A- A+
Politica
Elezioni Lazio, ecco perché credere in Sergio Pirozzi

E' un sentore comune - e sotto gli occhi di tutti - che la politica della Seconda Repubblica ha fallito implacabilmente. Ha perso ormai di smalto, credibilità e consensi su tutto il territorio nazionale. La gente è stanca, sfiancata ed esausta. I "big" continuano a non sentire, continuano a non vedere, persistono con bieca cecità a tirar l'acqua verso i propri mulini, fregandosene del cittadino inerme. Con la lista delle candidature ad opera dei consueti schieramenti ci hanno presentato i soliti uomini di "corrente", docciati, ripuliti e rimessi in gara. Personaggi per lo più già stranoti che hanno, a più riprese, occupato per decenni poltrone all'emiciclo e nei vari consigli regionali. Il lungo elenco sarebbe talmente facile che è inutile riproporlo. Poche le facce nuove e se d'impatto qualche nome del "circo" appare immacolato in realtà dietro ad esso ci sono sempre i soliti burattinai tira fili che decidono, impartiscono e manovrano, alla faccia di una democrazia che è ormai allo sbando. Non era mai capitato che il popolo non sapesse per chi votare, non era mai successo in passato che l'elettore, a poche settimane dalle urne, fosse così incerto e confuso.
C'è da chiedersi chi ha fallito. Tutti!
Dal primo all'ultimo. 24 anni di governi (centrali e periferici) di centro destra e centro sinistra ad intermittenza ed oggi si spacciano per paladini del cambiamento. Solita solfa: pensioni minime a 1000 euro, via i vitalizi, sanità gratuità per tutti, giù le tasse per le imprese, più autonomia verso l'Europa e …. tante…troppe falsità che stanno inquinando la già sterile campagna elettorale. Quando un buon sindaco come Pirozzi (leale, schietto, pulito) decide di scendere in campo per il proprio territorio ecco che parte la crociata per deriderlo, distruggerlo, diffamarlo ed abbatterlo.
Vattene! Decidiamo noi.
No! Dice lui, rimango perché non accetto i vostri diktat fatti di scambi di poltrone e marciume che ha intossicato il nostro martoriato ma splendido territorio. Ci avete provato per decenni ma i risultati si vedono!  
Apriti cielo!
Arriva la cordata direttamente da Milano e tutti si stringono a corte come cagnolini dietro al loro illustre candidato. Il centro destra è spaccato in Regione come lo fu per Roma capitale. Ma il "gladiatore" della sventurata Amatrice va avanti, perché lui sa cosa significa il dolore, sa cosa significa amministrare, sa cosa vuol dire star vicino alla povera gente e soprattutto sa cosa significa la parola solidarietà! E come un combattente delle antiche arene romane va avanti, imperterrito e senza compromessi.
Qualcuno avrà pensato, "prima o poi cederà, non può sopportare una così imponente pressione da parte di tutti" (paradossalmente anche di quelli che dovevano essere suoi alleati) ed invece no, lui resta. Al gioco delle tre carte non ci sta e Sergio prosegue in solitaria il suo cammino.
Gira come una trottola, incontra gente, stringe mani, guarda negli occhi, ascolta la disperazione, comunica il suo pensiero e da forza laddove l'energia sembra ormai esaurita. Chi vive, vede e sfortunatamente si circonda di macerie sembra che sia travolto dallo stesso insolito destino. E quando il calvario di Bertolaso è terminato, come fosse una "macabra" staffetta, ora tocca "al Sergio" di "noi artri". Tragico parallelismo che in questo nostro Paese appare scritto sulla tavola di una ritualità infausta. Chi si occupa di solidarietà deve inesorabilmente soccombere!
Arriva dunque, a pochi giorni dal voto, la già prevedibile chiusura delle indagini con relativa iscrizione sul registro degli indagati per l' "Intruso" che vuol arrivare ai palazzi romani. Non credo ci sia molto da aggiungere ma la questione risulta "curiosa" ai più. Perché la notifica giunge proprio nel momento più delicato del lavoro di Pirozzi? A migliaia se lo stanno chiedendo. Non dubitiamo della buona fede della magistratura ma aspettiamo prima di metterlo sulla gogna. E' colpevole? Ancora no! Perché fino a prova contraria lo si è solo a sentenze passate in giudicato. Ma, e qui c'è da dire un "MA" grande come una casa, nel Bel paese il giustizialismo (soprattutto nell'opinione pubblica) la fa da padrona. Eppure, scusate se ci permettiamo, ma trasversalmente (tanto per non fare torto a nessuno) vi dicono niente le vicissitudini di Bertolaso e Penati? Già condannati anni fa per i "ben pensati", assolti per gli organi giudicanti…ma intanto le loro carriere politiche vanno letteralmente a farsi benedire.
Molti, in questi ultimi tempi, parlano di attacco spietato ad orologeria. Non vogliamo azzardare nessuna ipotesi ma di certo la mente torna inesorabilmente alla vicenda Craxi o al "famoso" avviso durante il G7 di Napoli al Cavaliere. Coincidenze? Può darsi, ci mancherebbe, ma è lecito essere colpiti da sussulti interni inquietanti. Sappiamo però che le persone non sono poi così stupide come i politicanti credono, sarà loro premura farsi un'opinione sana e non macchiata da sciocchi pregiudizi prima ancora che un processo abbia inizio.
Pirozzi è un "guerriero", lo ha dimostrato con i fatti quando aveva la sua adorabile cittadina rasa al suolo. Vi sono pochi nel panorama sociale che incarnano quanto lui il detto "Meglio aver tentato e fallito che non aver provato mai", poiché non solo ha dimostrato di avere la "pellaccia" dura combattendo da solo e da mesi una sfida impari verso le regionali ma dopo quest'ultima bastonata della Procura di Rieti, stiamone certi, ne uscirà gloriosamente vittorioso. E pensare che tutti, a turno, (destra, sinistra, centro) in tempi non sospetti e dopo il terribile sisma, sono andati a farsi belli nel suo Paese davanti alle telecamere per dimostrare vicinanza a lui e al suo territorio. Addirittura c'era perfino la gara a chi riusciva ad ottenere simpatie di questo primo cittadino. E' dei nostri (sussurrava orgogliosa la Destra)… NO…è con noi….(ribadiva il centro sinistra). Quando era all'apice della popolarità per quel suo modo "squisito" e tenace di scuotere Roma gli hanno proposto di tutto, seggi sicuri, poltrone, forse (chissà) anche danari e ogni possibile sicurezza purché indossasse certe "casacche". Ma lui non si è venduto ai quattrini della "Seria A", ha preferito tenere la maglia della "sua" piccola Amatrice ed estendere l'amore verso l'intera "sua" Regione. Poi, è giunto il momento "topico", il giorno in cui è stato Lui ad avere bisogno di loro, di un appoggio, di un sostegno essenziale per il viaggio verso la Pisana e Via Rosa Raimondi Garibaldi, ma, per mesi, nessuno lo ha ascoltato. Quell'uomo, che tanto nel corso dei mesi avevano corteggiato, era d'uno tratto divenuto un ostacolo. E allora?
E allora da esperti navigati hanno tentato di piegarlo, di spezzarlo, di demonizzarlo, non curandosi del fatto che la gente, la sua gente, di Rieti, Latina, Viterbo, Frosinone e Roma non lo mollerà proprio nel momento più importante…..perchè Sergio tutto è tranne che un capitano che abbandona la sua nave.
Ed è dunque giusto e perfetto dire che: all'uomo gli auguriamo di difendersi nel migliore dei modi e nelle sedi opportuno, mentre al sindaco prestato alla politica una sofferta quanto meritata fortuna in campo elettorale.               
           
M.C.
mk.crocoli@gmail.com

Tags:
lazio sergio pirozzi

in vetrina
Inter-Icardi, Wanda Nara: "Tre big pronte a pagare la clausola. Con l’Inter.."

Inter-Icardi, Wanda Nara: "Tre big pronte a pagare la clausola. Con l’Inter.."

i più visti
in evidenza
Beatrice Borromeo mamma Secondo figlio da Pierre

Costume

Beatrice Borromeo mamma
Secondo figlio da Pierre

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
A Company Car Drive le proposte di Groupe PSA

A Company Car Drive le proposte di Groupe PSA

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.