A- A+
Politica
Elezioni 2018, la Rai salva Fazio e Vespa. I documenti integrali
Fabio Fazio

Elezioni 2018: la commissione di Vigilanza Rai ha approvato il regolamento sulla par condicio, bocciando gli emendamenti presentati dal Movimento 5 Stelle che miravano ad escludere dalle trasmissioni del servizio pubblico che possono andare in onda durante la campagna elettorale quelle condotte da Bruno Vespa e Fabio Fazio. Dunque, il voto della Vigilanza ha di fatto 'salvato' Porta a Porta e Che tempo che fa. Non solo. La commissione ha anche respinto le modifiche al testo che miravano ad eliminare qualsiasi riferimento alle coalizioni. Tra le novita', viene fatto un elenco dettagliato delle trasmissioni che dovranno attenersi alle norme sulla par condicio (tra queste anche le rassegne stampa). Nelle cosiddette 'interviste', sara' dato spazio specifico al 'capo della forza politica', figura introdotta dal Rosatellum. Infine, nessun 'favoritismo' per governo e personalita' che ricoprono un ruolo istituzionale.

Il regolamento sulla par condicio entra in vigore dal giorno della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e le disposizioni in esso contenute si applicano dal giorno dell'indizione dei comizi elettorali e cessera' di avere efficacia alla mezzanotte dell'ultimo giorno di votazione relativo alle consultazioni elettorali per le elezioni politiche del prossimo 4 marzo. La commissione di Vigilanza Rai ha approvato anche il regolamento della par condicio per le elezioni regionali in Lombardia e Lazio, che si svolgeranno nello stesso giorno delle elezioni politiche. Il regolamento prevede che la comunicazione politica "puo' effettuarsi mediante forme di contraddittorio, interviste e ogni altra forma che consenta il raffronto in condizioni di parita' tra i soggetti politici aventi diritto. Essa si realizza mediante le tribune e le eventuali ulteriori trasmissioni televisive e radiofoniche autonomamente disposte dalla Rai. Le trasmissioni possono prevedere anche la partecipazione di giornalisti e giornaliste che rivolgono domande ai partecipanti". Il regolamento si occupa anche della satira e dispone: "E' indispensabile garantire, laddove il format della trasmissione preveda l'intervento di un opinionista a sostegno di una tesi, uno spazio adeguato anche alla rappresentazione di altre sensibilita' culturali in ossequio al principio non solo del pluralismo, ma anche del contraddittorio, della completezza e dell'oggettivita' dell'informazione stessa, garantendo in ogni caso la verifica puntuale di dati e informazioni emersi dal confronto. Cio' e' ancor piu' necessario per quelle trasmissioni che, apparentemente di satira o di varieta', diventano poi occasione per dibattere direttamente o indirettamente temi di attualita' politica, senza quelle tutele previste per trasmissioni piu' propriamente giornalistiche". Infine, e' garantita "la piu' ampia ed equilibrata presenza di entrambi i sessi" per "contrastare la sottorappresentazione delle donne in politica".

Con il regolamento approvato dalla Vigilanza, spiega il relatore Francesco Verducci (Pd), "abbiamo deciso di stringere ulteriormente i bulloni in modo che la par condicio sia assolutamente stringente". Per questo, si e' deciso di prevedere un "elenco specifico" dei "programmi di informazione" soggetti alla par condicio. Tra questi figurano anche le "rassegne stampa", oltre ai telegiornali, i giornali radio, i notiziari e ogni altro programma di contenuto informativo a rilevante presentazione giornalistica. Si e' invece ritenuto di bocciare gli emendamenti dei pentastellati sullo stop a Vespa e Fazio, in quanto, spiega ancora Verducci, "si sarebbe introdotto un precedente grave, cioe' si dava la possibilita' di entrare nel merito delle scelte della Rai, togliendole autonomia, e si introduceva un potere discrezionale anche ad personam". Mentre "la legge e' chiara: e' la Rai a decidere quali trasmissioni sono ricondotte a una testata giornalistica", conclude il parlamentare dem.

Quanto ai tempi spettanti ai politici e alle forze politiche, il regolamento dispone espressamente che deve essere garantito nelle trasmissioni di comunicazione politica "l'accesso alle coalizioni presenti con il medesimo simbolo; alle liste di candidati che hanno il medesimo simbolo" e alle minoranze linguistiche. Il tempo deve essere ripartito "con criterio paritario tra le coalizioni". Inoltre, viene disposto che "la ripartizione degli spazi deve essere effettuata su base settimanale". Il regolamento disciplina anche la presenza degli esponenti di governo, evitando cosiddetti 'trattamenti di favore': "nei notiziari propriamente detti" la Rai deve garantire che "non si determini un uso ingiustificato di riprese con presenza diretta di membri del Governo, di esponenti politici o comunque di persone chiaramente riconducibili ai partiti e alle liste concorrenti per il ruolo che ricoprono o hanno ricoperto nelle istituzioni nell'ultimo anno". Infine, la Rai trasmettera' "una intervista per ciascuna delle forze politiche" che sara' "a cura di un giornalista Rai" e durera' 5 minuti. A "ciascuna intervista prende parte il capo della forza politica". Le interviste saranno trasmesse tra le "ore 22 e le ore 23,30". La successione delle interviste "e' determinata in base al numero dei rappresentanti di ciascun soggetto politico nel Parlamento nazionale uscente, in ordine crescente. Sono trasmesse per prime le interviste dei soggetti attualmente non rappresentati. Nei casi in cui non sia possibile applicare tali criteri si procede mediante sorteggio".

Tags:
raideliberapar condiciobruno vespaporta a portafabio fazio

in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

i più visti
in evidenza
Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

Cronache

Quando finisce il caldo anomalo
Pronta l'irruzione di aria fredda

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.