Israele/ E' caos politico a pochi giorni dalle elezioni

Giovedì, 5 febbraio 2009 - 09:04:00


Israele al voto/ Netanyahu ci crede ecco la squadra di governo. A Gaza ha vinto Hamas...

Israele al voto/ Hamas "dà una mano" a Netanyahu

Fosforo a Gaza/ Donatella Rovera di Amnesty International: "Le ferite fumano per ore"

Ecco la Gaza che non abbiamo visto. Il cadavere carbonizzato di un bimbo

Gaza/ Egitto ad Hamas: accetta tregua prima che arrivi Netanyahu. L'Ue appoggia un governo nazionale palestinese

Dopo la Bbc anche Sky rifiuta lo spot per le vittime di Gaza

Il collasso umanitario della Striscia di Gaza

Gaza/ Pizza e coca per i soldati israliani al fronte

Sono aperti i giochi della politica israeliana a pochi giorni dal voto per il rinnovo dei 120 deputati della Knesset, il Parlamento nazionale. A contendersi il ruolo di primo partito i nazionalisti del Likud di Benjamin (Bibi) Netanyahu e i centristi di Kadima guidati dal ministro degli Esteri uscente, Tzipi Livni. A seguire, affiancati, i laburisti del titolare della Difesa, Ehud Barak, e i nazionalisti russofoni di Israel Beitenu guidati dall’ex ministro per le Minacce strategiche Avigdor Lieberman. Additato dalla sinistra del Meretz come un novello Mussolini antiarabo.



Gli ultimi sondaggi non aiutano a districare la matassa: al Likud vengono attribuiti circa 27 seggi, a Kadima circa 25 mentre gli altri due partiti viaggiano attorno a quota 17. "Le linee guida del mio governo - ha dichiarato Netanyahu, rinnovando le lodi già espresse a Barak per la sua competenza - permetteranno sia a Israel Beitenu che ai laburisti di unirsi a noi". Appare tuttavia difficile la coesistenza di due partiti con una piattaforma così distante in materia di pace con i vicini palestinesi.

In mezzo resta Kadima, che, nato da una costola del Likud per volontà dell’ex premier Ariel Sharon deciso al ritiro unilaterale da Gaza, è scartato da Bibi come possibile partner di governo. Non tanto per una profonda distanza sui contenuti quanto per la volontà di entrambe le formazioni di puntare al centro dello scena politica. Il sistema elettorale proporzionale in vigore nello Stato ebraico non aiuterà certo a fare chiarezza anche se il presidente Shimon Peres assegnerà l’incarico al leader del partito che otterrà il miglior risultato in termini di seggi.

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA