Giustizia/ Il ministro La Russa ad Affaritaliani.it: pessimista sulla riforma con l'opposizione

Lunedì, 12 gennaio 2009 - 15:15:00

Giustizia/ Per la prima volta una donna alla guida dell'Anm di Messina

SONDAGGIO/ Giustizia, Fini: riforma con l'opposizione. Berlusconi: avanti anche senza il Pd. Chi ha ragione?
Il ministro della Difesa e reggente di An è scettico sulla possibilità di varare la riforma della Giustizia in accordo con il Pd. "Non sono così ottimista perché l'opposizione, più che approvare Fini, ha cercato di accreditare la tesi che tra Berlusconi e il presidente della Camera ci fossero distanze incolmabili. Quando si accorgerà che non è così, e che Fini ha solo favorito l'incontro, sono sicuro che ritornerà a creare obiezioni di comodo", afferma Ignazio La Russa ad Affaritaliani.it. "Se invece anche la sinistra volesse fare effettivamente un lavoro concordato e comune, teso a trovare una soluzione, allora ci si potrà arrivare. Ma quello che ha detto Berlusconi è corretto. Sulla base di partenza si può discutere però alla fine si deve arrivare a una riforma. L'unica cosa che non è possibile è che la sinistra impedisca la riforma. Se c'è il confronto bene, ma se qualcuno pensa di impedire ogni riforma sappia che noi abbiamo i numeri per farla comunque. Sulla base dei punti già votati in Commissione e che Fini ha cristallizzato e reso chiaro a tutti; sono linee condivisibili in teoria... vedremo se la sinistra, dopo l'interessamento dimostrato, darà seguito con un comportamento responsabile".
 
Quindi nessuna divergenza tra Berlusconi e Fini sulla Giustizia? "Direi proprio di no. Innanzitutto è stato il premier a dire che il linguaggio è unico. Il modo in cui è stata sintetizzata un'ipotesi di punto di partenza bipartisan da parte del presidente della Camera è stato molto importante perché è diventato una sorta di terreno di mediazione e di incontro riconosciuto da tutti. Tra i sei punti indicati da Fini, l'unico che è in discussione è quello su come limitare le pubblicazioni delle intercettazioni e quindi come salvaguardare la privacy dei cittadini senza impedire le indagini. E' l'unico obiettivo che rimane in discussione, ma mai lo è stato tutto il resto. Utile il fatto che Fini li abbia non solo riassunti ma anche cristallizzati quasi in una bozza di terreno comune e di dibattito, ma credo che il linguaggio non sia per nulla differente. Berlusconi più volte ha sottolineato il pericolo che l'eccesso di intercettazioni costituisca un limite alla libertà dei singoli cittadini e alla loro privacy. Infatti stiamo studiando da tempo il modo per risolvere questa questione, ma il voto alla Camera in Commissione prevede già esattamente quello che ha detto Fini".
0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA