A- A+
Geopolitica
Cina, Xi Jinping annuncia una nuova "lunga marcia". Pronta l'arma terre rare

"La Cina è pronta a una nuova Lunga Marcia". Xi Jinping non usa mai riferimenti a caso. Ed è più che significativo il richiamo del presidente cinese alla storica marcia militare dell'Armata Rossa del Partito Comunista che nel 1934 percorse 12 mila chilometri in 370 giorni per passare dal Jiangxi allo Shaanxi durante l'offensiva del Kuomintang di Chiang Kai-shek. Un episodio drammatico, tragico e insieme eroico che ha costituito le fondamenta epiche della Repubblica Popolare Cinese di Mao.

Ora Xi, nel pieno della guerra commerciale con gli Stati Uniti che si è finalmente svelata per quella che è con il caso Huawei, cioè una nuova guerra fredda per il momento tecnologica e politica, prepara i cinesi a intraprendere una nuova Lunga Marcia e a "ricominciare tutto daccapo".  L'annuncio a effetto di Xi arriva proprio dal Jiangxi. "Siamo qui al punto di partenza della Lunga Marcia per ricordare il momento in cui l'Armata Rossa ha cominciato il suo viaggio". In un mondo, quello cinese, dove il simbolismo dei gesti e delle parole conta molto, Xi ha visitato Yudu, da dove è partita la Lunga Marcia nel 1934, e ha deposto un cesto di fiori davanti al monumento che commemora l'avvio della ritirata per sfuggire all'avanzata dei nazionalisti del Kuomintang durante la guerra civile cinese.

Ma Xi non si è limitato alla pura rievocazione storica, ma ha prefigurato una possibile pista a disposizione di Pechino nello scontro con Washington, vale a dire le famose "terre rare". Xi ha ispezionato il Collegio di fanteria dell'esercito dell'Esercito popolare di liberazione dello Jiangxi. "L'educazione militare dovrebbe soddisfare i requisiti del combattimento, i bisogni delle forze armate e le esigenze delle future missioni", ha detto in questa occasione Xi.

Ma in precedenza ha visitato la sede della Jl-Mag, una azienda che produce magneti che contengono terre rare. I suoi prodotti vengono utilizzate per la costruzione di turbine aeree e soprattutto di auto elettriche, settore nel quale la Cina vuole a tutti i costi la leadership, sapendo che si tratta di un capitolo fondamentale per gli equilibri economici futuri, tanto che nelle ultime settimane sono state annunciate una serie di nuovi incentivi per i produttori del ramo.

D'altronde la Cina è il primo possessore, per distacco, di terre rare ed è primo produttore e primo esportatore. Oltre a ospitare circa il 40 per cento delle terre rare scoperte, fondamentali per lo sviluppo tecnologico, dai microconduttori ai computer fino, e rieccoci a Huawei, agli smartphone.  Ma Pechino è attenta anche alle terre rare che si trovano all'estero. Basti l'esempio del Congo, che detiene il 54% delle risorse globali di cobalto, utile sempre alla produzione di auto elettriche. Nel 2018 la Cina ha importato cobalto dal paese africano per un miliardo e 200 mila euro. Tanto per capirci, al secondo posto c'è l'India con 3,2 milioni di euro. Un possibile blocco delle esportazioni delle terre rare potrebbe essere un duro colpo per gli Stati Uniti. 

twitter11@LorenzoLamperti

Commenti
    Tags:
    cinaxi jinpingterre rarelunga marciausa cinacina usaguerra freddahuawei
    in evidenza
    Belen Rodriguez lecca il ghiacciolo Topless di lady Valentino Rossi e...

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    Belen Rodriguez lecca il ghiacciolo
    Topless di lady Valentino Rossi e...

    i più visti
    in vetrina
    Juventus, con De Ligt arriva a Torino anche la fidanzata Annekee Molenaar

    Juventus, con De Ligt arriva a Torino anche la fidanzata Annekee Molenaar


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Insignia Country Tourer, anima off-road

    Opel Insignia Country Tourer, anima off-road


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.