A- A+
Politica
Giuseppe De Rita ad Agorà fa un discorso politico sull'Italia

Il rapporto 2018 del Censis, istituto fondato e guidato dal sociologo Giuseppe De Rita, restituisce uno spaccato dell’Italia a tinte fosche, denso di giudizi morali, come l’affacciarsi di un supposto “cattivismo” che non trovano conferma nei dati oggettivi, ma sembra più che altro una estrapolazione di tendenza, una sorta di wishful thinking al negativo che magari può supportare le aspirazioni politiche di qualcuno.

L’analisi è certamente interessante e De Rita una persona competente con modi urbani, ma deve fare attenzione a non prestare il fianco alle inevitabili (volute o no) strumentalizzazioni che già sono in atto da parte di alcuni partiti. La sociologia è una scienza che deve fornire il quadro della società e non schierarsi da una parte o dall’altra perché allora si farebbe politica. Stamattina ad Agorà (Rai3) lo stesso De Rita spiegava la differenza tra il concetto di “popolo” e quello di “populismo” e ne dava una coloritura sostanzialmente politica prendendo le distanze dal populismo, ad esempio, del premier Giuseppe Conte, che orgogliosamente nel discorso di insediamento si definì “avvocato del popolo” (dal nome di un foglio fondato da Jean - Paul Marat nel 1789).

Parimenti oggi De Rita ha focalizzato il discorso sul passaggio dal “rancore sociale” (nato a suo dire con i Vaffa Day di Beppe Grillo, ma si può far risalire ad Antonio Di Pietro) al “cattivismo”, come sua naturale conseguenza. Il tutto condito da un nuovo e ardito concetto: il “sovranismo psichico” che terrebbe sotto scacco gli italiani, in una atmosfera ipnotica.

Per il fondatore del Censis le élite si autoperpetuano da sole e, travestite a volte da “populisti” prendono il potere per poi farsi élite loro stessi.

In questa lettura c’è probabilmente una critica alla stessa Rivoluzione francese legata all’attuale vicenda dei gilet gialli e certamente il potere impregna i populisti che lo conquistano, ma questo non vuol dire che l’idea di cambiamento sia poi totalmente inficiata ed abbandonata. L’idealità della Storia deve fare necessariamente i conti con la limitatezza delle ambizioni umane, ma i grandi fatti restano e imprimono un forte cambiamento al suo corso, si guardi appunto alla Rivoluzione francese.

Il fenomeno analizzato da De Rita per l’Italia non riguarda assolutamente solo il nostro Paese, ma tutto il mondo e spesso ne abbiamo parlato su Affari.

Populismo e sovranismo sono una reazione del popolo, cioè degli elettori, a decenni di falso buonismo globalista che ha permesso alle élite mondiali di arricchirsi a scapito delle classi medio - basse.

Ecco perché il lavoro di De Rita è interessante, ma la sua interpretazione lascia francamente perplessi.

Commenti
    Tags:
    giuseppe de ritaagoracensisgiuseppe contesovranismopopulismorivoluzione francesebeppe grilloantonio di pietro
    Loading...
    in evidenza
    Riapre lo storico Pitosforo A Portofino arriva chef Cracco

    Costume

    Riapre lo storico Pitosforo
    A Portofino arriva chef Cracco

    i più visti
    in vetrina
    Taylor Mega gioca a calcio senza vestiti: lato B in primo piano. VIDEO

    Taylor Mega gioca a calcio senza vestiti: lato B in primo piano. VIDEO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie

    Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.