Le vecchie-nuove idee del M5S. L'analisi - Affaritaliani.it
A- A+
Politica
Le vecchie-nuove idee del M5S. L'analisi

 

Il M5S e' considerato un movimento innovativo .E' nato grazie al web , e sostiene che la rete fara' ripartire l'economia (per esempio grazie a  start up tecnologiche)  e ridurra' i prezzi dei prodotti per  i consumatori  grazie all'e-commerce .
Vero , ma c' e' dell'altro . Durante le vacanze pasquali ,Luigi di Maio  ha aggiunto che l' e commerce  renderà  anche inutili le aperture domenicali dei negozi , salvando le domeniche dei lavoratori italiani e rendendo  obsolete le liberalizzazioni "sfascia-famiglie" . Un pensiero coerente con l'ideologia M5S che aborrisce la concorrenza selvaggia  che impoverisce i piccoli imprenditori  che devono quindi essere protetti ; come  i tassisti che  vanno protetti da Uber; le  piccole imprese che esportano vanno difese dall'euro ;i  negozianti devono essere protetti dagli  shopping Malls.
 Il nemico? Le grandi imprese , soprattutto multinazionali e , ovviamente, l'euro.
Ideologia nuova ? No. Sono le stesse idee che  Beppe Grillo ha professato per   30 anni : ha sempre sparato contro le liberalizzazioni ,i supermercati, le banche , le multinazionali dei vaccini  ,secondo lui  tutti alleati con i politici corrotti a spese dei cittadini e lavoratori ( non poteva ancora criticare l'euro perche' non c'era ).Lo ha fatto quando non era ancora un politico e vendeva ( a  caro prezzo)  la sua satira  alle multinazionali che lo invitavano ai loro convegni e lo applaudivano quando prendeva in giro i loro dirigenti.

Ma non solo solo idee vecchie .Sono anche idee  sbagliate perche'  le ricette di Beppe Grillo del secolo scorso  sono esattamente la causa della drammatica situazione  del paese e degli attuali  problemi  di molti suoi elettori  . La protezione delle PMI  e' figlia di quel  "piccolo e' bello " che  si e' rivelato invece molto brutto .Le liberalizzazioni "sfascia famiglie " , da noi sono state solo   "lenzuolate" fallite e per anni le aperture domenicali sono state osteggiate non solo dai vescovi ma anche dalle lobby dei piccoli commercianti che non riuscivano a competere con i supermercati per restare aperti 7 giorni su 7; cosi' si sono penalizzati i consumatori , soprattutto molte donne che cominciavano a lavorare e volevano fare la spesa di domenica.Per tutto ciò' , negli ultimi 50 anni,   il paese non ha sfruttato la era post-industriale della innovazione nel commercio e nei servizi  e la classe media ha sofferto piu' che altrove.

L'era digitale rende queste idee ancora piu' pericolose , non piu' credibili e corriamo il rischio di perdere questa sfida come abbiamo perso quella precedente. "Piccolo e' (ancora piu') ' brutto "  nell'era digitale :l'Italia e' il fanalino di coda nell' e-commerce perche' le aziende sono troppo piccole per organizzarsi per sfruttarlo .
L'M5s puo' condannare oggi Apple, Google, Amazon e Microsoft , come Beppe Grillo ha tuonato nel secolo scorso contro Exxon e  Goldman Sachs. Ma la colpa della immobilita' e dello impoverimento del paese  non e' delle multinazionali ( che sono quelle che oggi valorizzano di piu' le nostre risorse umane), ma della incapacità della nostra classe dirigente di sfruttare lo sviluppo mondiale degli ultimi 50 anni. 
Per questo la piu' importante ricetta di politica economica del M5S , il  reddito di cittadinanza ,e' una ricetta sbagliata che continua gli errori precedenti . Viene giustificata dicendo che e ' vero che  il web  e' il futuro , ma che , per evitare i traumi sociali di tutti coloro che perderanno il lavoro per colpa dei computer , bisogna garantire a tutti il reddito di cittadinanza.  Non si tratta quindi di  una elemosina  populista  ma di  un diritto ad essere liberi dallo sfruttamento delle multinazionali ( che dovranno ovviamente finanziarlo con le loro tasse).
 Ma,  se a un giovane che guadagna mille euro al mese ne prometti 800, non lavorerà piu' (e non studiera' piu") e  si continua con le politiche del passato che hanno disincentivato  al lavoro  e portato a una partecipazione al lavoro  tra le piu' basse, giovani che  studiano fino a 30 anni e  donne che lavorano molto meno degli uomini.

La ricetta giusta e' un'altra. Dobbiamo  favorire chi lavora e proteggere chi guadagnera' meno  (per esempio con una  IRPEF negativa  ), chi studia nelle università che offrono davvero opportunità ( borse di studio per l'alloggio e meritocrazia -competizione nelle università ), aiutare le imprese a crescere  perche' senza grandi aziende le innovazioni non si sviluppano .
Bisognera' riscrivere molte regole della economia, della societa' e della scuola per  sfruttare la opportunità ed attenuare la disruption sociale del digitale. Saranno regole e leggi piu' difficili di quelle che si sono scritte nel secolo scorso. Lo hanno dimostrato le riforme fallite della finanza mondiale che non hanno protetto milioni di consumatori e quelle sul climate change che non riescono a proteggere l'ambiente dal riscaldamento globale .
Pensiamo davvero che a scriverle possa essere Beppe Grillo che da anni professa le stesse idee della classe politica che ci ha portato al disastro di oggi ?

Roger Abravanel meritocrazia.corriere.it

Tags:
m5s grillo

in vetrina
Royal Family News, Meghan Markle rivela le 4 parole del papà mai rivelate

Royal Family News, Meghan Markle rivela le 4 parole del papà mai rivelate

i più visti
in evidenza
Da Fedez al "fantasma dell'opera" I mariti delle donne più influenti

Costume

Da Fedez al "fantasma dell'opera"
I mariti delle donne più influenti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La nuova tecnologia Ford risveglia dall’incubo di guida in contromano

La nuova tecnologia Ford risveglia dall’incubo di guida in contromano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.