A- A+
Politica
Parolacce tra i big di Forza Italia. E Silvio medita l'uscita dal Ppe


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"Hai proprio rotto il cazzo". "No, il cazzo lo hai rotto tu". Sono davvero volati gli stracci nella riunione dei gruppi parlamentari di Forza Italia che si è tenuta alla Camera giovedì 3 luglio. Insulti e parolacce in particolare tra i due capigruppo, quello a Montecitorio Renato Brunetta e quello a Palazzo Madama Paolo Romani. Silvio Berlusconi ha cercato di mediare, ha chiesto calma e serenità. Ma le urla sono continuate per tutto il tempo.

Il nodo principale è quello del rapporto con il premier sulle riforme. L'ex Cav ha detto che deve rifletterci e che deciderà la prossima settimana, proprio perché il partito è lacerato. Denis Verdini ha fatto un intervento che ha infastidito tutti. Lui è il padre dell'intesa con il Pd e - raccontano - avrebbe praticamente affermato che gli altri azzurri non capiscono niente. Urla, insulti, parole grosse e Verdini se ne va sbattendo la porta.

Poi ci sono i moderati che vogliono il dialogo con il premier ma che non stanno con Verdini, guidati da Romani e a cui Berlusconi dà molto ascolto. Il presidente dei senatori ha trovato la 'quadra' con il ministro Boschi e non vuole che i colleghi distruggano tutto. Il problema è che il gruppo di Augusto Minzolini è cresciuto di giorno in giorno: elezione diretta dei senatori è il loro leit motiv, in realtà l'obiettivo è rompere il patto del Nazareno e andare alle elezioni in autunno o in primavera. Con il giornalista anche Brunetta (basta leggere Il Mattinale) sempre più falco e sempre più convinto che nessuna trattativa vada fatta con il segretario democratico. Quindi alleanza con Minzolini per far fallire il dialogo sulle riforme.

E non finisce qui. Raffaele Fitto, già in lotta con l'ex premier sulla questione delle primarie e del ricambio ai vertici, anche lui si è schierato con Minzolini e Brunetta, aumentando ulteriormente la confusione tra gli azzurri. Attenzione, però, perché Mara Carfagna, vicinissima all'ex Governatore della Regione Puglia, è rimasta zitta nella riunione del gruppo marcando di fatto una certa distanza da Fitto. A parte e ormai fuori dai giochi la pitonessa, Daniela Santanchè.

In questo scenario già complicato e di lotte intestine, Berlusconi starebbe accarezzando l'idea dello strappo europeo. Dopo aver fatto la campagna elettorale contro la Germania e la Merkel non vuole stare in un gruppo, quello del Ppe a Strasburgo, dominato e guidato da un tedesco della Cdu (il partito della 'cattiva' Cancelliera). Il problema è che manca l'alternativa. Che fa Forza Italia? Da sola perde soldi e diritto di parola in Aula. Con Farage impossibile perché c'è Grillo. I liberali non vogliono l'ex Cavaliere e quindi resta solo il gruppo di Marine Le Pen dove c'è la Lega di Matteo Salvini. Se lo scontro con la Germania dovesse continuare e soprattutto le posizione del Ppe fossero di fatto quelle del rigore e dell'austerità dei cristiano-democratici tedeschi, Berlusconi potrebbe decidere lo strappo: abbandonare i Popolari per chiedere di entrare nel gruppo delle destre. Salvini ne sarebbe felicissimo.

Tags:
forza italia
in vetrina
Isola dei famosi 2019 finale: Marina La Rosa, Maddaloni e.. I VERDETTI. Isola dei famosi 2019 news

Isola dei famosi 2019 finale: Marina La Rosa, Maddaloni e.. I VERDETTI. Isola dei famosi 2019 news

i più visti
in evidenza
Io nero voto la Lega di Salvini L'auting del padre di Moise Kean

Politica

Io nero voto la Lega di Salvini
L'auting del padre di Moise Kean


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari P80/C one-off progettata per rimanere unica

Ferrari P80/C one-off progettata per rimanere unica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.