A- A+
Politica
Elezioni politiche 2018 Pd, è fuga dal Pd e da Renzi: tutti i nomi

Sul carro del vincitore si sale, sul carro del perdente si scende. E' quasi una lezione di vita ed è esattamente quello che sta accadendo o che sta per accadere nel Partito Democratico. Matteo Renzi, raggiunto il record negativo nei sondaggi, teme ora una sorta di fuga in massa di parlamentari e consiglieri regionali-comunali in vista delle elezioni politiche. Il fallimento di Piero Fassino, certificato con l'addio di Giuliano Pisapia e di Angelino Alfano, che non è riuscito a costruire nemmeno una coalizione bonsai, apre la strada a nuove clamorose uscite dai Democratici. Ormai le possibilità che il Pd vinca le prossime elezioni sono più o meno pari a quelle di una nevicata a luglio a Palermo e quindi, pensano in molti, meglio riposizionarsi guardando alla nuova lista Liberi e Uguali.

Il tam tam del Palazzo segnala che ci sarebbero già almeno cinque senatori pronti a seguire Pietro Grasso e a lasciare il Pd: Vannino Chiti, Claudio Micheloni, Luigi Manconi, Walter Tocci e Massimo Mucchetti. Perfino il sempre pacato Franco Monaco, prodiano della prima ora, avrebbe le valigie in mano. Così come l'ex portavoce del Professore Sandra Zampa. Non solo. Gianni Cuperlo, che aveva deciso di restare nel Pd e di non seguire Pierluigi Bersani e Roberto Speranza in Articolo 1-Mdp, sarebbe pronto ad un clamoroso strappo dopo la decisione di affossare lo ius soli.

Anche nella minoranza di Andrea Orlando, ma non in quella di Michele Emiliano, ci sarebbero deputati e senatori che stanno pensando seriamente di lasciare il Pd. E perfino il Guardasigilli pare che non metterebbe la mano sul fuoco sulla sua permanenza nel partito di Renzi. In totale, da qui ai prossimi mesi e fino al voto, potrebbero perfino essere 30 o 40 i parlamentari in uscita. Se non di più. Ma anche diversi consiglieri regionali e comunali, da Nord a Sud, stanno valutando il da farsi senza escludere di seguire l'esempio di Grasso. Nel mirino soprattutto le Regioni rosse e in particolare la Toscana e l'Emilia Romagna.

I motivi della fuga dal Pd non sono solo politici, di mezzo ci sono anche le poltrone. Stando ai rumor che circolano in Parlamento Renzi è convinto di inserire nelle liste, sia proporzionale sia maggioritario-uninominale, il 51% di fedelissimi (ovvero il giglio magico). E quindi trovare un posto per tutti - considerando soprattutto l'area di Franceschini, quella di Martina e le minoranze - sarà una specie di missione impossibile. Meglio lasciare la barca prima che affondi nelle urne e cercare casa altrove, pensano in molti.

Tags:
pdpd renzifuga dal pdaddio al pdlasciano il pdchi se ne va dal pdchi lascia il pdelezioni pdelezioni politiche pdelezioni 2018 pdelezioni politiche 2018 pd

in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

i più visti
in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.