A- A+
Politica
Elezioni 2018 Pd crollo? Ansia nel Pd, ecco le cifre che girano fra i dem


Elezioni 2018 sondaggi: da sabato 17 febbraio è vietata per legge la pubblicazione di sondaggi elettorali e sentiment sulle elezioni politiche 2018 del 4 marzo
 

Affaritaliani.it lancia i feeling sulle elezioni 2018. Nessun valore statistico, nessun sondaggio, ma le sensazioni che si respirano nelle sedi dei principali partiti politici sul voto politico del 4 marzo. Aggiornamenti continui fino alla chiusura delle urne, prevista per domenica 4 marzo alle ore 23.
 

Elezioni 2018. Nel Partito Democratico continua a regnare forte la preoccupazione. Al di là dell'ottimismo di Matteo Renzi, comunque visibilmente nervoso, il timore forte (quasi una certezza) è quello di peggiorare perfino il 25% di Pierluigi Bersani nel 2013. L'impressione tra i Democratici è quella di un risultato deludente e la speranza è quella quantomeno di restare sopra il 20-21%. Nel Pd la preoccupazione è particolarmente forte soprattutto al Sud dove la partita - dicono al Nazareno - sarebbe tra Centrodestra e M5S. Ansia per risultati nettamente sotto il 20% in Sicilia e in Sardegna, spiegano fonti. Difficoltà si segnalano anche in Campania e in Puglia. Al Centro e nelle Regioni rosse il Pd teme di subire un forte ridimensionamento. Toscana ed Emilia Romagna restano le roccaforti di Renzi ma le percentuali del 40% potrebbero essere un lontanissimo ricordo. La paura è quella di subire una pesante sconfitta soprattutto nelle Marche dopo i gravi fatti di Macerata. Al Nord la preoccupazione nel Partito Democratico è perfino ancora più forte. In Veneto l'impressione è quella di restare sotto il 20% con la Lega lontanissima (davanti) ma il timore è quello di arrivare in seconda posizione anche in Lombardia e in Liguria. Leggermente meglio solo in Piemonte ma comunque senza ripetere i risultati discreti di cinque anni fa. In termini di collegi il Pd è sicuro di vincerne solo 20-25 tra Camera e Senato, moltissimi in bilico partendo da sfavorito. C'è poi il timore che +Europa superi il 3% sottraendo seggi al Pd nel proporzionale, mentre l'idea sulle alle altre due liste della coalizione di Centrosinistra (Insieme e Civica Popolare) è quella di un magro risultato, intorno all'1%.

Elezioni 2018. Nel Centrodestra cresce l'ottimismo e la convinzione di poter ottenere la maggioranza assoluta in termini di seggi. Secondo i calcoli che fanno soprattutto in Forza Italia al Senato, anche se di pochissimo, i numeri ci sarebbero già per poter governare (si parla di circa 160 parlamentari) mentre alla Camera la soglia sarebbe vicinissima (attualmente la coalizione sarebbe intorno a 310 deputati). Non solo, in molti collegi considerati in bilico, soprattutto al CentroSud, il Centrodestra sarebbe leggermente avanti (circa due punti) sia sui 5 Stelle sia sul Centrosinistra a guida dem. Resta forte la competizione tra Forza Italia e Lega. Gli azzurri, al di là dell'ottimismo di Berlusconi, temono che il Carroccio sia sottostimato nei sondaggi pre black-out a livello nazionale e non escludono il clamoroso sorpasso. FI sarebbe molto forte soprattutto in Sicilia, dicono, ma al Nord e al Centro subirebbe la concorrenza leghista. Salvini continua a ripetere che la Lega sarà il primo partito della coalizione e in Via Bellerio fanno notare che se si mettono insieme i dati regionali, sempre considerando i numeri usciti primi del black-out, la media nazionale risulta almeno del 17-18% con la possibilità, non remota, di un sorprendente 20%. Il Carroccio è sicuro di arrivare intorno al 30% in Veneto (anche oltre) e di essere il primo partito in Lombardia. Ottimismo anche in Liguria e in Piemonte, comunque sempre davanti a Forza Italia. Grandi aspettative anche dalle Regioni rosse dove l'obiettivo non dichiarato è quello di un 15% in Emilia Romagna e di un 12-13% in Toscana, Marche e Umbria. Nel Lazio i leghisti sperano di avvicinarsi al 10% (non impossibile) così come in alcune aree del Mezzogiorno come la Puglia. Voci in Via Bellerio parlano poi di un ottimo 5-6%, sempre come obiettivo, non si tratta di sondaggi ovviamente, in Campania e in Calabria. Bene anche il feeling in Sardegna. Fratelli d'Italia punta al 5% e ad essere nettamente la terza forza del Centrodestra. Meloni ottimista nel Lazio e al Sud mentre al Nord il timore è quello di non andare oltre il 2-3%. Noiconl'Italia-Udc spera di raggiungere la soglia del 3% per avere seggi anche nel proporzionale anche se la partita al momento è apertissima.

Elezioni 2018. Nel Movimento 5 Stelle si fanno i conti con le ultime polemiche legate soprattutto alla bufera infinta di Rimborsopoli. Luigi Di Maio ha parlato di "boomerang" per gli altri partiti, ma la preoccupazione è quella di subire un calo il 4 marzo nelle urne. Il M5S resta convinto si risultare la prima forza politica nel proporzionale anche se l'obiettivo del 30% appare difficilmente raggiungibile. I 5 Stelle, dicono, si accontenterebbero di un 27% a livello nazionale. L'impressione tra i grillini è quello di un risultato molto forte al Sud, Sicilia in testa (dove è ppossibile vincere anche alcuni collegi uninominali) e Campania ma solo in parte. Al Centro il risultato potrebbero non essere particolarmente entusiasmante ma nemmeno deludente mentre il vero timore è per il Nord. Il M5S teme di restare intorno o sotto il 20% in Veneto e in Lombardia, leggermente meglio in Piemonte.

Elezioni 2018. Liberi e Uguali aveva come obiettivo, due mesi fa, il 10%. Ora, a microfono spento, la sinistra guidata da Pietro Grasso si accontenterebbe di un ottimo 8%. L'impressione è quella di non essere riusciti fino in fondo, almeno finora, a recupeare consensi tra i delusi del Pd che sono andati o nell'astensione o con i 5 Stelle. LeU sarebbe abbastanza tonico in Toscana, Emilia Romagna, Marche e Umbria mentre sia al Nord sia al Sud le percentuali che si aspettano i leader della sinistra non sono particolarmente alte. Il timore è anche quello di subire la concorrenza da sinistra, non solo e non tanto da parte di Potere al Popolo ma soprattutto ad opera del Partito Comunista di Marco Rizzo che potrebbe, dicono, ottenere risultati soddisfacenti perfino intorno al 2%.

Tags:
elezioni 2018elezioni 2018 sondaggielezioni 2018 sondaggi pd crolloelezioni 2018 sondaggi lega boom
in vetrina
Grande Fratello 2019, 3 concorrenti hanno fatto i bagagli. GF 2019 NEWS

Grande Fratello 2019, 3 concorrenti hanno fatto i bagagli. GF 2019 NEWS

i più visti
in evidenza
Rifiutati 100.000 euro a partita? De Rossi lasci in serenità la pelota

Sport

Rifiutati 100.000 euro a partita?
De Rossi lasci in serenità la pelota


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Fiat 500, arrivano le nuove versioni Star e Rockstar

Fiat 500, arrivano le nuove versioni Star e Rockstar


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.