A- A+
Geopolitica
Europee/ Lituania al voto, campo di battaglia della nuova guerra fredda
Dalia Grybauskaitė, la presidente uscente della Lituania

Si avvicinano le elezioni europee di maggio. Un appuntamento cruciale per il futuro dell'Europa. Le forze politiche tradizionali di centrodestra e centrosinistra devono fronteggiare l'avanzata di sovranisti, populisti ed euroscettici. In attesa di conoscere la composizione del nuovo Europarlamento, Affaritaliani.it esplora la situazione geopolitica ed economica dei singoli paesi alla vigilia del voto.

1° puntata GERMANIA - 2° CIPRO - 3° FRANCIA - 4° CROAZIA  - 5° LUSSEMBURGO - 6° ROMANIA - 7° MALTA - 8° POLONIA - 9° SLOVENIA - 10° PAESI BASSI - 11° SLOVACCHIA - 12° REPUBBLICA CECA - 13° IRLANDA - 14° BELGIO - 15° GRECIA - 16° PORTOGALLO - 17° DANIMARCA - 18° FINLANDIA - 19° SVEZIA - 20° AUSTRIA - 21° BULGARIA - 22° ESTONIA - 23° LETTONIA

Non ci sono eserciti contrapposti uno di fronte all'altro, ma se la guerra fredda versione classica (quella tra blocco atlantico e blocco sovietico) avesse ancora oggi un campo di battaglia questo sarebbe proprio la Lituania, la più meridionale delle tre repubbliche baltiche, confinante con l'enclave russa di Kaliningrad.

ELEZIONI EUROPEE, LITUANIA: I PROTAGONISTI DEL VOTO/ Elezioni presidenziali prima delle europee. Chi dopo la "signora d'acciaio"?

Prima delle elezioni europee la Lituania è in realtà chiamata al voto anche per le elezioni presidenziali. Domenica 12 maggio i lituani sono chiamati alle urne per scegliere il successore di Dalia Grybauskaitė, ribattezzata "signora d'acciaio". Una donna che ha saputo assumere posizioni molto nette sia sulla Russia, definita in passato addirittura uno "stato terrorista", che sull'Unione europea, tanto che proprio nel vertice in Romania degli scorsi giorni ha definito fuorilegge la procedura di scelta dello Spitzenkandidat per la Commissione Ue.

La favorita per la successione sembra un'altra donna, l'ex ministro delle Finanze Ingrida Šimonytė, in corsa con il consulente finanziario Gitanas Nausėda. Entrambi sono dei tecnici e non sono iscritti a nessun partito, così come l'attuale primo ministro Saulius Skvernelis, alla guida di una coalizione di governo del tutto inedita tra l'Unione dei Contadini e Verdi e il Partito laburista socialdemocratico, costola di fuoriusciti dal Partito socialdemocratico. 

Una coalizione resa possibile dall'avanzata dall'Unione dei Contadini e verdi di Ramunas Karbauskis che è diventato così l'attore principale di un esecutivo di minoranza che ha visto nel 2017 la fuoriuscita di un Partito socialdemocratico in grande contrazione di voti ma l'ingresso di un nuova formazione, il Partito laburista socialdemocratico, composto da dissidenti contrari all'abbandono del governo. L'Unione dei contadini e dei verdi, che si definisce un movimento non ideologico, sta portando avanti politiche sociali, di inclusione e di riforma di pubblica amministrazione e imprese di Stato, con particolare attenzione all'agricoltura e al mondo rurale. 

All'opposizione il centrodestra dell'Unione della patria - Democratici cristiani, così come il Partito del lavoro e movimento Ordine e giustizia (Tt), che punta sui temi di innovazione e democrazia diretta. Uno scenario politico nel quale populismo e sovranismo trovano, per ora, meno spazio rispetto ad altri paesi dell'Ue, anche quelli più vicini.

ELEZIONI EUROPEE, LITUANIA: I TEMI DEL VOTO/ Emigrazione, crescita e dipendenza energetica

Pensioni, scuola e sanità sono i tre temi principali del dibattito politico lituano, talvolta avvelenato da casi di corruzione che hanno condizionato le azioni di governo.  Più dei migranti, qui è centrale il tema degli emigranti, cioè i lituani che scelgono di andare all'estero. Un fenomeno che non si arresta soprattutto a causa delle forti differenze sociali ed economiche tra zone urbane e rurali che il governo dell'Unione dei contadini e dei verdi si è proposto di attenuare ma per ora con risultati non del tutto soddisfacenti.

Anche il tema economico è particolarmente sentito, dopo che la crescita è rallentata dal 3,8% del 2017 al 3% scarso del 2018, comunque al di sopra della media Ue così come accade dal 2015, quanto Villnius è entrata nell'Eurozona. Si discute molto di un altro problema comune con le altre repubbliche baltiche, vale a dire la dipendenza energetica dalla Russia, che nonostante le tensioni diplomatiche resta sempre uno dei principali partner commerciali del paese. In questo senso dallo scorso anno è attivo un canale per il gas naturale con gli Stati Uniti.

ELEZIONI EUROPEE, LITUANIA: L'AGENDA GEOPOLITICA/ Le tensioni con la Russia e la cyberwar

Il caposaldo della politica estera lituana è certamente l'appartenenza alla Nato. Le spese in materia di difesa sono molto alte se rapportate alla grandezza del paese e dell'esercito lituano. Negli scorsi anni il governo ha avanzato la richiesta di stanziare nuovi sistemi di difesa missilistica proprio in funzione anti russa. In Lituania si respira infatti grande preoccupazione sin dal 2014 e dalla guerra in Crimea.

Come in altri paesi, negli scorsi anni il ministero della Difesa lituano ha cominciato a far circolare guide di resistenza a ipotetiche invasioni militari straniere. Il pensiero, ovviamente, è sempre rivolto a Mosca. Il confine con l'enclave russa di Kaliningrad è altamente militarizzato, con filo spinato, militari e finanziamenti dell'Unione europea. 

Ma oggi l'invasione può essere anche cibernetica. Per questo motivo la Lituania addestra non solo militari convenzionali ma anche cybersoldati. Un esercito di civili e specialisti impegnati nella cosiddetta cyberwar con la Russia, specializzata nell'uso delle nuove "armi" digitali e cibernetiche. 

Difficile che il nuovo presidente possa portare cambiamenti sostanziali nell'approccio geopolitico della Lituania nei confronti della Russia e della Nato, mentre appare scontato il proseguimento del rafforzamento dei rapporti con i partner scandinavi e baltici, mentre parallelamente proseguirà il pressing diplomatico per consentire l'allargamento dell'Ue verso Est e in particolare a Ucraina e Moldova.

ELEZIONI EUROPEE, LITUANIA: ULTIMI SONDAGGI

La Lituania esprimerà 11 seggi al prossimo parlamento europeo. Il principale partito d'opposizione risulta il primo partito negli ultimi sondaggi di maggio.

Unione della patria - Democratici cristiani (Ppe) 27%

Unione dei contadini e dei verdi - Lvzs (Verdi) 24%

Partito socialdemocratico - Lsdp (Alleanza progressista dei socialisti e democratici) 12%

Partito laburista socialdemocratico - Dp 8%

Movimento dei liberali - Lrls (Alde) 7%

Ordine e giustizia - Tt (Europa della libertà e della democrazia diretta) 7%

twitter11@LorenzoLamperti

Commenti
    Tags:
    elezioni europee 2019elezioni europee 2019 candidatielezioni europee 2019 dateelezioni europee 2019 sondaggielezioni europee 2019 listeeuropee 2019elezioni europee 2019 come si votavotazioni europee 2019partito popolare europeoppepartito del socialismo europeopsealdepdepartito democratico europeoverdi europeialeguepartito della sinistra europeaeudemocratsaecrlituaniaelezioni europee lituanialituania sondaggivillniuspartito socialdemocratico armonianuovo partito conservatoreunione dei verdi e dei contadinialleanza nazionalekpv lvsviluppo perjvaplituania politicalituania economialituania geopoliticaelezioni presidenziali lituanialituanian electiondalia grybauskaitėgitanas nausėdaingrida Šimonytėsaulius skvernelis
    in evidenza
    Emma Marrone: "Mi devo fermare Ho un problema di salute"

    Spettacoli

    Emma Marrone: "Mi devo fermare
    Ho un problema di salute"

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan JUKE protagonista della Milano Fashion Week

    Nuovo Nissan JUKE protagonista della Milano Fashion Week


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.