alla corruzione".

A questo punto c'è spazio per costruire una nuova sinistra a sinistra del Pd? "C'è lo spazio per una nuova forza larga di Centrosinistra che recuperi anche una radice ulivista. Il Pd proseguendo su questa rotta - afferma D'Attorre - non lascia scoperto il fianco della sinistra radicale e massimalista, ma lascia senza casa milioni di elettori di Centrosinistra che negli anni scorsi avevano votato Prodi, l'Ulivo e le coalizioni di Centrosinistra. In giro per l'Italia incontro tanti elettori di estrazione cattolica e popolare che si trovano totalmente disorentati rispetto a questa involuzione del Pd. Lo spazio c'è per una forza larga, plurale che occupi un campo di Centrosinistra che oggi rimane senza voce e senza rappresentanza politica per la trasformazione del Pd in un partito moderato che si volge più volentieri a destra che a sinistra".

Tags:
d'attorrepdlegge di stabilità

in vetrina
Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Toninelli visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.