A- A+
Politica
Governo, il diabolico piano di Renzi: lo "sconfitto" che tiene tutti in pugno

Il Pd è uscito ridimensionato dalle elezioni del 4 marzo e Matteo Renzi ha dovuto rinunciare alla carica di segretario dem. Ma in questo scenario che apparirebbe a prima vista desolante per il Partito Democratico, non ci si può non rendere conto che tale partito resta quello determinante nella soluzione del "Paradosso di Condorcet" creatosi con il voto. Paradosso che vede i vincitori non avere i numeri per governare.

Malgrado non sia tra quei vincitori, il Pd continua a essere sulla bocca di tutti gli attori politici; il Pd è tirato per la giacchetta da osservatori, commentatori e politologi affinché decida di appoggiare il m5s o al contrario perseveri a non volerlo sostenere; il Pd sarà il convitato di pietra di ogni futura consultazione.

Chi lo voleva ridotto a mero spettatore delle mosse future per la formazione di una maggioranza se lo ritrova nei panni dell'attore protagonista, o perlomeno in quelli di comprimario che ruba la scena a chiunque. E ovviamente c'è qualcuno che aveva previsto ogni cosa e che, fin da prima delle elezioni, ha manovrato acciocché questo fosse l'esito più sicuro in caso di sconfitta.

Quel qualcuno è naturalmente Matteo Renzi, che - lungi dall'essere fuori dai giochi - è assurto a essere l'ago dell'ago della bilancia. Altro che "ebetino" come lo definiscono "delicatamente" coloro che adesso vorrebbero il sostegno del Pd, altro che Mister Bean italiano, Matteo Renzi è un autentico genio del male (o del bene a seconda dei sentimenti che si provano per lui). 

Intuendo anzitempo la disfatta del Pd alle elezioni o paventandola, con un colpo da maestro ha blindato le candidature dando vita a un futuro parlamento composto perlopiù da renziani fedelissimi; renziani fedelissimi che - vinte o perdute le elezioni - lui avrebbe comunque comandato a bacchetta. Quegli stessi renziani fedelissimi, per giunta, continuano a essere leali al Renzi non più segretario, ovvero al Renzi in panchina ma non certo in pensione. Con la reggenza di Maurizio Martina, non si esaurisce infatti la perpetuazione del "renzismo" e, ovviamente, Matteo brigherà affinché il nuovo segretario sia un suo uomo o una sua donna di fiducia. Nel frattempo, i senatori e i deputati dem eletti, per la stragrande maggioranza renziani doc, non faranno un passo senza il benestare occulto del loro mentore.

Insomma malgrado la sconfitta, almeno nel prossimo futuro in seno al Pd continuerà a non muoversi foglia che Renzi non voglia. Un piano diabolico che Machiavelli non avrebbe saputo consigliargli meglio

Tags:
governonuovo governomaggioranze di governopdmatteo renzisegretariom5slegaforza italiaelezioni 2018

in vetrina
Cristina Marino fisico scolpito, Canalis sexy in barca e... Vip al mare: FOTO

Cristina Marino fisico scolpito, Canalis sexy in barca e... Vip al mare: FOTO

Advertisement
Advertisement
i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Aquarius vista dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Aquarius vista dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot 3008 il SUV premiato in tutto il mondo

Peugeot 3008 il SUV premiato in tutto il mondo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.