A- A+
Politica
Unioni civili, Pd-M5S: tutta la verità sull'anomalo patto


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Sedici senatori del Partito Democratico escono allo scoperto e affermano senza mezzi termini che "ogni ulteriore arretramento, tanto sugli aspetti che regolano i rapporti nell'unione, quanto su quelli relativi alla stepchild adoption, segnerebbe per noi un'inaccettabile regresso rispetto al percorso sin qui compiuto". E' la conferma: Matteo Renzi non cede alle richieste di Angelino Alfano e tira dritto sul ddl Cirinnà. Negli stessi minuti esce una dichiarazione del senatore M5S Alberto Airola: "Il Movimento 5 Stelle voterà compatto per il ddl Cirinnà, se non ci saranno modifiche che stravolgano il testo".

Di fatto, sulle unioni civili, si va avanti con l'anomala maggioranza Pd-M5S-Sel-Ala. E il premier non potrebbe fare altrimenti, visto che un accordo con Area Popolare sarebbe pericolosissimo in quanto farebbe venir meno il sostegno dei grillini e lascerebbe molte trappole in Aula con le votazioni segrete. Renzi - spiegano i deputati dem - sa perfettamente che in questo modo deteriora i rapporti con il ministro dell'Interno ma è anche consapevole che Alfano non aprirà la crisi di governo anche se le unioni civili venissero approvate così come sono ora e con il voto determinante del M5S.

Ma veramente i grillini danno il loro sostegno gratis al Pd? Non scherziamo. La contropartita è la legge elettorale, ovvero la chiusura ad ogni modifica dell'Italicum. I verdiani hanno chiesto l'introduzione del premio di maggioranza alla coalizione e non più solo alla lista, ma il premier ha promesso ai 5 Stelle di tenere il punto e di lasciare l'Italicum così com'è. E' del tutto evidente che il premio alla lista fa comodo al M5S, che non si allea con nessuno, e mette in difficoltà soprattutto il Centrodestra.

In questo modo il premier inaugura una sorta di strategia a maggioranze variabili, a volte con Alfano e a volte con i 5 Stelle (come è accaduto per l'elezione dei giudici della Consulta). Con i verdiani, ormai arrivati a 19 al Senato e che potrebbero aumentare ulteriormente, sempre pronti a sostenere l'esecutivo. L'unico neo potrebbe essere costituito da qualche dissidente Ncd o Udc che potrebbe lasciare Area Popolare per passare con i ribelli di Quagliariello e Giovanardi.

Tags:
m5srenzigovernopd

in vetrina
SILVIA PROVVEDI LATO B E TOPLESS. Belen, Cecilia Rodriguez, Canalis... Gallery

SILVIA PROVVEDI LATO B E TOPLESS. Belen, Cecilia Rodriguez, Canalis... Gallery

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Conte visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Conte visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Abarth Days 2018: il tour dello Scorpione

Abarth Days 2018: il tour dello Scorpione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.