'Fratelli d'Italia?' sbarca a Roma, Zaia: "Il governo non cadrà e la secessione è ormai solo parte della storia della Lega"

Non c'era affatto un clima da fine impero, mercoledì sera al Cenacolo di Marco Antonellis presso il ristorante Margutta, a Roma, dove il direttore di Affaritaliani.it, Angelo Maria Perrino, ha presentato "Fratelli d'Italia"

Giovedì, 3 dicembre 2009 - 08:57:00

FORUM/ E' caccia all'autore del libro 'FRATELLI D’ITALIA?'. In base allo stile e ai dettagli, secondo te chi è l'anonimo scrittore del romanzo?

CLICCA QUI PER ACQUISTARE UNA COPIA DEL LIBRO

Italy: New book foretells north's secession

'FRATELLI D’ITALIA?'/ Caccia all'autore anonimo

"Fratelli d'Italia?"/ Il giallo dell'anonimo esplode sul web: da Cossiga a Bersani alla massoneria... Ecco tutte le ipotesi

FRATELLI D'ITALIA?

Il capitolo 8

Il capitolo 7

Il capitolo 6

Il capitolo 5

Il capitolo 4

Il capitolo 3

Il capitolo 2

Il capitolo 1

Prefazione di Davide Corritore e Paola Domenichini e indice

ECCO L'ULTIMO DRAMMATICO CAPITOLO: THE END: UNA FAVOLA MENZOGNERA di "Fratelli d'Italia?", il libro dell'informatissimo anonimo sulla secessione della Padania che sta facendo tremare il Palazzo, e non solo: "Noi italiani non siamo 'normali', o per meglio dire uniformabili. Ciò che voglio dire è che, perlomeno da noi, l'appartenenza, il senso identitario non sono misurabili necessariamente con parametri che si richiamano all'attaccamento alla nazione".

"Al momento della secessione, da noi non mancava nulla, anzi forse c'era troppo, troppo di tutto: interessi da difendere, ricchezza da conservare, egoismi da coltivare, e anche appartenenze da reclamare... Per questo, come notavi all'inizio 'tutto sembrava come prima, tutti si comportavano come se appartenessero ad un unico Paese..'.

'FRATELLI D'ITALIA?' SBARCA A ROMA Di Francesco Cocco. Non c'era affatto un clima da fine impero, mercoledì sera al Cenacolo di Marco Antonellis presso il ristorante Margutta, a Roma, dove il direttore di Affaritaliani.it, Angelo Maria Perrino, ha presentato "Fratelli d'Italia": ovvero, la fiction-profezia politica pubblicata a puntate dal quotidiano online. Nel raffinato locale dell'omonima celebre via, tra una platea di politici di alto rango, giornalisti, intellettuali, regnava un'atmosfera elegante, animata e divertita; e questo nonostante il testo, offerto ai lettori di Affaritaliani.it e pubblicato in volume, disegni uno scenario da incubo: con un'Italia frantumata e in preda alla guerra civile, dopo la secessione del Veneto e delle altre regioni del Nord.

Ad aumentare il fascino della narrazione, è senz'altro il fatto che il libro sia anonimo e che sull'identità dell'informatissimo autore si sia scatenata una marea di ipotesi. Un vero e proprio giallo, che sta mettendo a soqquadro il mondo politico italiano ed è approdato su media ragguardevoli come il Corriere della Sera, L'Espresso, il sito internet di Repubblica. Un mistero che il direttore Angelo Maria Perrino non ha voluto svelare; ripercorrendo, puttosto, l'avvincente trama. E soffermandosi in particolare su quel governo istituzionale - susseguente alla caduta dell'esecutivo Berlusconi - che nel romanzo viene immaginato come il brodo di coltura della secessione incipiente: un governo di saggi che dovrebbe salvare il Paese e che invece, riprendendo l'efficace espressione di Angelo Maria Perrino, "creerà solo pasticci".

Fra i protagonisti della bella serata, il ministro leghista dell'Agricoltura, Luca Zaia. Oltre a essere uno dei personaggi chiave del libro (come presidente che porterà il Veneto all'indipendenza), è fra le personalità maggiormente accreditate quale autore dell'inquietante apologo. Ipotesi che il ministro ha smentito simpaticamente. Zaia (che era accompagnato da un nutrito gruppo di parlamentari leghisti) ha poi escluso che il governo di Silvio Berlusconi possa cadere. "Mi dispiace - ha sussurrato con un sorriso sornione - per i tanti che lo sperano". Non solo. Ha anche affermato che non ci sarà mai alcuna secessione. "La secessione - ha spiegato - fa ormai parte della storia della Lega". Possibilità ben più concrete sono quelle che lo vedono prossimo candidato del Pdl alla presidenza della sua regione (si verificherebbe, in caso di elezione, una delle circostanze del racconto). Ebbene, Zaia ci ha scherzato su: "Vorrà dire che, quando durante la campagna elettorale mi chiederanno l'ultimo libro che ho letto, potrò rispondere: Fratelli d'Italia".

Una serata, come dicevamo, onorata da una platea politica bipartisan: dal vicepresidente del consiglio comunale di Milano, Davide Corritore (che ha anche firmato la prefazione del libro insieme a Paola Domenichini, analista di comunicazione politica e anche lei presente a Roma), al presidente del Comitato Nazionale per il Microcredito ed ex ministro della Funzione Pubblica, Mario Baccini (Pdl) con la moglie; da Antonio Borghesi, vice capogruppo dell'Italia dei Valori alla Camera, al parlamentare del Pd, Emanuele Fiano, membro del Copasir. Quest'ultimo ha voluto mettere un po' di pepe nella discussione. "Nel libro non si parla molto di Gianfranco Fini, e invece proprio lui...", ha ammiccato, sottintendendo che il presidente della Camera possa diventare l'uomo del destino (almeno, del destino immaginato da "Fratelli d'Italia"). Una piccola provocazione, la sua, salutata dai politici di governo con cordiali risate. E, forse, con qualche segreto scongiuro.

Tra gli altri ospiti anche Pierluigi Mantini, ex Democratico ora dell'Udc di Casini, la giovane deputata del Pd, Alessai Mosca, milanese, con il padre, i senatori della Lega Massimo Garavaglia e Stefano Filippi, l'assessore alla sanità della regione Veneto della Lega Nord, Sandro Sandri.

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA