A- A+
Geopolitica
Russiagate, arriva il dossier Barr. Italia coinvolta? Trump: "C'entra Obama"

Russiagate: in arrivo primo dossier. Trump, Italia forse coinvolta

Dovrebbe essere divulgato nelle prossime ore, secondo anticipazioni di stampa, il primo dei due rapporti sulle inchieste avviate dall'amministrazione di Donald Trump sul Russiagate. La prima indagine, guidata dall'Ispettore generale del dipartimento di Giustizia, Michael Horowitz, e' incentrata sulla 'sorveglianza' della campagna presidenziale di Donald Trump nel 2016 e sul presunto abuso del Foreign Intelligence Surveillance Act da parte del presidente Barack Obama. La seconda inchiesta e' quella del Guardasigilli statunitense, William Barr, che sta indagando sulle origini del Russiagate e che potrebbe coinvolgere anche l'Italia.

La controinchiesta di Trump sul Russiagate

L'ipotesi di questa seconda investigazione, per determinare da dove sia partita l'indagine dell'Fbi sulla presunta collusione tra Trump e il Cremlino durante le presidenziali del 2016, e' che la precedente amministrazione abbia tentato di incastrare Trump, anche "andando in altri Paesi per cercare di nascondere quello che stavano facendo", come spiegato dal tycoon in persona durante la conferenza stampa congiunta con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla Casa Bianca.

Trump: "Il complotto arriverà fino a Obama"

E "l'Italia potrebbe essere uno di questi" paesi, ha avvertito Trump. Sugli incontri di Barr a Roma, ad agosto e settembre scorsi, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte dovra' riferire al Copasir. Il rapporto di Horowitz, atteso entro la fine della settimana e' gia' stato chiuso da oltre un mese ma per la divulgazione occorre il via libera di Barr, dell'Fbi e della commissione Giustizia del Senato guidata da Lindsey Graham, il fedelissimo del presidente che ha scritto ai leader di Italia, Australia e Regno Unito perche' collaborassero con le sue indagini. "Il nostro paese sta indagando sulla corruzione delle elezioni del 2016. E' stata un'elezione corrotta - ha affermato Trump - che sia (James) Comey o (Andrew) McCabe, che sia (Peter) Strzok o la sua amante, Lisa Page. C'e' stata molta corruzione che potrebbe arrivare fino al presidente Obama. E io penso che ci arrivi".

RUSSIAGATE: FONTI INTELLIGENCE, 'NON ABBIAMO DATO NOI CELLULARI MIFSUD A USA'

I due telefoni cellulari di Joseph Mifsud in possesso del Dipartimento di Giustizia Usa non sono stati acquisiti tramite i servizi segreti italiani. Fonti qualificate della nostra intelligence, interpellate dall'Adnkronos, negano con decisione il coinvolgimento italiano nell'ultimissimo capitolo del Russiagate. O meglio, della controinchiesta che l'attorney general (il ministro della Giustizia) William Barr sta conducendo insieme al procuratore John Durham per ribaltare la narrativa sullo scandalo che sta tormentando la Presidenza Trump fin dal suo insediamento. Una controinchiesta che ha portato Barr e Durham due volte a Roma, ad agosto e a settembre, dove si sono incontrati con i vertici dei nostri servizi per chiedere notizie proprio su Mifsud, scomparso da mesi nel nulla. La notizia che il Dipartimento di Giustizia è in possesso di due BlackBerry appartenuti all'enigmatico professore maltese, al centro dell'intreccio del Russiagate, è emersa due giorni fa. A divulgarla, producendo documenti ufficiali, è stata l'avvocato Sidney Powell, legale del generale Michael Flynn. Nella richiesta presentata alla Corte distrettuale del District of Columbia il 15 ottobre, l'avvocato Powell chiede al Dipartimento di Giustizia (guidato da Barr) di "produrre prove di cui (il Dipartimento) è entrato in possesso solo recentemente". Di qui l'associazione che alcuni media Usa fanno tra la visita di Barr a Roma e la comparsa improvvisa a Washington dei cellulari di Mifsud.

Commenti
    Tags:
    russiagatewilliam barritaliadonald trumpbarack obama
    Loading...
    in evidenza
    Taylor Mega lato B da urlo La modella fa gol in bikini. VIDEO

    Influencer manda il web in delirio

    Taylor Mega lato B da urlo
    La modella fa gol in bikini. VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    VANESSA INCONTRADA SEXY. "FEMMINA SUBLIME". MARCUZZI SENZA REGGISENO. FOTO

    VANESSA INCONTRADA SEXY. "FEMMINA SUBLIME". MARCUZZI SENZA REGGISENO. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel: di… Corsa, destinazione futuro

    Opel: di… Corsa, destinazione futuro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.