A- A+
Politica
Renzi è pronto a fare il premier. No di Letta, dubbi del Quirinale


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Il giorno del giudizio sarà giovedì 20 febbraio, quando la Direzione Nazionale del Pd si riunirà di nuovo e questa volta per parlare di governo e non solo e tanto di riforme. Fino a quel giorno sono aperti i giochi, soprattutto all'interno del Partito Democratico. Il problema - spiega una fonte parlamentare del partito di maggioranza relativa - "è il tira e molla tra il segretario e il premier. Il nodo va sciolto rapidamente perché così non si può andare avanti". Il problema è che il rimpasto o rimpastino potrebbe non essere sufficiente per placare le polemiche nel Pd e nell'esecutivo.

"Tutte le ipotesi sono in campo", compresa la cosiddetta 'staffetta' tra Letta e Renzi. Il sindaco di Firenze, secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, nei giorni scorsi ha sondato le varie anime del Pd per capire se c'è il via libera alla sua promozione a Palazzo Chigi. E pare che nessuno abbia opposto veti. "Sostanziale via libera a questa ipotesi, nessuno si metterebbe di traverso", dunque. Tanto più che anche Scelta Civica e Nuovo Centrodestra hanno lasciato intendere il loro ok alla possibilità che Renzi diventi premier. E questa strada faciliterebbe l'azione di governo - dicono nel Pd - ed eliminerebbe il dualismo segretario-premier.

Ma i nodi sono due. Il primo è il Colle. Napolitano, che ha bloccato il rimpasto e la verifica, tiene molto alla stabilità, soprattutto dopo il viaggio in Europa. E preferirebbe che ci fosse continuità nell'azione di governo (per questo, ad esempio, ha blindato Saccomanni all'Economia). Il secondo problema è Letta. Il presidente del Consiglio - spiega la fonte democratica - "non ha alcuna intenzione di lasciare la guida dell'esecutivo. Vuole essere lui a gestire il semestre di presidenza dell'Unione europea".

Non solo. Ricordano dal Nazareno che nelle prossime settimane ci saranno importantissime nomine di aziende controllate, Eni ed Enel in testa, e Letta non vuole assolutamente perdere l'occasione di essere lui e non Renzi a decidere chi promuovere e chi spostare. Nel Pd ricordano come ci sia la possibilità di "un incarico nella Commissione europea" per l'ex vice di Bersani, che però non pare proprio intenzionato a voler lasciare Palazzo Chigi. O si trova una soluzione e anche rapidamente, oppure, se dovesse continuere il ping pong tra Sindaco e premier, l'esecutivo e la legislatura stessa potrebbero davvero essere a rischio.

 

Tags:
lettarenzipdpartito democraticogovernorimpastonapolitanoesecutivo
in vetrina
Temptation Island 2019 KATIA LACRIME PER... Temptation Island 2019 news

Temptation Island 2019 KATIA LACRIME PER... Temptation Island 2019 news

i più visti
in evidenza
LAETITIA CASTA, COVER NUDA Dalla Isoardi a Belen... Le foto

GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

LAETITIA CASTA, COVER NUDA
Dalla Isoardi a Belen... Le foto


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Honda-E, la city car di moda

Nuova Honda-E, la city car di moda


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.