A- A+
Geopolitica
Lannutti: "Corriere arma contro l'Italia.Volevano farci fare la fine di Atene"

"Tutto inizia il primo novembre scorso, quando il Corriere della Sera in prima pagina spara la notizia della procedura d'infrazione dell'Unione europea nei confronti dell'Italia. Una notizia data per certa". Elio Lannutti, senatore del Movimento Cinque Stelle, racconta in un'intervista ad Affaritaliani.it tutti gli elementi alla base della sua interrogazione parlamentare e del suo esposto-denuncia presentato al procuratore capo di Milano Francesco Greco in merito alla vicenda degli articoli pubblicati dal Corriere lo scorso novembre a firma del vicedirettore Federico Fubini.

Senatore Lannutti, perché questo esposto?

Perché ritengo che la procura debba approfondire quanto accaduto sul principale quotidiano e accertare eventuali fattispecie di reato.

Da dove nasce il caso?

Il caso nasce dal fatto che il primo novembre il vicedirettore ad personam Fubini dà per certo che la procedura di infrazione ai danni dell'Italia sia pronta.

Non era così?

Evidentemente no, visto che il 4 novembre il corrispondente da Bruxelles Ivo Caizzi rspiega che era in atto una fruttuosa trattativa tra l'Italia e l'Unione europea e in particolare con Mario Centeno, il presidente dell'Eurogruppo che guida l'organo che di fatto decide sulle eventuali procedure di infrazione ai danni degli Stati membri. 

Ma la notizia il Corriere della Sera dunque la dà...

Sì, ma il risalto dato a quanto scritto da Fubini e quanto scritto da Caizzi è completamente diverso. Il 6 novembre Caizzi conferma la scelta dell'Eurogruppo di trovare un accordo con il governo italiano ma la notizia viene confinata in un trafiletto. Il giorno dopo Fubini torna a scrivere che non c'è alcun passo avanti nella trattativa tra Bruxelles e Roma, anzi avanza l'ipotesi che il negoziato non esiste proprio. Contestualmente, sempre con grande risalto, si rilancia la possibilità che il ministro dell'Economia Giovanni Tria sia pronto alle dimissioni.  Tutto ciò anche se lo stesso giorno sempre il Corriere riportava chiaramente l'esistenza di una trattativa confermata dai 28 ministri Ecofin. Ma, anche qui, lo spazio concesso all'una e all'altra notizia è enormemente diverso. E non è finita qui...

Che cosa succede ancora?

Il 20 novembre, alla vigilia del collocamento dei Btp Italia, Fubini scrive che "il governo starebbe generando stress finanziario per produrre recessione e nuove tensioni sul debito".

Senatore, sta dunque dicendo che il Corriere ha usato due pesi e due misure trattando le notizie sulla trattativa tra Italia e Ue, favorendo la linea "pessimista" e contraria al governo?

Sto dicendo che il Corriere della Sera è stato utilizzato come arma per alzare lo spread, colpire l'Italia e il governo. D'altronde lo ha detto lo stesso Caizzi, il quale spero possa continuare a scrivere e non venga punito da un giornale che ha avallato quelle che ritengo bufale atte a creare panico. 

Lei pensa davvero che il principale quotidiano abbia aiutato più o meno consapevolmente qualcuno che voleva danneggiare l'Italia? Non ha invece solamente esercitato il proprio diritto di cronaca?

Di certo non è la prima volta che viene dato ampio spazio ad articoli allarmistici contro l'Italia e contro questo governo. Basti vedere quanto scritto e detto già dopo le elezioni del 4 marzo. Sembra proprio che qualcuno, nel Corriere, appoggi la linea del commissarrio Oettinger, che affermò che i mercati avrebbero insegnato agli italiani come votare.  In tutto questo non possono sfuggire i legami di Fubini con George Soros.

Ritiene ci fosse un disegno preciso per colpire l'Italia?

La Grecia ha subito anni fa un colpo di Stato. Hannto tentato di farci fare la fine della Grecia. Hanno provato a instaurare anche da noi la dittatura della troika. La cleptocrazia dei mercati e dello spread ha cercato di renderci schiavi. Mi auguro che alle elezioni europee i popoli europei rialzino la testa e non si fidino del finto pentito Juncker, che ora dopo anni di lacrime e sangue riconosce che i programmi della troika non sono compatibili con la democrazia.

Nell'esposto alla procura che cosa chiede?

Chiedo di verificare l'eventuale sussistenza di ipotesi di reato come l'aggiotaggio informativo.

In questo scenario quanto pesa e ha pesato l'assenza della nomina del nuovo presidente della Consob?

Ha certamente contribuito. Abbiamo un candidato, Minenna, che è un grande professionista con esperienza internazionale. Il presidente vicari Genovese è ancora legata a Renzi e al cosiddetto "giglio magico". Bisogna urgentemente arrivare alla nomina di Minenna. Anche perché una Consob decapitata non fa gli interessi di questo Paese. La Consob deve avere una funzione piena e legittimata, anche perché con le banche in difficoltà e i soldi di italiani e contribuenti che rischiano di andare in fumo bisogna essere in grado di vigilare e intervenire in modo forte. 

Commenti
    Tags:
    sorostroikaelio lannuttigolpe
    in evidenza
    Katia, show fotonico in giardino E' la resa dei conti per tre...

    TEMPTATION ISLAND 'FINALE'

    Katia, show fotonico in giardino
    E' la resa dei conti per tre...

    i più visti
    in vetrina
    Valentina Bissoli scalda una New York bollente. La regina italiana degli Usa

    Valentina Bissoli scalda una New York bollente. La regina italiana degli Usa


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Missione Apollo 11: sulla luna c’era anche Ford

    Missione Apollo 11: sulla luna c’era anche Ford


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.