A- A+
Geopolitica
"Via della Seta, Usa-Ue chiedono solo sacrifici ma per l'Italia anche rischi"
Foto: LaPresse

Arduino Paniccia, massimo esperto di geopolitica e strategia miitare, parla con Affaritaliani.it dell'accordo sempre più vicino sulla Nuova Via della Seta tra Italia e Cina, con la firma del memorandum of understanding (oltre ai singoli accordi specifici) che dovrebbe arrivare tra una decina di giorni durante la visita in Italia del presidente cinese Xi Jinping.

Professor Paniccia, l'Italia fa bene o oppure no a firmare l'adesione alla Belt and Road di Pechino? 

Si tratta certamente di un grande problema. Secondo me non è stata ancora fatta un'accurata riflessione sull'essenza dell'iniziativa cinese. Riflettere, come in pochi stanno facendo, sulla portata di questo memorandum al di là dei contenuti commerciali, non è solo un tema da accademici. Poi un governo può legittimamente prendere una posizione ma deve avere un progetto preciso e avere ben chiare quali sono le conseguenze delle sue azioni.

SPECIALE NUOVA VIA DELLA SETA

Via della Seta: mappa, investimenti, pro e contro. Tutto ciò che c'è da sapere

Via della Seta, ecco il memorandum Italia-Cina che fa litigare il governo

Cina, Italia pronta ad aderire alla Nuova Via della Seta. Usa permettendo

Nuova Via della Seta, l'Italia tra il fuoco incrociato di Usa e Cina

Nuovo avvertimento Usa all'Italia: "Non firmate". Per Washington non è solo un accordo economico, ma una scelta di campo

Ecco perché la Cina vuole i porti italiani di Trieste e Genova

Usa vs Cina? Non è uno scontro commerciale, ma la nuova guerra fredda

Il governo dice che si tratta di un accordo esclusivamente commerciale e non politico.

Al di là delle intenzioni, certamente corrette, del governo italiano, va fatta una valutazione sul progetto Belt and Road in sé. Se non si capisce che cos'è la Bri non riusciamo neanche a collocarla bene nel contesto politico e diplomatico internazionale e a trarre le conseguenze delle proprie decisioni. Sin dall'inizio dell'iniziativa, nel 2013, la Cina ha voluto dare una prospettiva bilaterale alla Bri, portando avanti rapporti con singoli paesi. Ma in questo quinquennio sono successe molte cose e la conformazione, se non gli obiettivi, dell'iniziativa ha preso una conformazione diversa.

In che modo?

Al fianco dei progetti bilaterali hanno cominciato a sorgere dei veri proprni snodi lungo la via, centri nevralgici civili ma per certi versi anche di intelligence o militari. Faccio riferimento allo snodo di Gibuti, con il corollario della sicurezza anti pirateria che funge anche da controllo sulle rotte. Dalle informazioni in nostro possesso esistono nodi di rete di sorveglianza sparsi in diversi luoghi lungo la Belt and Road, molti nascosti, com'è d'altronde naturale che sia visto che questo non è solo un progetto di scambio commerciale ma una vera e propria rete interconnessa le cui ramificazioni partono dalla casa madre cinese, chiamata a tutelare i propri interessi lungo il percorso.

Quindi l'Italia firmando aderisce a un progetto non solo economico ma anche politico?

Anche se sulla carta questo non dovesse risultare il rischio è che venga letto così dai nostri alleati, in primis gli Stati Uniti. L'iniziativa cinese ha secondo me assunto una conformazione multilaterale che coinvolge attori di più continenti. Una cosa molto diversa da un semplice progetto infrastrutturale o commerciale.

Ma si tratta di una trasformazione voluta dalla Cina o che è più nella mente (e nei timori) degli Usa?

Quando lanci un'iniziativa che coinvolge 60 paesi e un paio di centinaia di miliardi di investimenti è difficile pensare che gente sofisticata come quella che fa parte del Politburo cinese non avesse immaginato i possibili sviluppi, anche involontari, che il progetto avrebbe potuto prendere. Non sto dicendo che l'obiettivo originario o neppure quello attuale di Pechino sia squisitamente geopolitico, ma vista la successione degli eventi e la contrapposizione degli Stati Uniti ha innegabilmente assunto questa postura. E credo che ora gli stessi cinesi ne siano consapevoli, loro malgrado, e l'adesione dell'Italia (primo paese del G7 a firmare il memorandum Bri) sia un messaggio chiaro in tal senso ai rivali.

Francia e Germania, tra gli altri, fanno però da tempo affari con la Cina. 

Sì, resta questo sospetto molto sgradevole che se invece di Trieste e Genova si stesse parlando di Brema o Amburgo non si sarebbero agitati tutti così. La Cina sta giocando in maniera furba e ha individuato nell'Italia il paese su cui lanciare una sfida a Europa e Stati Uniti, ma vorrei capire quali sono state le azioni portate avanti da Europa e Usa per evitare di arrivare a questo punto. 

Se l'Italia rinunciasse all'adesione alla Bri che cosa succederebbe?

Potremmo anche rinunciare ma solo per garanzie precise, non per le semplici ed eteree parole di Macron. L'Italia ha bisogno di concretezza. Quali sono le controproposte dell'Ue di fronte a un ipotetico sacrificio dell'Italia? Questo continente è in grado di assicurare che le fondamenta della nostra civiltà staranno insieme col beneficio di tutti oppure l'opposizione europea nasconde solo la volontà di scavalcare l'Italia e poi metterla da parte?

Ci sono responsabilità di Usa e Nato nella situazione che si è venuta a creare?

Certamente, su tutto ha molto influito il ripiegamento degli Usa e della Nato. Lo stesso generale von Clausewitz, nel lontano 1830, aveva detto che non si può dare eterna fedeltà e annientare se stessi per un giuramento. Usa e Nato non possono richiedere per sempre sacrifici in nome di un'alleanza sempre più sfumata vista la loro ritirata sull'America First. Sanzioni sulla Russia, sanzioni sull'Iran, guerra fredda alla Cina. Non può essere sempre accettato sulla base di un modello Nato che ha portato anche a esiti indecorosi come in Libia. 

Che cosa succederà dopo la firma dell'Italia al memorandum Bri?

Credo che dopo la firma, come spesso accade in Italia, ci sarà un periodo di riflessione e di attesa per vedere se Europa e Usa si riavvicineranno a noi oppure no. L'adesione alla Bri può essere letta come un azzardo per provare a ristabilire una centralità geostrategica dell'Italia nel cuore del Mediterraneo. Ma si tratta di un azzardo con molti rischi.

Quali?

Se tra un anno, come si inizia a temere, salta anche il trattato Start tra Stati Uniti e Russia i rischi sono molteplici. Nell'ambito di una nuova escalation gli Usa potrebbero scavalarci sul tema della sicurezza militare, stringendoci con lo schieramento di missili sulla barriera orientale. A quel punto saremo costretti a fare una scelta di campo per non stare dalla parte "sbagliata", nell'ottica americana, della nuova guerra fredda.

twitter11@LorenzoLamperti

Commenti
    Tags:
    via della setapanicciaxi jinpingusanatoitaliabelt and roadcina notizie
    in evidenza
    MARA CARFAGNA SEXY IN BIKINI ELISA ISOARDI, CHE TOPLESS

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    MARA CARFAGNA SEXY IN BIKINI
    ELISA ISOARDI, CHE TOPLESS

    i più visti
    in vetrina
    Lady Gaga e Bradley Cooper vivono insieme. GOSSIP CLAMOROSO SU LADY GAGA

    Lady Gaga e Bradley Cooper vivono insieme. GOSSIP CLAMOROSO SU LADY GAGA


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    PEUGEOT DESIGN LAB ridisegna le cabine di Bourbon Mobility

    PEUGEOT DESIGN LAB ridisegna le cabine di Bourbon Mobility


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.