Governo Salvini, Lega: se Salvini si fa da parte, Giorgetti premier. Le novità - Affaritaliani.it
A- A+
Politica
Governo Salvini, Lega: se Salvini si fa da parte, Giorgetti premier. Le novità

Primo punto. Domenica 25 marzo Matteo Salvini scrive sui social: il premier dovrà essere di Centrodestra. Secondo punto. Lunedì 26 marzo il segretario della Lega afferma: sono pronto a fare il presidente del Consiglio ma non dirò mai 'io o la morte' (leggi qui). Il leader del Carroccio si muove con i piedi di piombo e, dopo aver incassato la fiducia di Grillo e Di Maio ('è un uomo che mantiene la parola'), lavora per tenere unito il Centrodestra. Smentito il piano di chiedere un passo indietro a Silvio Berlusconi che, sempre secondo Salvini, 'resta il capo di Forza Italia', prosegue la costruzione delle basi del prossimo esecutivo sul doppio fronte Centrodestra-5 Stelle.

Ai grillini il numero del Carroccio dice: "Vogliono rimanere a vita all'opposizione a dire no no no o vogliono assumersi qualche responsabilità?', ma allo stesso tempo conferma l'impegno a mantenere unita la coalizione che è arrivata prima il 4 marzo. La novità di oggi è quel non dirò mai 'io o la morte' come presidente del Consiglio, dopo aver fatto la campagna elettorale da Nord a Sud con lo slogan 'Salvini premier'. Fonti parlamentari leghiste spiegano il senso delle parole del segretario: fatto salvo che il premier dovrà essere di Centrodestra, il Carroccio, che ha rinunciato a una presidenza delle Camere, è il partito più votato della coalizione e quindi naturalmente non può che esprimere il capo del governo.

Salvini ribadisce di essere in campo in prima persona ma allo stesso tempo non esclude un'altra soluzione. E all'interno della Lega c'è una sola figura che ha la statura politica e l'esperienza per poter, nel caso, guidare l'esecutivo. Il nome è quello di Giancarlo Giorgetti, vice-segretario di Via Bellerio che ha accompagnato il leader in tutti i passaggi parlamentari che hanno portato all'elezione di Fico e della Casellati, compresi i tesissimi vertici a Palazzo Grazioli con gli alleati. Per anni presidente della Commissione Bilancio della Camera, molto apprezzato anche nel Partito Democratico (non a caso nei giorni scorsi Ettore Rosato aveva aperto alla possibilità che i Dem lo votassero come presidente di Montecitorio), stimato dall'ex Cavaliere e in Forza Italia, Giorgetti ha un rapporto diretto e privilegiato con il Quirinale, e non solo con Mattarella visto che fu uno dei saggi chiamati da Napolitano dopo l'empasse del 2013 uscita dalle urne.

L'unico difetto, se così si può chiamare, è che non ama la ribalta mediatica e ha sempre disegnato per sé il ruolo di sottile mediatore che lavora dietro le quinte e parla poco con i media. Detto ciò, però - spiegano sempre nel Carroccio -, è l'unico leghista, a parte Salvini, che potrebbe davvero avere i requisiti (politici e non solo) per fare il premier. Visti i toni della campagna elettorale, anche se ora sono nettamente più stemperati e soft, Salvini potrebbe essere visto come 'troppo radicale' per assumere il ruolo di premier in una situazione in cui trovare la maggioranza in Parlamento è difficile. E quindi la figura di Giorgetti potrebbe essere proprio quella giusta. Appuntamento forse chiave sarà mercoledì, quando a Montecitorio e a Palazzo Madama si formeranno le due Commissioni Speciali, 40 membri alla Camera e 25 al Senato, chiamate a gestire tutti quei temi che necessitano del parere del Parlamento visto che il governo Gentiloni è dimissionario e si occupa solo dell'ordinaria amministrazione.

E il punto chiave che dovrà affrontare la Commissione, quella più importante è storicamente quella della Camera, è la stesura del Def da presentare in Europa, soprattutto nella parte che riguarda i provvedimenti futuri. Nella scorsa legislatura il presidente di questa Commissione fu proprio Giorgetti, in quanto capo della Bilancio nella precedente legislatura. Seguendo lo stesso schema ora toccherebbe a Francesco Boccia. Ma sono in molti a dubitare che un esponente del Pd, pure dell'ultra-minoranza di Emiliano, possa guidare un organismo così delicato soprattutto in avvio di legislatura. Non a caso diversi deputati, dalla Lega a Forza Italia dal Pd ai 5 Stelle, iniziano seriamente a ipotizzare che la guida della Commissione Speciale di Montecitorio vada nuovamente a Giorgetti. E chissà che non sia l'antipasto di qualcosa di più importante...

Tags:
governo salvini

in vetrina
Royal Family News, Meghan Markle rivela le 4 parole del papà mai rivelate

Royal Family News, Meghan Markle rivela le 4 parole del papà mai rivelate

i più visti
in evidenza
Vacanze ad agosto? No Ecco i mesi più economici

Costume

Vacanze ad agosto? No
Ecco i mesi più economici

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La nuova tecnologia Ford risveglia dall’incubo di guida in contromano

La nuova tecnologia Ford risveglia dall’incubo di guida in contromano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.