La rivincita dei cattolici leghisti Borghezio il tramite col Vaticano

Giovedì, 22 marzo 2012 - 14:40:00

Di Antonino D'Anna

BorghezioFoto LaPresse

"Noi, la Padania bianca e cristiana! Noi, quelli di Lepanto! Con le bandiere del cuore crociato! Noi che non diventeremo mai islamici!". "Il paese profondo che sta col Papa. Non si illudano i nemici - non solo del Papa ma anche dei valori che afferma con grande intelligenza e coraggio - di fermare la sua azione e non si illudano di cambiare la natura profonda del nostro popolo. I padani - e gli italiani - il nostro paese reale sta col Papa". L'autore di entrambe le frasi è l'onorevole, europarlamentare leghista Mario Borghezio. Padano verace, notoriamente capace di gesti clamorosi  e qualche intemperanza verbale di troppo (come quando sostenne di ritenere "condivisibili" le idee di Anders Breivick, l'assassino che nel luglio 2011 ha sterminato un'ottantina di persone in Novergia, salvo poi scusarsene), Borghezio è indicato - da fonti sentite in CEI da Affaritaliani, come l'esponente dell'anima cattolica della Lega Nord. E insieme a lui c'è Roberto Calderoli. Perché questi due nomi? Perché, secondo i rumors raccolti da Affaritaliani, l'anima cattolica della Lega (al momento in minoranza nel partito, a differenza di quella più "laica" che sarebbe rappresentata da Matteo Salvini), sarebbe sempre più in dialogo con il Vaticano in un'ottica europea.

LA DIFESA DELL'EUROPA CRISTIANA- L'obiettivo di questo dialogo, secondo quanto risulta ad Affaritaliani, è quello di utilizzare l'anima dura e pura dei cattolici leghisti come contrappeso alle aperture nei confronti dell'Europa (soprattutto le ispezioni di Moneyval, il comitato europeo che sta valutando la trasparenza finanziaria vaticana, in questi mesi e che nei giorni scorsi ha compiuto un'altra visita Oltretevere) in vista della tutela dei cattolici nell'Europarlamento. Spiega una fonte in talare: "L'Europa potrebbe un domani imporre alla Chiesa di tacere sugli omosessuali, per esempio. O imporre - in nome delle pari opportunità - l'accesso al seminario alle donne. Lo abbiamo già detto (linkare questo pezzo: Sante carriere dossier 3/ La trasparenza finanziaria di Bertone e Benedetto XVI non convince parte della Curia. Guerra in Europa: cattolici contro lobby massoniche ed omosessuali), lo ripetiamo. Adesso l'idea è di avvicinare anche la Lega, capace di parlare fuori dai denti, per costruire una sorta di caposaldo sulla difesa dei valori cattolici in un'Europarlamento che certo non sorride alla Chiesa". Già: dopo la morte di Giorgio Salina, importante esponente di Comunione e Liberazione (ed ufficialmente "esperto" della Nunziatura a Bruxellese, ma nei fatti ufficiale di collegamento con il PPE e gli eurodeputati cattolici, insieme ai quali aveva fondato una lobby per tutelare i diritti dei cattolici), Bruxelles sarebbe diventata un po' più lontana, per Roma. Ecco perché in questo momento: "Bisogna trovare degli amici. E anche Borghezio può dare una mano".

AMICI: BERTONE E FISICHELLA- Del resto, anche nella Gerarchia non sono mancati attestati di simpatia nei confronti del movimento fondato da Umberto Bossi. Nel 2009, ad esempio, è proprio il segretario di Stato, cardinale Tarcisio Bertone, a elogiare la capacità di penetrazione sul territorio della Lega. Intervenuto ad un convegno sulla figura di don Luigi Sturzo, Bertone dice: "se si parla di presidio sul territorio, si deve constatare che un tempo questo aspetto era di stretto appannaggio dei vescovi e dei parroci. Ora, invece, è il partito della Lega ad essere radicato". Nel marzo 2010 tocca a monsignor Rino Fisichella (ricorda Aldo Maria Valli su vino nuovo.it), allora presidente della Pontificia accademia per la vita, che al Corriere della sera del 30 marzo dichiara: "Anzitutto credo che dobbiamo prendere atto dell'affermarsi della Lega, della sua presenza ormai più che ventennale in Parlamento, di un radicamento nel territorio che le permette di sentire più direttamente alcuni problemi presenti nel tessuto sociale. Quanto ai problemi etici, mi pare che manifesti una piena condivisione con il pensiero della Chiesa. Sull'immigrazione bisognerà essere capaci di saper coniugare le esigenze dei cittadini e quelle del mondo del lavoro". La piena condivisione è sulla pillola abortiva Ru486, "scomunicata" dai governatori piemontese e veneto Roberto Cota e Luca Zaia. A proposito: qualche giorno dopo Fisichella scrive al Corriere e spiega la sua posizione: "Dal punto di vista legislativo e parlamentare (Fisichella è stato cappellano della Camera, N.d.R.) ci sono alcuni fatti. Sulla legge 40 e sul referendum la Lega ha condiviso il nostro pensiero. Sul tema della famiglia come descritta negli articoli 29-31 della Costituzione, la Lega ha mostrato pienamente il suo interesse come sostenuto dalla Chiesa. Lo stesso si dica per la proposta di legge sulla Dat (Dichiarazione anticipata di trattamento, ossia il testamento biologico, ndr). Sul tema della RU 486, la Lega come altri condivide la nostra visione". Visione comunque non proprio di tutti, se è vero che nel 2008 Matteo Salvini sceglie di non firmare la mozione anti Ru486 proposta dal capogruppo PDL alla Camera, Fabrizio Cicchitto. Salvini spiega: "Su temi etici e delicati come questo il mio partito è per la libertà di coscienza. L'aborto rappresenta sempre una sconfitta, ma non ritengo si possa parlare di 'pillola assassina'".

ATTRITI? TETTAMANZI. LO SCONTRO CON SALVINI
- Ma nel maggio di quell'anno arriva una bordata dalla CEI, ossia dai vescovi italiani. Dopo le aperture bertoniane e fisichelliane, viene presentata la bozza della Settimana Sociale dei cattolici italiani, che si terrà poi a Reggio Calabria dal 14 al 17 ottobre. Il documento boccia una riforma federalista "egoistica e identitaria di tipo territoriale", poi sull'immigrazione osserva che "rispettare i diritti dei figli dell' immigrazione è una responsabilità collettiva che investe tutte le istituzioni e tutti gli individui". Piccata la risposta dell'allora sottosegretario Roberto Castelli, che si domanda che cosa abbiano bocciato i vescovi, visto che sul federalismo "i decreti delegati non sono ancora stati scritti". Altro avversario di Via Bellerio è l'oggi Arcivescovo Emerito di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi. È nel discorso alla città pubblicato per il Sant'Ambrogio 2009 la radice dello scontro più duro. Il cardinale parla di accoglienza e protesta contro gli sgomberi forzati dei rom. La Padania, il giornale leghista, lo attacca, Tettamanzi viene paragonato a una specie di imam. E Salvini va giù duro: "Il cardinale - dice - è lontano dal sentire collettivo, quando si ostina a rappresentare i rom come le vittime del sistema invece che la causa di molti problemi. A Radio Padania hanno chiamato molti ascoltatori cattolici che dicono che 'le guance da porgere sono finite'". Poi si parla di un incontro privato Tettamanzi-Salvini, chiesto - a quanto pare - da quest'ultimo. Nel maggio 2011 Salvini attacca di nuovo Tettamanzi e la Curia, colpevoli di aver "fatto politica" a favore di Giuliano Pisapia. E lo fa proprio durante il convegno organizzato da Affaritaliani sul futuro del Pdl milanese, sottolineando che "Una piccola grande parte di consenso l'ha spostata la Curia, che ha fatto politica. Là non ci sono le primarie, ma cambierà qualcosa. Meglio tardi che mai. Monsignor Tettamanzi ha fatto campagna elettorale per Pisapia". E nel novembre del 2011, al momento di votare per l'Ambrogino d'oro, poi andato a Tettamanzi, Salvini abbandona l'aula consiliare di Palazzo Marino: "Preferiamo guardare a un futuro che unisce, quello di monsignor Scola", dice. E cioè dell'attuale Arcivescovo di Milano, vicino a Comunione e Liberazione.

UN RAPPORTO ALTALENANTE- Insomma, il rapporto tra la Lega Nord e la Chiesa - o con alcuni suoi esponenti - è sempre stato altalenante. Sembra preistoria la fine degli anni '90, quando Bossi sognava una Chiesa padana, se la prendeva con Giovanni Paolo II e Roberto Calderoli si sposava con "rito celtico", salvo vincere nel 2009 proprio il premio Giovanni Paolo II, già attribuito a personalità cattoliche come Giulio Andreotti. Poi il riavvicinamento in nome della difesa delle radici cristiane. Una lunga, lenta marcia che però starebbe gradualmente portando la Gerarchia alla costruzione di un baluardo europeo. Nel nome di Bossi.
 


 




0 mi piace, 0 non mi piace
In Vetrina


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA
Error processing SSI file