A- A+
Politica
Elezioni 2018 exit poll alle 23. Pd crollo? Dubbi nel M5S. Rumor sui risultati

ELEZIONI 2018 EXIT POLL ALLE 23 DI DOMENICA

Elezioni 2018 sondaggi: da sabato 17 febbraio è vietata per legge la pubblicazione di sondaggi elettorali e sentiment sulle elezioni politiche 2018 del 4 marzo

Gli Italiani stanno votando. Urne aperte. Dopo una campagna elettorale non entusiasmante, alle urne per eleggere il nuovo Parlamento.

Alle ore 23 di oggi, domenica 4 marzo in esclusiva gli exit poll realizzati da Affaritaliani.it in collaborazione con il sondaggista Alessandro Amadori.

Nel frattempo, a urne aperte, gli ultimi feeling sulle elezioni 2018. Nessun valore statistico, nessun sondaggio, ma le sensazioni che si respirano nelle sedi dei principali partiti politici sul voto.
 

CENTRODESTRA

Forza ItaliaLega nordFratelli d'ItaliaNoi con l'Italia

In Forza Italia, nella Lega, in Fratelli d'Italia e in Noi con l'Italia-Udc prevale la sensazione che la vittoria sia possibile. Anzi, vicina. Deputati e senatori dei partiti del Centrodestra condividono l'impressione quasi unanime di essere prossimi alla maggioranza, più facile a Palazzo Madama che a Montecitorio. Nel quartier generale del partito di Berlusconi però continuano a temere seriamente il possibile sorpasso da parte della Lega di Salvini, nonostante l'ottimismo dell'ex Cavaliere. In Via Bellerio, sede del Carroccio, sono convinti di arrivare davanti in tutto il Nord, soprattutto in Veneto ma anche in Lombardia, in Piemonte, in Liguria e in Friuli Venezia Giulia. Non solo, ottimismo anche sulle Regioni rosse (Emilia Romagna e Marche in testa) e sul dato nel Mezzogiorno, in particolare in Sardegna, Sicilia, Puglia e Abruzzo.  Forza Italia spera invece di riuscire a tenere abbastanza bene nel Sud per controbilanciare il dato delle altre Regioni. Fratelli d'Italia ha come obiettivo il 5%, una percentuale superiore sarebbe un successo. E la Meloni è convinta di essere tra coloro che brinderanno il 5 marzo. Nci-Udc, invece, è seriamente preoccupata di fallire l'obiettivo del 3% a causa soprattutto del risultato non brillante nel Nord Italia.

MOVIMENTO 5 STELLE       

Movimento 5 stelle

Nel Movimento 5 Stelle sono sicuri di risultare la prima forza politica nella parte proporzionale anche se il timore è quello di non ottenere un dato così clamoroso come qualcuno poteva prevedere o sperare soprattutto perché nelle ultimissime ore la preoccupazione sarebbe pure aumentata in tal senso. L'impressione diffusa è quella di essere forti soprattutto nel Mezzogiorno dove la speranza è quella di strappare qualche collegio ai partiti di Centrodestra. Ottimismo per il risultato nel Lazio, meno nelle altre regioni centrali. Al Nord, invece, prevale il pessimismo. I 5 Stelle temono di restare dietro Centrodestra e Centrosinistra soprattutto in Veneto e in Lombardia e di vedere così compromessa la corsa per arrivare da soli al governo del Paese. Anche in Piemonte, Liguria e Friuli Venezia Giulia le attese dei grillini non sono molto positive.

 

CENTROSINISTRA

Partito DemocraticoPiùEuropaLista civica LorenzinLista Insieme
Nel Partito Democratico è ormai opinione diffusa che il risultato sarà negativo, se non fortemente negativo. Parlando con deputati e senatori dem appare molto complicato il raggiungimento del valore ottenuto da Bersani nel 2013 (25% circa). La preoccupazione è quella di vincere in pochissimi collegi e quasi tutti in Toscana e in Emilia Romagna, oltre all'Alto Adige. Il Pd teme anche che +Europa della Bonino possa raggiungere il 3%, se non il 4, sottraendo 12-15 deputati al partito guidato da Renzi (e 7-8 senatori). Pd in ansia soprattutto al Sud dove, dicono i parlamentari dem, la partita sembra relegata alla sfida Centrodestra-M5S. Al Nord il timore è quello di non essere la prima forza non solo in Veneto, ma anche in Lombardia (dove si vota per le Regionali) e forse anche in Piemonte e perfino in Liguria. Quanto alle altre due liste, Civica Popolare e Insieme, dalle chiacchierate informali della vigilia del voto sembra che siano lontanissime dal 3%.

LIBERI E UGUALI

Liberi e uguali

Liberi e Uguali del presidente del Senato Pietro Grasso aveva come obiettivo la doppia cifra, ma il timore oggi è quello di restare intorno a una percentuale non deludente ma comunque modesta, stando almeno a quanto affermato dai parlamentari di LeU nelle ultime ore. Importante per Liberi e Uguali è soprattutto il risultato nel Centro Italia e in particolare in Toscana e in Emilia Romagna dove puntano alla doppia cifra. Al Nord e al Sud, stando sempre alle impressioni della vigilia tra deputati e senatori della sinistra, difficilmente il dato elettorale sarà esaltante. Ansia anche per la concorrenza a sinistra di Potere al Popolo e del Partito Comunista.
Tags:
elezioni politiche 2018elezioni 2018 centrodestraelezioni 2018 legaelezioni exit pollelezioni sondaggielezioni 2018 sondaggielezioni 2018 exit poll
in vetrina
Inter-Icardi, rinnovo di contratto? Wanda Nara al lavoro: "Sto..."

Inter-Icardi, rinnovo di contratto? Wanda Nara al lavoro: "Sto..."

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Macron (in gilet) visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Macron (in gilet) visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuovo CR-V Hybrid, il primo SUV Honda in versione ibrida

Nuovo CR-V Hybrid, il primo SUV Honda in versione ibrida

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.