A- A+
Politica
Elezioni europee, Di Maio punta al centro. Ma il Ppe smentisce: "Mai contatti"
Foto: LaPresse

Dopo i flirt con i gilet gialli e gli attacchi quotidiani a Bruxelles, Luigi Di Maio torna a un linguaggio istituzionale ed europeista. Barra di navigazione rivolta al centro, al grande spazio politico dei moderati. Il leader M5S apre un canale addirittura con il Partito popolare, considerato fino a ieri l’artefice della deriva dell’austerity nell’Unione Europea, come scrive La Stampa. I segnali? Prima l’elogio di Angela Merkel, che in un’intervista a Die Welt Di Maio ha detto di stimare, oltre ad aver dichiarato di non "aver mai attaccato la Germania". Eppure nell’agosto 2016 disse: "Ci credo che Merkel sostiene il Jobs Act. Più Renzi distrugge il mercato del lavoro italiano, più la Germania se ne avvantaggia". 

Poi Di Maio ha cominciato a battere contro tutti i nemici di Merkel, da Orban (suo avversario nel Ppe) all’ultradestra tedesca di Adf, arrivando a dire, ieri, che "il sovranismo non aiuta l’Italia". Lo scorso luglio disse: "Sovranismo non è una brutta parola". Quando poi il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker è venuto in Italia e ha definito "bugiardi" alcuni ministri italiani, Di Maio ha detto: "Non replico a Juncker", a differenza di quanto ha fatto altre volte. Sempre secondo La Stampa, durante il colloquio dei giorni scorsi con Conte, Juncker ha invitato il premier a persuadere i grillini a partecipare all’asse europeista contro i sovranisti di Salvini: "Possono essere decisivi". 

E "decisivo" è l’aggettivo che usano spesso i 5 Stelle quando vagheggiano di un ruolo all’Europarlamento da "ago della bilancia", se la maggioranza tra Ppe, Pse e liberali non dovesse reggersi da sola. Di Maio ci spera e sogna il M5S come "una forza di governo europea". E quella europea è anche una proiezione delle nuove ambizioni nazionali. Nella sfida a Salvini e ai sovranisti, Di Maio intravede, per contrasto, uno spazio politico contendibile: "Dobbiamo puntare al voto dei moderati. Posizionarci al centro, e da lì diventare determinanti".

Elezioni europee: fonti PPE, no contatti con Di Maio nè ci saranno

Il Ppe chiude la porta a un dialogo con il Movimento Cinque Stelle dopo le elezioni Europee. Lo fanno sapere fonti Popolari europee all'AGI, commentando le indiscrezioni pubblicate da La Stampa secondo cui il M5S sarebbe pronto ad aprire un dialogo con i Popolari dopo il voto di maggio. "Il signor Di Maio può dire quello che vuole - chiariscono le fonti - il Ppe non ha avuto contatti con lui e non lo farà". Le fonti Popolari ricordano che fu l'attuale capogruppo del Ppe all'Europarlamento e candidato dei Popolari alla guida della Commissione, Manfred Weber, "a denunciare nel gennaio 2017 l'accordo sotto banco tra Di Maio e Guy Verhofstadt" per l'adesione dei Cinque Stelle all'ALDE "che ha quasi fatto esplodere questo gruppo e che, alla fine, ha cambiato le sorti dell'elezione alla presidenza del Parlamento europeo a favore di Antonio Tajani anziché di Gianni Pitella".

Commenti
    Tags:
    di maioppepopolarieuropam5selezioni europeeunione europeamerkel
    in evidenza
    Diletta Leotta torna single Il gossip che scalda l'estate

    Sport

    Diletta Leotta torna single
    Il gossip che scalda l'estate

    i più visti
    in vetrina
    Elezioni Sardegna e Lotti, nuove batoste per il Pd. Si scatena l'ironia social

    Elezioni Sardegna e Lotti, nuove batoste per il Pd. Si scatena l'ironia social


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Renault Koleos: il grande SUV diventa più stiloso e più confortevole

    Nuovo Renault Koleos: il grande SUV diventa più stiloso e più confortevole


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.