A- A+
Politica
Perché Salvini spopola? L'Italia si è rotta i c*ni e ora sente di poterlo dire
Foto LaPresse
Advertisement

Matteo Salvini spopola ed è al culmine del consenso in questa torrida estate italiana. Non bisogna certo essere suoi fan o suoi elettori per notarne la presa sull'opinione pubblica e l'idilliaco rapporto che ha con un'ampia fetta della popolazione, non necessariamente tutta leghista o di destra. Anzi.

Il caso della capotreno e del suo annuncio contro gli "zingari" conferma un assunto, già largamente corroborato dagli autogol della Sinistra e del Pd in particolare sul caso Daisy Osakue: più che razzisti moltissimi italiani sono esasperati, e Matteo Salvini dà loro voce, diventandone una sorta di "paladino".

Senz'altro, accanto a fenomeni di razzismo conclamato come il feroce pestaggio del ragazzo senegalese a Partinico, fenomeni sempre condannabili ed esecrabili, gli episodi di insofferenza nei confronti di migranti o di rom (parliamo ovviamente di episodi che non sfociano nelle violenze fisiche, che restano sempre atti criminali da denunciare e punire senza pietà) derivano dalla sensazione di poter esprimere finalmente la propria opinione nei confronti di ciò che si percepisce come un'invasione del proprio territorio e della propria vita. E questo perché, negli ultimi anni, anziché procedere a una intelligente gestione dei flussi migratori si è insistito sull'idea (o la si è erroneamente veicolata) che l'accoglienza indiscriminata fosse necessaria e distinguesse i buoni dai cattivi, la solidarietà dal razzismo bieco. Ci provò lo stesso Matteo Renzi nel suo libro Avanti ad avanzare l'ipotesi che l'Italia non fosse obbligata per dovere morale ad accogliere i migranti e che andassero aiutati a casa loro, ma fu subissato da critiche e ingiurie dalla Sinistra più pura con paradossali ricadute favorevoli sulla campagna elettorale - ma guarda un po' - dello stesso Salvini.

Secondo Luca Ricolfi, sociologo di Sinistra, le politiche dell'ex Ministro dell'Interno Marco Minniti erano state efficaci contro l'immigrazione incontrollata ma egli fa anche notare che il Pd non è stato capace di "raccontarle" a dovere all'opinione pubblica, proprio perché gravato dalla paura di essere tacciato di razzismo. La morale è che la Sinistra ve l'ha comunque tacciato e i moderati non hanno compreso appieno i passi fatti da Minniti e si sono buttati sulla Lega alle urne.

Stessa cosa vale per la questione "nomadi che delinquono", e parliamo solo ed esclusivamente di quella fetta della popolazione rom dedita a furti e accattonaggio, della quale la Sinistra ha sempre cercato di sminuire i reati malgrado, e non si è certo razzisti nel riconoscerlo, essi siano sotto gli occhi di tutti. Basti prendere una metropolitana a Roma nell'ora di punta per trovare, da anni e anni, minorenni rom intenzionate a rapinare turisti e viaggiatori. Minorenni rom che restano impunite e che, poche ore dopo essere state allontanate, tornano sempre "sul luogo del delitto" a vessare i viaggiatori che pagano il biglietto e che sono costretti anche a difendere i propri beni.

Cosa che accade anche sui convogli della Trenord, dove le aggressioni a dipendenti e capotreni sono all'ordine del giorno, e dove l'accattonaggio disturba i passeggeri (perlopiù pendolari stanchi dopo una giornata di lavoro) ostacolando inoltre il lavoro del personale viaggiante. Il messaggio all'altoparlante della capotreno non è da leggersi come una sfuriata razzista, bensì - seppur contrario alla deontologia professionale - come lo sfogo di una lavoratrice esasperata le cui mansioni vengono spesso rese un autentico inferno da accattoni e delinquenti che si ha paura a contrastare per timore di essere etichettati come razzisti intolleranti. 

Tutti i rom sono poco di buono? No di certo. Tutti i migranti sono criminali? Ovvio che no. Esistono rom e migranti poco di buono e criminali? Sì, e tuttavia dirlo ad alta voce fa storcere il naso ai benpensanti, annovera automaticamente fra i cattivi e ammanta di neri colori chi osi anche solo timidamente farlo notare.

Con Salvini al Viminale, gli italiani stanchi di dover abbassare la testa di fronte a certe situazioni incancrenite da anni di ipocrisia, italiani come la capotreno di cui sopra, si sentono legittimati a potersi esprimere al riguardo. Quel messaggio della capotreno - sapientemente ridiffuso da Salvini, che altrettanto sapientemente ne ha intercettata la valenza - non è di destra, non è di sinistra, non è razzista, non è fascista, non è populista. Quel messaggio è un grido di dolore, senz'altro deontologicamente scorretto nei modi e nei luoghi, ma condiviso da tanti cittadini che, per dirla con lei, si sono rotti i c*ni.

La capotreno pertanto non va di certo premiata, ma neanche licenziata. Professionalmente rimproverata senz'altro ma, se ci resta un briciolo di onestà intellettuale, va umanamente compresa. 

E finché la Sinistra difenderà chi delinque senza pensare neanche per un istante alla disperazione dei lavoratori come la capotreno di cui sopra, sarà destinata a perdere inesorabilmente. 

Tags:
matteo salvinimatteo salvini migrantimatteo salvini rommatteo salvini capotrenosinistrarazzismocapotrenotrenordromnomadizingarimigrantiluca ricolfi

in evidenza
Dalla Nigeria a stella dell'Italia Egonu super: 45 punti con la Cina

Mondiali di Volley, Italia in finale

Dalla Nigeria a stella dell'Italia
Egonu super: 45 punti con la Cina

i più visti
in vetrina
Royal Family News: Harry sul ponte di Sidney, Meghan Markle non c'è. FOTO

Royal Family News: Harry sul ponte di Sidney, Meghan Markle non c'è. FOTO

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
F1 Texas, Hamilton anche nelle libere 2

F1 Texas, Hamilton anche nelle libere 2

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.