A- A+
Politica
La Lega, Bossi e sbarco al Sud. Botta e risposta sulla svolta di Salvini

Caro Aldo Cazzullo, 


D’Alema dixit: «Io non partecipo alla criminalizzazione del M5S anche perché è senz’altro più preoccupante la deriva neofascista della Lega». Il nemico di Renzi — in passato, lo fu di Occhetto, Veltroni e Prodi — è certo che il Carroccio di Salvini, che cerca consensi nella «Terronia», di bossiana memoria, sia più pericoloso dell’epoca in cui il Senatùr arringava le camicie verdi sulla secessione? Oggi Salvini approva la linea di Minniti anti-immigrati, ma non criminalizza tutto il Sud. E contende a Forza Italia il voto dei moderati, imbarcando la legale di Andreotti, Giulia Bongiorno. 
Pietro Mancini

 

Caro Pietro, 

Resta il fatto che la Lega di Salvini è, profondamente, diversa dalla Lega di Bossi. La differenza non è solo nei personali sentimenti antifascisti del Senatur, che sfidò i fischi, presentandosi a Milano al corteo del 25 aprile 1994, meno di un mese dopo la grande vittoria del centrodestra. All’epoca, la Lega era saldamente radicata nelle valli lombarde e nella provincia veneta, meno a Milano e a Venezia, meno ancora in Piemonte e Liguria, poco in Emilia. Ed era assente altrove. I suoi militanti erano animati da spirito antiromano e antimeridionale. Soprattutto, la Lega aveva, alla sua destra, una forza attorno al 15%, Alleanza nazionale, che ora non esiste più. 
Al di là delle simpatie di Salvini, che in passato si inventò comunista padano, per poi flirtare con CasaPound, dietro la sua svolta c’è un ragionamento politico. La crisi economica e l’allarme migranti hanno aperto, anche nel Mezzogiorno, un ampio spazio a destra, che il piccolo partito di Giorgia Meloni e il Berlusconi neomoderato, alleato della Merkel, non possono colmare.

 Inoltre, le secessioni in Europa sono fallite tutte, dalla Scozia alla Catalogna; non si vede come potrebbe riuscire quella lombarda, che i lombardi, per primi, non vogliono. Ovviamente, i napoletani non hanno dimenticato l’antimeridionalismo della Lega: non basta un selfie con il calciatore del Napoli, Lorenzo Insigne, per risalire la corrente. 
Una Lega Sud, prima o poi, nascerà, ma non come sottoprodotto dell’ex Lega Nord. Però, anche solo quel 3 o 4%, che Salvini prenderà a Napoli (in Sicilia già l’ha preso alle regionali), sarà significativo: partendo da zero, sono tutti voti in più. 

Forza Italia è legata alle sorti del suo leader; queste elezioni sono, per Salvini, una scommessa sul futuro. Se però il distacco da Berlusconi fosse troppo netto, allora Maroni e lo stesso Bossi guideranno la rivolta interna, all’insegna della questione settentrionale. Che è lì, intatta, a cominciare dal peso eccessivo del fisco e della burocrazia.

Aldo Cazzullo

Tags:
legaumberto bossimatteo salvini

in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

i più visti
in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.