A- A+
Politica
Beppe Grillo come Bossi?

Di Paolo Bampo

Un titolista di quotidiano nazionale, con la consueta saccenteria italiota, oggi profetizza: "Serve un'alleanza culturale per battere Grillo". Siamo alle solite. Qualcuno ritiene che la gente sia proprio "popolo bue". Ci hanno provato nel passato con Bossi, ci riprovano oggi con Grillo, indicandolo come pericoloso destabilizzatore del sistema, tanto da invocare una sacra crociata contro il comico. Ma chi  ha deciso che Grillo sia un pericolo? E chi ha stabilito che il sistema debba necessariamente vincere sul nuovo? Ma chi la vuole poi la sopravvivenza del sistema attuale? A dirla tutta e a dir il vero,  non sono neppure più tanto convinto che nemmeno Grillo rappresenti realmente il nuovo, visti i prodromi dei suoi governi locali. I suoi rappresentanti di poco si discostano, infatti, dai vecchi, se non per le gaffe commesse. Le norme con cui poi, da buon interprete del peggior catto-comunismo, egli cerca di accaparrarsi  il consenso degli elettori scontenti della sinistra, attraverso il "reddito di cittadinanza o di inclusione",  incoraggiano e premiano i migranti a discapito delle fasce italiane più deboli, rappresentando, quindi, un vero e proprio tradimento per gli italiani.  Di sicuro, comunque sia, il vero pericolo per l'Italia non è certamente lui come, d'altronde, non lo era Bossi a suo tempo. Il vero tanfo mefitico sono i radical-chic, i cosiddetti benpensanti, la mafia, la delinquenza nazionale e quella importata, il malcostume, il marciume della politica, gli sprechi, la finanza corrotta e le lobbies corruttrici, gli eccessi delle religioni ed il terrorismo con i suoi atti cruenti e quotidiani, il tutto perfettamente condensato nella sostanza dei partiti...altro sì che Grillo o Bossi!. Svegliaaa!!! Il "dalli all'untore" contro Grillo, non è altro che  la solita manovra diversiva, tesa a distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dai problemi reali. Non pensiamo a Grillo. Lasciamolo perdere. Grillo, come fece Bossi, ci penserà da solo a ridimensionarsi, attraverso le incongruenze già annunciate, le bugie profuse dai suoi vassalli e l'illusionismo populista delle sue improvvisate proposte normative. Se, però, accogliamo l'invito a preoccuparci di Grillo, invece di concentrarci sull'abbattimento del sistema dei partiti (tutti?), quando la sua eco si sarà ridimensionata, come già è stato per quella della Lega, ci si presenterà avanti, purtroppo, ancora il solito triste panorama, per di più arricchito di nuovi politici e politicanti, che poco o nulla avranno di diverso dai precedenti.

Tags:
beppe grilloumberto bossigrillo bossi

in vetrina
Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.