A- A+
Politica
Governo, Lega: flat tax, grandi opere e autonomie le 3 priorità per il 2019
Foto LaPresse

Lega: flat tax e opere in cima alla lista, contratto da rivedere dopo Europee

Di Alberto Maggi

Nessun volontà di rompere. Nessuna volontà di cambiare maggioranza di governo. Affaritaliani.it incontra un gruppo di deputati leghisti sui divanetti del Transatlantico - in particolare uno di loro molto vicino al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti - e il messaggio è chiaro: le elezioni europee, comunque andranno a finire, non terremoteranno l'esecutivo guidato da Giuseppe Conte. E' evidente però che una "revisione del contratto di governo" a giugno andrà fatta, anche perché i provvedimenti principali "ormai sono stati approvati o quasi". E i parlamentari del Carroccio non nascondono che se i numeri fossero davvero molto diversi rispetto al 4 marzo 2018 - con la Lega magari davanti ai 5 Stelle di 15 punti percentuali - a quel punto Matteo Salvini avrebbe la forza popolare per convincere (non imporre, i deputati leghisti ci tengono a non utilizzare questa parola) gli alleati pentastellati a rivedere il contratto dando priorità ai tre temi chiave del Carroccio per il 2019. Il primo è assolutamente l'autonomia regionale. Luca Zaia scalpita, Attilio Fontana si agita di meno, ma è chiaro che al massimo in autunno - e comunque prima di Natale - la Lega si aspetta il via libera al regionalismo differenziato, anche perché sono ormai molte anche al Sud le Regioni che hanno chiesto l'autonomia.

Il Governatore del Veneto qualche giorno fa lo ha detto chiaramente ad Affaritaliani.it: "Il 2019, nel bene o nel male, sarà segnato dall'autonomia". Il secondo punto imprescindibile per la Lega, che dopo le Europee verrà messo in cima alla lista delle priorità dal ministro dell'Interno, è la flat tax. Nonostante tutti i problemi ben noti di bilancio, con i 23 miliardi di clausole di salvaguardia (aumento dell'Iva) da sterilizzare, il Carroccio non sente ragione e pretende che dal 2020 almeno in forma parziale parta la tassa piatta (probabilmente al 20% e non subito al 15) anche per le famiglie e le imprese, e non solo per le Partite Iva. Il terzo punto chiave dei leghisti sono le grandi opere, che non sono la Tav Torino-Lione. Il decreto sblocca-cantieri ha lasciato l'amaro in bocca visto che il Cdm ha partorito un provvedimento 'salvo intese'; di fatto manca la lista completa delle opere e al Nord sono troppe quelle ancora ferme. "Dopo le Europee, in estate, vanno sbloccati centinaia di cantieri, basta con i dubbi del ministero di Toninelli", afferma un parlamentare lombardo del Carroccio. C'è però anche una nota positiva che riguarda le opere pubbliche e l'autonomia. "In 20 anni con Berlusconi e Forza Italia non eravamo mai riusciti a far passare il concetto di assegnare alla Regione Lombardia la gestione e le risorse delle centrali idroelettriche (molto importanti per i territori alpini), ci siamo riusciti con il M5S", sottolinea un giovane deputato milanese della Lega. Un esempio per spiegare che se c'è la volontà le cose si fanno. Bene e velocemente.

Commenti
    Tags:
    legaflat taxsalvinicontratto di governograndi opereautonomiegiancarlo giorgetti lega
    in evidenza
    JENNIFER LOPEZ NUDA LANCIA 'BAILA CONMIGO

    Le foto delle Vip

    JENNIFER LOPEZ NUDA LANCIA 'BAILA CONMIGO

    i più visti
    in vetrina
    Marianna Aprile come il premio Nobel Esther Duflo: separate alla nascita

    Marianna Aprile come il premio Nobel Esther Duflo: separate alla nascita


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fantic Motor presenta un concept davvero… ISSIMO

    Fantic Motor presenta un concept davvero… ISSIMO


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.