A- A+
Geopolitica
Sudan, Algeria, Zimbabwe, cadono i "satrapi". Così sta cambiando l'Africa
Foto: LaPresse

Da Mugabe a Bashir, cadono i 'satrapi' africani

E' un periodo nero per i 'satrapi' africani: dal 95enne Robert Mugabe, per 37 anni alla guida dello Zimbabwe, ad Abdelaziz Bouteflika che il mese scorso ha dovuto lasciare il potere algerino rimasto nelle sue mani per due decenni, fino al sudanese Omar al-Bashir, travolto dalle proteste di piazza e costretto a dimettersi, questi padri-padrone cadono come pedine, cacciati da una rabbia popolare incontenibile.

Sudan, il golpe militare depone Bashir

L'ultimo in ordine di tempo e' stato il signore di Khartoum, per 30 anni alla guida del Paese africano, sopravvissuto 'indenne' alla guerra civile che per oltre 19 anni ha dilaniato il Paese fino alla proclamazione d'indipendenza del Sud Sudan nel 2011 e al successivo conflitto in Darfur che gli e' valso nel 2009 un'incriminazione per crimini di guerra e contro l'umanita' da parte della Corte penale internazionale. Innescate dall'aumento del prezzo del pane, le proteste nate lo scorso dicembre lo hanno costretto alla resa dopo quasi 4 mesi di manifestazioni. A nulla e' valso il tentativo di placare la collera popolare offrendo la testa del ministro della Salute e del premier, alla fine l'esercito si e' schierato con la piazza e ha messo fine al suo regime trentennale, inaugurato nel 1989 con un colpo di Stato.

La protesta che ha portato alla destituzione di Bouteflika in Algeria

Non e' andata meglio all'ormai ex presidente algerino, Bouteflika: la decisione di ricandidarsi per il quinto mandato gli e' stata fatale, aizzandogli contro larghissimi strati della societa' e innescando delle proteste che alla fine gli sono costate il palazzo presidenziale. Vi era arrivato nel 1999 dopo essere stato eletto con oltre il 70% dei consensi e l'aperto sostegno dell'esercito. Nel 2013 pero' un ictus lo ha colpito e da allora e' costretto su una sedia a rotelle, lontano praticamente da tutti gli eventi pubblici. Una situazione insostenibile che e' sfociata in proteste settimanali. A nulla sono valsi i tentativi di Bouteflika di placare la folla, rinviando le elezioni, ritirando la candidatura e promettendo riforme: alla fine la pressione della piazza l'ha portato a dimettersi. Ma non e' ancora abbastanza per i manifestanti che sono tornati in piazza per protestare contro il nuovo presidente ad interim, Abdelkader Bensalah. 

Ad aprire le "danze" la fine del regime di Mugabe in Zimbabwe

Un anno e mezzo fa era stata la volta di Mugabe, l'inossidabile padre-padrone dello Zimbabwe, arrivato al potere come primo ministro nel 1980 e da allora rimasto per 37 anni aggrappato alla poltrona, accentrando tutto nelle sue mani e quelle della sua famiglia. Il 15 novembre 2017 era stato preso in custodia dall'esercito senza essere destituito ufficialmente; le dimissioni sono arrivate solo il 21 novembre dopo aver negoziato un accordo di immunita' per lui e la famiglia. 

Commenti
    Tags:
    sudanalgeriazimbabweafricabashirmuganbesatrapi
    in evidenza
    Vale Rossi, topless della fidanzata Francesca, le foto spettacolari

    GOSSIP E GALLERY VIP

    Vale Rossi, topless della fidanzata
    Francesca, le foto spettacolari

    i più visti
    in vetrina
    Faceapp, l'app che invecchia è virale. Ecco i vip con 30 anni in più. FOTO

    Faceapp, l'app che invecchia è virale. Ecco i vip con 30 anni in più. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Furti auto: le auto a noleggio piacciono di più

    Furti auto: le auto a noleggio piacciono di più


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.