A- A+
Politica
Giarrusso (M5S) ad Affaritaliani.it: Delrio premier al posto di Renzi


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Senatore, ci spieghi che cosa sta accadendo a Palazzo Madama?
"Stanno dando il preavviso di sfratto a Renzi".

Prego?
"C'è Delrio che sta riscaldando i motori".

Ah, quindi Delrio sostituirà Renzi a Palazzo Chigi?
"Renzi si illude di minacciare i senatori con le elezioni e loro si stanno ricompattando su uno più moderato e meno estremista, come Delrio".

Quindi Renzi è in caduta libera secondo lei?
"E' emblematico il passaggio della Festa dell'Unità. Un segretario che non ci va significa che non ha più il consenso e che non è più vincente. Non è andato perché temeva contestazioni dai suoi. Non ha più la fiducia del partito ma solo del suo gruppo ristretto".

La sinistra Pd sosterrà Delrio?
"Stanno facendo il tentativo di tener unito il partito e, probabilmente, Delrio avrebbe più successo di Renzi, che ormai non tiene più unito il Pd. Lo si è visto con il caso Azzollini, dove Renzi è stato ostaggio di Alfano ed è andato a braccetto con Verdini. Ci sono cose parecchio indigeste che all'interno del Pd in molti non gradiscono più".

I tempi?
"A settembre Renzi proverà a forzare la mano con le truppe cammellate di Verdini. E alla prima forzatura può darsi che gli facciano lo sgambetto".

Chi lo farà cadere?
"Chi si sente più in pericolo e in molti sono a rischio sopravvivenza per le scelte non condivise del premier. Scelte che il Paese non condivide più. Penso alla scuola, a Roma, alla Sicilia, eccettera eccettera. Renzi non ne sta azzeccando più neanche una. Poi ci saranno i tagli da fare e le promesse economiche da mantenere. Basta vedere che ormai tutte le cose rognose le stanno rinviando a settembre".

E Berlusconi appoggerà Delrio?
"Bisognerebbe chiederlo a Delrio. Sicuramente gli serve Verdini. Per Renzi è troppo pesante Verdini, ma con un governo più felpato potrebbe essere meno ingombrante".

E la Lega che ruolo sta giocando?
"Faticano a riposizionarsi. Sono orfani di Berlusconi, perché sanno che non tornerà mai più, e non sanno con chi andare. Vorrebbero andare con Renzi ma lui non li vuole. E Berlusconi, come si è capito, tira a campare".

I fittiani?
"Vorrebbero essere l'alternativa a Renzi ma non hanno considerato che lo spazio a destra è stato occupato da Renzi stesso, che è la più pura e forte estrema destra italiana. Certo più di Fitto".

Ma il Patto del Nazareno cè ancora?
"Bella domanda. Sembrerebbe superato nei fatti anche se non fino in fondo almeno sulle riforme costituzionali. L'avviso pesante c'è stato sulla Rai, al premier hanno detto che non si può più giocare".
 

Tags:
giarrussorenzidelrio
in vetrina
Valentina Bissoli scalda una New York bollente. La regina italiana degli Usa

Valentina Bissoli scalda una New York bollente. La regina italiana degli Usa

i più visti
in evidenza
Katia, show fotonico in giardino E' la resa dei conti per tre...

TEMPTATION ISLAND 'FINALE'

Katia, show fotonico in giardino
E' la resa dei conti per tre...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Missione Apollo 11: sulla luna c’era anche Ford

Missione Apollo 11: sulla luna c’era anche Ford


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.