A- A+
Politica
Governo/ "Vi spiego la riforma della P.A. Così sconfiggeremo la burocrazia"

- Quando sarà pronta la riforma della Pubblica Amministrazione alla quale il governo sta lavorando?
C’è un iter parlamentare che il disegno di legge “Concretezza” deve seguire: per ora è stato approvato in prima lettura al senato e sono fiducioso che a breve il Parlamento darà il via libera. Inoltre, il Consiglio dei ministri ha approvato, lo scorso dicembre, in esame preliminare, un disegno di legge delega per il miglioramento della Pa e la riforma della dirigenza pubblica. È chiaro che l’esigenza di creare uno Stato più moderno ed efficiente è largamente sentita da tutti. L'inefficienza della Pa costa oltre 30 miliardi di euro all'anno di mancata crescita, secondo la Cgia di Mestre.

- In che cosa consiste esattamente il progetto dell'app IO (io.italia.it) e come migliorerà i servizi della P.A.?
“Io” permetterà ai cittadini di gestire i rapporti con la Pa attraverso smartphone in un click: basta file agli sportelli e scartoffie burocratiche. Dai certificati ai pagamenti, tutto si potrà fare col telefonino. Si tratta di un progetto nel quale crediamo moltissimo, sviluppato dal Team digitale: una app dei servizi pubblici che mette insieme altre piattaforme, come Spid - l’identità digitale del cittadino -, pagoPA, e l’Anpr - l’anagrafe digitale unica nazionale -, con il nuovo modello di interoperabilità tramite Api, sviluppato dalle comunità di professionisti alle quali abbiamo chiesto di darci una mano per informatizzare il Paese. Sembra assurdo, ma la Pa aveva un problema di 1000 banche dati che non comunicavano fra di loro: avevamo i dati, ma non li potevamo sfruttare, perchè non c’era l’interoperabilità. Anche per colpa dei mille bandi che sono stati fatti da una classe dirigente incapace e amica dello spreco. L’app, che è in fase di test, verrà rilasciata entro la fine dell'anno.

- Il governo riuscirà finalmente a sconfiggere la burocrazia? E come?
Sicuramente. La digitalizzazione comporta risparmi incredibili, sia sul fronte dell’automazione del procedimento, che su quello della lotta alla corruzione; è impossibile imbrogliare quando tutto è on line, trasparente e verificabile dai cittadini. Solo dalla digitalizzazione di una delle funzioni offerte da Anpr - il cambio di residenza - ci aspettiamo un risparmio annuale di €65 milioni/anno. Questo governo, infine, è l’unico che ha sbloccato il turnover, da 10 anni a questa parte. Con le nuove assunzioni, faremo entrare nella Pa quei giovani eccellenti che oggi fuggono all’estero in cerca di fortuna, che ci consentiranno di far fare un grande balzo in avanti alla nostra Pa. Il ddl Concretezza prevede l'assunzione preferenziale di quei profili che oggi ci mancano: informatici, manager, esperti di fondi europei. Questi ragazzi saranno il nostro driver di sviluppo.

- Dopo l'ok al reddito di cittadinanza da parte del Consiglio dei ministri, qual è la grande riforma a cui tengono particolarmente i 5 Stelle?
Questa settimana porteremo in Parlamento la riforma che taglia 345 parlamentari. Per una democrazia più snella, con meno casta di politici a decidere e più cittadini protagonisti, grazie alla democrazia diretta e al referendum propositivo. Il problema principale oggi in Europa è la disaffezione dei cittadini verso la politica. Soltanto rilanciando la loro partecipazione, possiamo rilanciare l’Italia e l’Europa.

- L'autonomia per le Regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna quando sarà effettiva? Nessun problema con la Lega su questo argomento?
Per noi, l’Autonomia è un modo per avvicinare la politica ai cittadini, per rendere protagonisti i territori, per snellire e rendere la burocrazia più efficiente. Questo è nel contratto di governo e, se rispettiamo questi principi, non ci sono problemi politici. Capisco che c’è un problema di giustizia fiscale al Nord che vada preso seriamente. Ma se qualcuno vuole utilizzare l’Autonomia per togliere risorse ai Comuni più poveri, non lo possiamo permettere.

- Sulla Consob il M5S e la Lega hanno trovato l'accordo sul nome di Marcello Minenna come presidente, che ha anche ricevuto il sostegno pubblico di Beppe Grillo. Perché non c'è ancora la nomina? E' vero che c'è un veto del Quirinale?
C'è una dialettica interna al governo, normale per una nomina così importante come quella della Consob. Aspettiamo l'esito di questa dialettica con serenità. Molti mettono in risalto le nostre difficoltà, i possibili conflitti. Io dico solo che in 10 mesi, noi e la Lega, pur nelle nostre diversità, abbiamo fatto cose che gli altri governi si sognavano: reddito e pensione di cittadinanza, decreti Dignità e Sicurezza, quota 100 e flat tax per le partite iva.

Commenti
    Tags:
    fantinati governo m5s
    in evidenza
    Katia disperata scoppia in lacrime Ilaria, decisione dratica. E poi...

    Bufera a Temptation Island

    Katia disperata scoppia in lacrime
    Ilaria, decisione dratica. E poi...

    i più visti
    in vetrina
    TAYLOR MEGA, topless e perizoma nero. Belen e Cecilia Rodriguez... LE FOTO DELLE VIP

    TAYLOR MEGA, topless e perizoma nero. Belen e Cecilia Rodriguez... LE FOTO DELLE VIP


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Camp Jeep 2019: edizione da record

    Camp Jeep 2019: edizione da record


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.