A- A+
Geopolitica
Elezioni europee 2019, lo speciale: candidati, sondaggi, temi paese per paese
Lapresse

Ci siamo. Tutto pronto per le elezioni europee 2019. Un appuntamento cruciale per il futuro dell'Europa. Le forze politiche tradizionali di centrodestra e centrosinistra devono fronteggiare l'avanzata di sovranisti, populisti ed euroscettici. In attesa di conoscere l'esito del voto, la composizione del nuovo Europarlamento e la soluzione del gioco delle nomine tra Commissione Ue, Consiglio Ue e Bce, Affaritaliani.it racconta l'avvicinamento alle urne e i temi in ballo paese per paese.

Ecco qui il viaggio di Affaritaliani.it paese per paese alla vigilia delle elezioni europee.

GERMANIA

merkel buffa ape
 

Berlino si avvia verso la fine dell'era Merkel. La cancelliera, dopo aver faticosamente formato il suo quarto governo, ha subito alcune batoste elettorali a livello regionale. Sul piano interno sta lasciando spazio alla sua "delfina" Kramp-Karrenbauer, mentre mantiene una fortissima presa sulla politica estera, da una parte tenendo a bada i progetti di riforma di Macron e dall'altra ergendosi a grande rivale europea di Donald Trump. Verdi e Afd in crescita, con l'Spd che sembra finito in una crisi irreversibile.

CIPRO 

cipro risorseI giacimenti gas di Cipro

L'isola mediterranea continua a essere divisa tra la parte greca e quella turca, riconosciuta da Ankara, convitato di pietra della politica cipriota. Il paese si ritrova all'interno di una possibile importante partita geopolitica sull'energia dopo la scoperta di grandi giacimenti di gas.

FRANCIA 

macron ape 3

Il crollo nella popolarità e le proteste di piazza, i gilet gialli e l'incendio di Notre Dame. Per Emmanuel Macron i primi due anni all'Eliseo sono stati molto complicati. Il suo progetto ambizioso di riforma radicale dell'Ue è stato in gran parte affossato proprio da Angela Merkel in un asse franco-tedesco dall'andamento altalenante. Le difficoltà interne e le polemiche con l'Italia si accompagnano a un forte protagonismo sulla scena geopolitica, in particolare africana. Marine Le Pen sogna il sorpasso, partiti tradizionali ormai scomparsi dalla scena.

CROAZIA  

plenkovic pernar apeIl primo ministro Plenkovic e l'euroscettico Ivan Pernar

L'europeismo della Croazia, modello di stabilità in una regione scossa da forti tensioni, traballa. La tensione che è tornata a scuotere i Balcani minaccia di farsi sentire anche a Zagabria, mentre avanzano gli euroscettici di Zivi Zid.

LUSSEMBURGO 

juncker4 ape
 

Così piccolo, ma così centrale. Lussemburgo, cuore pulsante dell'Unione Europea e suo membro fondatore, ha da sempre avuto un ruolo determinante nelle dinamiche socio-politiche interne al continente, tanto da esprimere il presidente della Commissione Ue uscente, Jean-Claude Juncker, entrato nel mirino dei sovranisti come simbolo dell'establishment di Bruxelles.

ROMANIA 

LP 8653668Dancila

La Romania, importante membro Nato, è sempre più lontana da Bruxelles e più vicina a Visegrad. Viorica Dancila è diventata per il Pse quello che Orban è per il Ppe, un imbarazzo. Ed è entrata nel mirino dell'Ue persino durante il suo semestre di presidenza, mentre non diminuisce il dato sull'emigrazione.

MALTA 

4 joseph muscatJoseph Muscat

Lo scontro con l'Italia sui migranti, il dominio laburista di Muscat, lo scandalo Daphne Galizia, la Via della Seta. La Valletta verso il voto Ue in un clima meno sereno rispetto al passato.

POLONIA 

Lech Kaczynski 0011Lech Kaczynski

Cinque anni fa, al termine del primo decennio dal suo ingresso nell'Unione europea, si celebrava il suo tasso record di crescita. Oggi la Polonia, reduce dalla decisione senza precedenti da parte della Commissione Ue di avviare la procedura dell'articolo 7.

SLOVENIA 

Marjan Šarec apeMarjan Šarec

Oasi di stabilità in un'area movimentata, tanto da essere stata ribattezzata "Svizzera dei Balcani", ha al governo un comico "alla Grillo" Marjan Sarec, leader dei liberali di LMS, con tendenza di centrosinistra.

10° PAESI BASSI 

Mark Rutte apeMark Rutte

Non solo Geert Wilders. C'è anche il neopopulismo di Baudet, fautore della Nexit, che sfida il governo Rutte, esecutivo fiscalmente rigorista in un paese diventato il terminale europeo della Nuova Via della Seta cinese a Rotterdam.

11° SLOVACCHIA 

LP 9481300Zuzana Caputova

La voglia di cambiamento? Può anche essere a sfondo europeista. E' il messaggio che sembra arrivare dalla Slovacchia, uno dei paesi del cosiddetto blocco di Visegrad, che dopo l'elezioni a presidenza dell'avvocato ambientalista filo Ue Zuzana Caputova sembra arrivare all'appuntamento delle elezioni europee del 26 maggio in una prospettiva diversa rispetto a quella dei suoi vicini.

12° REPUBBLICA CECA 

babisBabis

Insieme a Ungheria, Polonia e Slovacchia, la Repubblica Ceca costituisce il famigerato gruppo di Visegrád, in totale contrapposizione con Bruxelles e in piena sintonia con tutto il fronte sovranista continentale. Ma intanto il governo Babis fa segnare buoni numeri economici.

13° IRLANDA 

varadkar apeVaradkar

Il caos sulla Brexit ha portato Dublino al centro della politica Ue. Con tanti rischi sulla grande crescita economica post crisi. L'Irlanda, paradiso dei big tech Usa, molla la Chiesa dopo gli scandali abusi.

14° BELGIO

charles michel patatine apeCharles Michel

Non solo europee. Il Belgio vota anche alle elezioni politiche dopo che il governo di Michel è caduto sul Global compact negli scorsi mesi. Il tutto in un paese diviso e simbolo della difficoltà di integrazione politica europea.

15° GRECIA 

LP 8476625
 

Dal disastro del 2014/2015 ai segnali di ripresa. Con Tsipras che da incendiario si è trasformato da nemico numero pubblico dell'Ue a bravo studente della troika. Con un prezzo però molto alto da pagare.

16° PORTOGALLO 

LP 8509229
 

Di questi tempi sembra incredibile, ma in Europa c'è una sinistra che funziona: è quella che governa il Portogallo. Tra tagli e welfare, così Lisbona è arrivata ad azzerare il deficit.

17° DANIMARCA

small 150628 223107 to280615xin 0116Rasmussen

La Danimarca è uno dei rari casi all’interno dell’Unione europea ad avere un governo di minoranza monocolore con il liberale monocolore di Rasmussen appoggiato dai nazionalisti del Partito popolare danese di Thulesen. Intanto diventa sempre più centrale a livello geopolitico la gestione dell'Artico e il nodo Groenlandia.

18° FINLANDIA

rinne antti 2018Anti Rinne

Prego, dimenticarsi subito la parola "stabilità". Anche in Finlandia la politica sta conoscendo un periodo burrascoso, come testimoniato dalle elezioni dello scorso 14 aprile. Elezioni che hanno sì visto la vittoria dei socialdemocratici, risorti dalle proprie ceneri, ma che hanno soprattutto segnato la grande crisi dei partiti tradizionali. I Veri Finlandesi, partito definito a seconda di chi parla populista, sovranista, euroscettico, eurofobo o di estrema destra, è arrivato a una manciata di voti (lo 0,2%) dalla vittoria elettorale.

19° SVEZIA 

greta piazza del popolo ape 2Greta Thurnberg

Può una ragazzina di 16 anni diventare una delle figure politiche più importanti di un intero paese? La risposta, se si guarda alla Svezia, è sì. Dopo le elezioni dello scorso 9 settembre si è imposta la figura dell'attivista ambientalista Greta Thunberg.

20° AUSTRIA 

small 170515 093956 to150517xin 0035Kurz

La svolta a destra col giovane Kurz, le politiche anti migranti e la contraddittoria relazione con l'Italia. E ora lo scandalo Strache, il leader della destra radicale incastrato da una trappola in una villa di Ibiza con una sedicente figlia di un oligarca russo.

21° BULGARIA

BorissovBorissov

L'esecutivo Borissov fra europeismo e sovranismo. La spesa militare aumenta e i rapporti con la Turchia rimangono tesi. Frontiera orientale dell'Ue, la Bulgaria è diventata anche teatro di iniziative pseudomilitari contro i migranti

22° ESTONIA 

LP 9604938Ratas

Poche settimane fa in Estonia si è consumata una storica svolta politica. Il primo ministro Juri Ratas, del Partito di centro, ha annunciato la formazione di un governo di coalizione non con il partito socialdemocratico come nella precedente legislatura, ma con la destra radicale Ekre e il partito conservatore Isamaa. Un'ipotesi che era stata negata prima delle elezioni legislative dello scorso 3 marzo.

23° LETTONIA 

Dombrovskis apeDombrovskis, commissario Ue lettone

Può un partito che vince le elezioni restare all'opposizione? Sì, quantomeno in Lettonia, dove i socialdemocratici di Armonia si sono affermati come primo partito del paese ma sono stati esclusi dal governo di coalizione che ha riunito cinque partiti di centrodestra che si è formata a ben quattro mesi di distanza dalle elezioni dello scorso ottobre. Il motivo? Sono filorussi.

24° LITUANIA 

LP 9430615Dalia Grybauskaitė, la presidente uscente della Lituania

Non ci sono eserciti contrapposti uno di fronte all'altro, ma se la guerra fredda versione classica (quella tra blocco atlantico e blocco sovietico) avesse ancora oggi un campo di battaglia questo sarebbe proprio la Lituania, la più meridionale delle tre repubbliche baltiche, confinante con l'enclave russa di Kaliningrad. I lituani voteranno anche per il ballottaggio delle presidenziali.

25° SPAGNA 

LP 9668014
 

Dopo le elezioni di aprile la sinistra europea ha trovato in Sanchez una nuova speranza. Capace di scalare prima il Psoe e poi il governo, il primo ministro spera di formare un nuovo governo dopo il voto europeo senza l'aiuto degli indipendentisti catalani. Nel frattempo anche qui il centrodestra conservatore viene eroso dall'ala radicale, qui rappresentata da Vox.

26° UNGHERIA 

LP 9699148
 

Viktor Orban, leader dei paesi di Visegrad, è l'uomo che potrebbe decidere le sorti del prossimo parlamento europeo. Sospeso dal Ppe, il primo ministro ungherese flirta da tempo con i sovranisti di Matteo Salvini. Nel frattempo, sul fronte interno il suo Fidesz sembra non avere rivali anche per una stretta definita da molti come anti democratica.

27° REGNO UNITO

LP 9709352
 

A tre anni dal referendum sulla Brexit un Regno Unito devastato si ripresenta in modo paradossale al voto Ue. Il primo ministro Theresa May ha le settimane contate, mentre il vecchio sistema bipolare è ormai al tramonto. Rispunta Nigel Farage, favorito nei sondaggi con il suo Brexit Party.

Commenti
    Tags:
    elezioni europee 2019elezioni europee 2019 candidatielezioni europee 2019 dateelezioni europee 2019 sondaggielezioni europee 2019 listeeuropee 2019elezioni europee 2019 come si votavotazioni europee 2019partito popolare europeoppepartito del socialismo europeoverdi europeisovranistiweberbarnierspagnaregno unitoslovacchiarepubblica cecaromaniabulgariaestonialettonialituaniarussiacinausasveziafinlandiadanimarcairlandagermaniabelgioolandalussemburgocipromaltaitaliaaustriafranciaportogallosloveniacroaziagreciaungheriapoloniaorbansalvinidi maiom5smarine le penemmanuel macronangela merkeltheresa mayjeremy corbynbabisvladimir putinxi jinpingdonald trumptsipraszingarettipdruttewilderskurzstrache
    in evidenza
    Stati Uniti e Cina litigano sul 5G Ma Huawei lavora già al 6G

    Guerra fredda tech

    Stati Uniti e Cina litigano sul 5G
    Ma Huawei lavora già al 6G

    i più visti
    in vetrina
    Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO

    Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre

    Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.