A- A+
Politica
Dl Dignità, Berlusconi a Salvini: la Lega lo blocchi


"In questi giorni assistiamo a un balletto di cifre sul cosiddetto Decreto Dignita'. Un provvedimento, scritto da chi evidentemente non sa nulla del mercato del lavoro, che e' destinato a distruggere dei posti di lavoro. Io spero ancora che la Lega ci aiuti, anzi rivolgiamo un accorato appello a Salvini per bloccare queste norme, in nome delle aziende, dei produttori, dei lavoratori, degli artigiani, dei commercianti, degli agricoltori, che non hanno davvero bisogno di altre difficolta' da aggiungere alle tante con cui combattono ogni giorno". Lo dice Silvio Berlusconi durante la riunione a Montecitorio con i parlamentari di Forza Italia, i consiglieri regionali e i sindaci del partito.

LA RISPOSTA DI SALVINI A BERLUSCONI

"Noi lavoriamo per migliorarlo, non per bloccarlo". Lo dice il vicepremier Matteo Salvini, rispondendo ai cronisti che gli chiedono un commento sulle parole del leader di Forza Italia che gli ha chiesto di bloccare il dl dignità. "Noi lavoriamo per aggiungere, arricchire, migliorare". "Il nostro non è il governo del blocco - sottolinea - ma quello del cambiamento". Berlusconi dice che noi siamo arroganti come i sessantottini? "Eh, io non ero neppure nato nel '68, sono del '73", aggiunge Salvini. "Lavoreremo a lungo e bene, contiamo su una opposizione che dia suggerimenti, ci sono alcune forze, penso a Fi e Fdi, con dei progetti di legge che sto esaminando e che potranno arricchire il contratto di governo". "Poi c'è l'opposizione confusionaria di sinistra", dice il vicepremier leghista.

LE PAROLE DI SILVIO BERLUSCONI

"Per governare bisogna avere un'idea chiara di dove si vuole andare, non basta dire che fino a oggi si è seguita la strada sbagliata. L'azione del governo Conte fin qui è stata di assoluta mediocrità ed è destinata a peggiorare". Lo afferma Silvio Berlusconi all'assemblea di Forza Italia. "Un terzo degli italiani non arriva a fine mese. Non si risolve nulla con il reddito di cittadinanza, sarebbe un incentivo alle imprese per licenziare", aggiunge.

A Salvini: "Blocchi il decreto dignità" - Il leader di Forza Italia rivolge il suo appello a Salvini e dice: "Io spero ancora che la Lega ci aiuti, anzi rivolgiamo un accorato appello a Salvini per bloccare queste norme, in nome delle aziende, dei produttori, dei lavoratori, degli artigiani, dei commercianti, degli agricoltori, che non hanno davvero bisogno di altre difficoltà da aggiungere alle tante con cui combattono ogni giorno".

"Prepariamoci per il ritorno al governo" - Esorta poi gli eletti del suo partito a "prepararsi al momento in cui dovremo di nuovo assumerci importanti responsabilità alla guida del Paese" esortandoli così: "Siamo noi, non certo il Pd, la risposta al pauperismo e al giustizialismo, che rischiano di distruggere l'Italia, di riportarla indietro di decenni, ma che gli italiani non sopporteranno a lungo". E assicura: "Io sarò con voi in questa battaglia. Sarò in campo perché lo considero un dovere morale verso il mio Paese. Non è scomparsa l'Italia seria , onesta, perbene, concreta e laboriosa. Quella dei ceti produttivi, che lavora e vuole lavorare, che non crede nelle illusioni e nelle facili promesse, che non si attende dallo Stato la soluzione di tutti i problemi".

"L'altra Italia, casa politica degli italiani" - Berlusconi avverte: "Io credo che la bolla di consenso che oggi accompagna i partiti di governo si sgonfierà velocemente e la politica ricomincerà a correre, a contare e a farsi valere. Spero che la Lega se ne renda conto in tempo, ricostituendo anche a livello nazionale quell'alleanza di centro-destra che è la maggioranza naturale degli italiani. Quello sarà il nostro momento. Il momento di ridare una casa politica, un progetto serio, una speranza a quella che mi piace chiamare la 'nostra Italia', 'l'altra Italia'".

"L'esecutivo più a sinistra della storia" - "Siamo di fronte al governo più sbilanciato a sinistra della storia recente - dichiara Berlusconi -. Cosa succederà nei prossimi mesi? Per attuare le pericolose promesse dei grillini bisognerà sfasciare l'equilibrio dei conti pubblici, oppure imporre nuove tasse. Entrambe sono ipotesi devastanti per l'economia e il futuro del Paese".

Migranti ed Europa - Berlusconi interviene inoltre sull'emergenza migranti: "Abbiamo fatto e continueremo a fare il nostro dovere con senso di responsabilità verso gli italiani, ma proprio per questo possiamo dire esplicitamente che la fermezza contro gli sbarchi è necessaria ma non sufficiente, che alzare la voce in Europa può essere giusto solo a condizione di poterselo permettere e di avere degli alleati pronti ad aiutarci, a fare da sponda alle nostre richieste".

Le responsabilità della sinistra - "Non dobbiamo dimenticare però che l'ondata di immigrati irregolari che si è abbattuta sulle nostre coste non dipende affatto dagli accordi di Dublino, dipende dalle politiche concordate in sede europea dai governi della sinistra negli ultimi anni, per avere in cambio un po' di flessibilità sui conti pubblici".

"E' giusto anche chiedere all'Europa un atteggiamento diverso, chiedere di rivedere gli accordi di Dublino, che furono sottoscritti in un'epoca profondamente diversa, quando i numeri delle migrazioni erano tutt'altri e le rotte non erano solo quelle del Mediterraneo".

Ue da cambiare - Poi, a proposito di questa Europa, dice che "non ci piace. Ma vogliamo e dobbiamo cambiarla perché ne siamo parte, perché è la nostra famiglia, è la nostra cultura, è il nostro destino. Per affrontare questi compiti ci vorrebbe un'Europa diversa, in mano a statisti capaci di condividere le grandi idee e le grandi visioni dei padri fondatori. Un'Europa capace di una politica estera e di difesa comune perché consapevole di essere portatrice di valori e interessi comuni. Un grande spazio di libertà, governato dai cittadini, e non una sommatoria di egoismi nazionali governata da una burocrazia miope".

Tags:
dl dignitàberlusconisalvini

in evidenza
La moglie rompe il silenzio "Michael è un combattente e..."

Schumi, parla Corinna

La moglie rompe il silenzio
"Michael è un combattente e..."

i più visti
in vetrina
Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.