Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Italicum bocciato, no al referendum. Poi elezioni anticipate a febbraio-marzo

Ecco la road map del Palazzo tra referendum e Consulta

Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)

Lo scenario politico-istituzionale si sta delineando man mano che passano le settimane. La Corte Costituzionale ha rinviato il verdetto sull'Italicum a dopo il referendum istituzionale - che si terrà o domenica 27 novembre o domenica 4 dicembre - e nei Palazzi del potere romano si sta mettendo a punto la strategia per portare il Paese alle urne già nel mese di febbraio del 2017. Nel Pd, sponda renziana, tira una bruttisma aria sull'esito del referendum: i sondaggi, anche quelli interni e ufficiosi, danno il no in costante crescita, complice anche la quasi certa opposizione della minoranza dem e la scelta di Berlusconi di schierare apertamente Forza Italia contro la riforma di Renzi e Boschi, ribadita a Salvini nell'ultimo faccia a faccia ad Arcore di lunedì sera. La scaletta sulla quale ragionano politici e sherpa del Parlamento prevede la bocciatura quasi scontata delle riforme da parte degli italiani (visti anche i pessimi segnali economici e l'emergenza migranti senza fine) e, subito dopo, l'inevitabile cancellazione dell'Italicum da parte della Consulta.

A quel punto - sempre secondo le ipotesi che vengono fatte in Transatlantico - resterebbe in carica il governo Renzi per l'approvazione della Legge di Bilancio (l'esercizio provvisorio metterebbe a rischio i conti pubblici) e all'inizio del 2017 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella scioglierebbe le Camere per poi votare a fine febbraio (o al massimo all'inizio di marzo). Il no alle riforme - spiegano fonti qualificate - imporrebbe necessariamente di riscrivere la Carta e questa volta non più a colpi di maggioranza, pertanto il prossimo Parlamento si traformerebbe in una sorta di Assemblea Costituente (come evocato da Stefano Parisi). E quale migliore occasione - affermano fonti sia del Pd sia delle opposizioni di Centrodestra - di utilizzare il Consultellum (che entrerà in vigore subito dopo la bocciatura dell'Italicum) che è un sistema proporzionale con le preferenze e diversi livelli di sbarramento che variano da Camera a Senato. Per la guida del Paese, salvo improbabili colpi di scena e visto che orami l'Italia è tripolare, si andrebbe nuovamente verso un esecutivo di larghe intese (per quanto riguarda il presidente del Consiglio dipenderà dall'esito elettorale) mentre il Parlamento andrebbe avanti parallelamente  con la riscrittura della Costituzione e necessariamente di una nuova legge elettorale. Fantapolitica? Staremo a vedere, ma quanto descritto è esattamente il frutto di ragionamenti politici che vengono fatti in questi giorni nelle sedi dei principali partiti.

AITV

In Vetrina

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it