A- A+
Politica
Free flights to Italy: scoppia il caso del presunto partito fake

In campagna elettorale, si sa, se ne sentono e se ne vedono di tutti colori fin dai tempi dell’antichità a dar credito alle iscrizioni trovate negli scavi di Pompei.

Ogni partito o movimento le spara grosse, come si suol dire, intanto poi nessuno o pochi controlleranno a posteriori che le abbondanti promesse siano state mantenute.

Dunque è tutto un fiorire di bonus, dentiere, pannoloni, canoni gratuiti e chi più ne ha più ne metta e, tra parentesi, è proprio questo uno degli elementi di discredito storico della democrazia, ma lo spettacolo più affascinante, se si può usare questo nome, è quello della creazione ad hoc di nuovi partiti che promettono qualche agognato bene specifico.

Il” partito” in questione si chiama “Free Flights to Italy” e si presenta nella circoscrizione del nord - America. Il nome ricorda una offerta di qualche agenzia turistica, ma il simbolo è stato depositato ed accettato e quindi dobbiamo immaginarci le riunioni del direttivo e del segretario politico incentrate non sui problemi della disoccupazione, del Pil, dell’ordine pubblico ma su una analisi comparativa delle tariffe aeree e dei charter ed una volta al potere voli gratis per tutti, magari anche in Italia.

Va da sé che i grandi “nemici” del movimento sono le compagnie aeree e le loro mosse. Vi sarà un ministro ai sedili e un ministro per le bevande? E che dire di un ministro per gestire le file all’imbarco?

Il fondatore del movimento si chiama Giuseppe Macario e alcuni pensano che si tratti di un fake (Macario è anche il cognome di un famoso comico del passato, Erminio) ma il simbolo risulta, come detto, regolarmente depositato.

La notizia sta diventando virale su Internet e pone inquietanti interrogativi.

Il suo programma molto semplice: “L’Italia deve accogliere gli italiani, inclusi i residenti all’estero, anziché tenerli lontani o mandarli via. L’unica soluzione è quella presentata da Free Flights to Italy”.

Giuseppe Macario ha rilasciato una intervista alla Voce di New York che è un quotidiano molto letto negli Usa e nel nord America:

https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/voto-estero-nord-centro-america/2018/02/13/giuseppe-macario-ricongiungere-gli-italiani-con-litalia-a-partire-dai-voli-aerei/

Il sito americano riporta poi un articolo in cui dice di aver fatto luce su Macario dopo gli articoli italiani e di aver scoperto che la lista “si è fatta beffe del ministero dell’Interno” e il voto degli italiani all’estero sarebbe da annullare:

https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/voto-estero-nord-centro-america/2018/02/21/free-flights-to-italy-la-lista-che-si-e-fatta-beffe-del-ministero-dellinterno/

FFI, dice Macario, non è un partito ma una Ong che si occupa appunto degli italiani negli Usa e che organizza anche borse di studio e soggiorni all’estero.

Macario dice di avere 36 anni, di essere romano, di avere una cattedra all’Università della Gente a Pasadena, in California, di aver conseguito un dottorato di ricerca a Princeton, di aver insegnato alla famosa Dolce Vita Institute of Technology.

Selvaggia Lucarelli ha riportato sul sito Rolling Stone che Macario sarebbe un millantatore con foto false http://www.rollingstone.it/rolling-affairs/news-affairs/il-candidato-fantasma-sarebbe-un-molestatore-seriale/2018-02-21/ . Inoltre, sempre la Lucarelli, dice che sarebbe un molestatore seriale e a tal proposito vi è anche un sito: http://giuseppemacario.info/.

Un sito legato a Macario, secondo la Lucarelli, è: https://evidence-based.review/meet-dating-marry-italian-successful-rich-singles-men-how-find-boyfriend-husband-6252796460.html

Sul sito del ministero dell’Interno questi i dati ufficiali con la residenza a Fiano Romano:

http://dait.interno.gov.it/documenti/trasparenza/Doc/16/16_Dich_Trasparenza.pdf

 

In questo momento il sito di FFI è irraggiungibile mentre la Farnesina a cui sono state chieste delucidazioni non ha risposto.

La Voce di New York, dopo l’iniziale apertura di credito verso Macario è diventata molto critica e sta facendo diversi controlli: a loro risulta che il Macario abiti effettivamente a Fiano romano con un’altra candidata in lista: Bettina Anna Maria Borrelli e ha chiesto lumi al consolato italiano a New York, finora senza risposta.

A questo punto il ministero dell’Interno dovrebbe intervenire ufficialmente su una vicenda che rischia di mettere in discussione la validità del voto all’Estero.

Era quello che mancava a questa surreale tornata elettorale.

Tags:
free flights to italygiuseppe macarioelezioni 2018circoscrizione esterivoce di new york

in vetrina
"The art of Banksy". Le opere del writer in mostra al Mudec di Milano

"The art of Banksy". Le opere del writer in mostra al Mudec di Milano

i più visti
in evidenza
Coca Cola, ecco il nuovo spot "Babbo Natale sei tu". Video

MediaTech

Coca Cola, ecco il nuovo spot
"Babbo Natale sei tu". Video

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.