A- A+
Politica
Di Battista sbaglia piazza e viene fischiato

 

Alessandro Di Battista è forse il meno peggio tra i personaggi della galassia grillina.

Laureato, attivo nella cooperazione internazionale, condivide però con Luigi Di Maio la passionaccia per storpiare i congiuntivi, del resto vero pons asinorum dell’italiano medio.

Resta mitico il suo fantozzianissimo  “lei non mi interrompi” alla trasmissione Piazza Pulita rivolto ad un giustamente perplesso  Gennaro Migliore.

E condivide anche -a dire il vero- quell’atteggiamento di estrema superficialità che rasenta la faciloneria per cui non si prepara bene quello che deve dire e soprattutto quello che deve fare. Ecco, in un periodo storico politico differente si parlerebbe di “mancanza di analisi”, mentre il popolo la definirebbe in maniera assai più colorita ed efficace.

Ieri, Dibba, come ormai viene chiamato, ne ha combinata un’altra in puro stile grillino e sentito odor di contestazione popolare contro la odiata casta -di cui ora fa parte a pieno titolo-  si è precipitato fuori dal Palazzo per antonomasia e cioè Montecitorio, per arringare il sempre mitico popolo (in seguito, smp) che urlava “ladri e onestà”.

Queste parole, come noto, hanno effetto magico sul grillino medio e risveglia in lui atavici istinti archetipali su cui lo scaltro comico genovese c’ha costruito una fortuna, economica e politica.

Dicevamo dunque che Dibba ha levitato giù per le marmoree scale ed è uscito, quasi volando, ad arringare il popolo.

Si è tolto la giacca ed è rimasto in camicia a maniche lunghe, nonostante l’impietoso sole modello estate che manco in Africa.

Ma dopo un po’ e dopo i soliti cambi di megafoni che in queste manifestazioni non funzionano misteriosamente mai dal lontano ‘68, il smp lo ha preso a pernacchie e fischi, soprattutto dopo che aveva incautamente citato i nomi di De Gasperi e Mussolini che avevano posto la fiducia sulla “legge truffa” di Scelba e sulla legge Acerbo (ah, Santa Wikipedia, salvezza del grillino!) e qualcuno ha pure gridato “arrestatelo”.

Uno dei più coreografici contestatori in prima fila e giacca e cravatta gli urla impietosamente ogni tre secondi: “che cazzo dici?” fino a quando il grillino finalmente capisce che non si tratta dei suoi.

Cosa era successo? Dibba, sempre da bravo grillino, aveva sbagliato piazza ed era finito a concionare il Generale Pappalardo e i suoi seguaci forconi e no vax che vogliono cacciare i parlamentari “abusivi” da Montecitorio e quindi pure lo stesso “dipendente” Di Battista che, vista la mala parata, se l’è data rapidamente a gambe rifugiandosi -per nemesi storica- nel mitico Palazzo che una volta contestava.

Per concludere caro Di Battista: c’è sempre un populista più populista di te che ti popula…

Tags:
di battistagenerale pappalardocinque stellemussolinide gasperi

in vetrina
Diletta Leotta lascia Sky Sport e passa a Dazn. Ecco cosa farà

Diletta Leotta lascia Sky Sport e passa a Dazn. Ecco cosa farà

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana I piccoli calciatori visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
I piccoli calciatori visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot presenta la limited edition della 208 Black Line

Peugeot presenta la limited edition della 208 Black Line

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.