A- A+
Politica
Dl Dignità, Di Maio: "No fiducia, ma non arretreremo"

LAVORO: DI MAIO, SU DL DIGNITA' NO FIDUCIA MA NON ARRETREREMO

Sul Decreto Dignità il governo potrebbe non ricorrere alla fiducia ma sui contratti e le delocalizzazioni l'esecutivo "non arretrerà". E' il ministro dello Sviluppo e del lavoro nonchè vicepremier, Luigi Di Maio, ad affermarlo dai microfoni di Radio 1. "Fiducia? Non credo ci sia bisogno perchè il Parlamento deve avere la possibilità di discutere e migliorare il provvedimento. Certo noi non arretreremo se l'intenzione dovesse essere quella diannacquare le norme contro il precariato e la delocalizzazione", spiega. E ribadisce come il governo sia aperto ai miglioramenti, "nel caso si vogliano eliminare scartoffie burocratiche, aumentare le sanzioni achi delocalizza o dare una nuova stretta al gioco d'azzardo", ma non a cambiare "la stretta sui contratti a tempo determinato". Anzi sul gioco d'azzardo ipotizza un nuovo passo avanti: "Cominciamo a verificare la possibilità di una stretta sulle concessioni, non solo sulle pubblicità", annuncia.     

DL DIGNITA': BERLUSCONI "PUNISCE IMPRESE, CI SARANNO PIU' DISOCCUPATI"

"Di Maio rispolvera ricette vecchie che sono fallite in tutto il mondo: sembra incredibile ma il Ministro del Lavoro ripropone nel 2018 soluzioni vetero-comuniste gia' sconfitte nel '900 e alle quali non credono piu' nemmeno i sindacati seri". Lo scrive il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi in una letteera al Corriere della Sera a proposito del dl dignita'. "Un errore clamoroso - aggiunge - perche' in questo modo non si riduce la flessibilita', si riducono i posti di lavoro, e si scoraggiano i contratti regolari a vantaggio del lavoro nero. Chi ha scritto il decreto certo non conosce l'economia reale come chi lavora e chi fa impresa. Un milione di contratti che stanno per essere rinnovati ora sono a rischio e per quasi la meta' si tratta di giovani. Secondo le stime, in Italia i contratti regolari a tempo determinato sono 3 milioni, e 3 milioni quelli in nero. Il "decreto dignita'" colpisce i primi e finira' con l'aumentare i secondi". Per Berlusconi "e' certamente un male per le imprese, per i lavoratori, per l'occupazione, per i veri e propri drammi sociali che l'Italia deve affrontare: 15 milioni di italiani in condizioni di poverta', dei quali quasi 5 milioni in poverta' assoluta, tre milioni di giovani che non studiano e non lavorano, tre milioni di anziani che rinunciano a cure mediche indispensabili perche' non se le possono permettere".

DL DIGNITA': DI MAIO "BERLUSCONI PREOCCUPATO PER ASSENZA TUTELE LOBBY?"

"Berlusconi preoccupato per Dl Dignita'? Forse perche' abbiamo tutelato gli interessi delle fasce piu' deboli e non quelli delle lobby del gioco d'azzardo tanto care alle sue TV. Se ne faccia una ragione, noi continueremo a lavorare nell'esclusivo interesse delle famiglie!". Lo scrive su twitter il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio

Tags:
dl dignitàberlusconidi maiodl dignità berlusconidl dignità di maiodi maio berlusconi

in evidenza
I Blaugrana come la Roma Goldman advisor per lo stadio

Camp Nou

I Blaugrana come la Roma
Goldman advisor per lo stadio

i più visti
in vetrina
Ilaria D'Amico dice addio alla Serie A su Sky dopo 15 anni

Ilaria D'Amico dice addio alla Serie A su Sky dopo 15 anni

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen 2 CV: una splendida settantenne

Citroen 2 CV: una splendida settantenne

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.