A- A+
Politica
Genova crollo ponte, Delrio sapeva e non ha agito. Ecco le due interrogazioni


"Premesso che dal punto di vista dei collegamenti, i liguri vivono quotidianamente una situazione di grave disagio, tanto da ravvisare una vera e propria emergenza trasporti; molti tratti autostradali liguri non sono conformi alle normative di sicurezza europee e, nelle ore di punta, si verificano continuamente code di decine di chilometri, rallentamenti e numerosi incidenti che bloccano l'area intorno a Genova; le tariffe su tali tratti sono fra le più elevate del Paese». E inoltre: «Sul nodo autostradale di Genova è noto il grave problema del ponte Morandi che attraversa la città e del quale non si conosce la sicurezza nel tempo. Risulta pertanto indispensabile procedere con sollecitudine a cantierare il progetto denominato "gronda di Genova" per il quale la società Autostrade ha già in cassa le risorse necessarie per iniziare i lavori derivanti dagli aumenti tariffari concordati in cambio della concessione ottenuta».
Questo é il terribile documento rappresentato da una interrogazione parlamentare presentata nel 2015 dall' ex senatore Maurizio Rossi di Scelta Civica all'allora Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio. Nessun risultato.
Nel 2016 Rossi ci riprova:
"ll viadotto Polcevera dell'autostrada A10, chiamato ponte Morandi, è un'imponente realizzazione lunga 1.182 metri, costituita su 3 piloni in cemento armato che raggiungono i 90 metri di altezza che collega l'autostrada Genova-Milano al tratto Genova-Ventimiglia, il ponte è stato oggetto di un preoccupante cedimento dei giunti che hanno reso necessaria un'opera straordinaria di manutenzione senza la quale è concreto il rischio di una sua chiusura".
Risultato del bis? Un bel nulla!
Ma non solo i politici lanciarono l'allarme, anche gli esperti, come il professor Antonio Brencich. Ancora niente.
Dunque Delrio sapeva e non ha agito. Ha sottovalutato la gravità del pericolo, come spesso accade purtroppo nella Pubblica Amministrazione. Risultato? Una strage di Stato.
E cosa ora possono dire Matteo Renzi e tutto il codazzo di grilli parlanti del Partito Democratico? Non passa giorno che i saccenti non accusino i membri del governo giallo-verde di incompetenza e di non saper amministrare la cosa pubblica. Invece uno loro, un ministro della Repubblica, sapeva e non ha agito. Una tragedia come quella di Genova é un fatto grave, ma diviene gravissimo e addirittura intollerabile se il responsabile é quello Stato nelle cui mani é la sicurezza dei suoi cittadini che si sono fidati di esso non sapendo che la fiducia era mal riposta.Ora ci aspettiamo giustizia, tempestiva e inesorabile, anche se l'imputato fosse un ministro. 

Tags:
genova delriocrollo ponte delrioponte morandi interrogazioni delriogenova
Loading...
in evidenza
Bill Gates supera Jeff Bezos E' la persona più ricca del pianeta

Al terzo posto il magnate francese Bernard Arnault

Bill Gates supera Jeff Bezos
E' la persona più ricca del pianeta

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2019-2020: neve in pianura? Sì ma non subito. Le previsioni fino a febbraio

Meteo inverno 2019-2020: neve in pianura? Sì ma non subito. Le previsioni fino a febbraio


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
CITIGOe iV la prima auto elettrica di ŠKODA

CITIGOe iV la prima auto elettrica di ŠKODA


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.