A- A+
Politica
Lega: "Sul Mes Di Maio coerente. Conte si è venduto per la 'cadrega'"

"Non è vero che il governo fosse informato sulla riforma del Mes come ha affermato in Parlamento il premier. In Cdm non se ne è mai parlato in modo strutturato e Conte lo sa benissimo. Non ricordo infatti un ordine del giorno che recitasse come punto la riforma del Mes. L'ex ministro Tria non ha mai portato in Cdm questo tema perché ne ha parlato solo con il presidente del Consiglio, come ha affermato lui stesso, non essendo competenza di Salvini e Di Maio". Lo afferma ad Affaritaliani.it il senatore della Lega ed ex ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio.

"A Conte interessa solo la cadrega, la poltrona. Vuole rimanere il più a lungo possibile a disposizione di chi gli ha permesso di restare a Palazzo Chigi, ovvero il Pd supino di Bruxelles e una parte dell'Europa, Germania in testa. La Francia, invece, ha fatto un'importante marcia indietro chiedendo di ripensare il Mes e di posticipare. Un bel segnale", spiega l'esponente del Carroccio. Che aggiunge: "Conte dovrebbe andare al Quirinale a spiegare al Presidente Mattarella determinati atteggiamenti e comportamenti che ha tenuto da quando è a Palazzo Chigi. Ricordo che il Capo dello Stato non ha favorito la nascita di questo governo ma ha soltanto preso atto dell'esistenza di una maggioranza in Parlamento. Sono certo che se le condizioni fossero diverse Mattarella prenderà atto e ne trarrà le dovute conseguenze".

Centinaio poi sottolinea le differenze tra il premier e il ministro degli Esteri sul Mes. "Conte si è venduto e sta prendendo in giro gli italiani, da noi dice una cosa e poi va in Europa e fa l'opposto. Da avvocato del popolo è diventato ormai avvocato di se stesso. Di Maio, invece, sta cercando di tenere una posizione coerente con quella che aveva nel governo precedente con la Lega".

LO SCONTRO DI IERI IN AULA AL SENATO - "Tutti dicono che ho avuto uno screzio con un senatore del Pd, ma non è andata così". Gian Marco Centinaio, senatore della Lega, spiega ad Affaritaliani.it quanto accaduto in aula a Palazzo Madama ieri durante il dibattito sul Mes. "Ho risposto in maniera sicuramente esagerata, e ho sbagliato mettendomi sullo stesso piano, a un senatore del M5S che ha iniziato a insultarmi dicendomi 'cretino e coglione' minacciandomi di aspettarmi fuori per picchiarmi". Centinaio, come si vede nei video, ha urlato 'ti faccio un culo così'. L'ex ministro delle Politiche Agricole spiega: "Era un momento di silenzio e ho riso a una battuta del mio capogruppo, Massimiliano Romeo, sulle sardine. A quel punto questo senatore del M5S, non del Pd, ha iniziato a insultarmi pesantemente e senza motivo. Certo, ho sbagliato a rispondere in quel modo, avrei dovuto semplicemente ignorarlo", conclude.

Loading...
Commenti
    Tags:
    governo mes legadi maio lega mescentiaio scontro senato faccio culo così
    Loading...
    in evidenza
    CAST, c'è la sensuale Paola Nove nomi per la Casa. Gallery

    GRANDE FRATELLO VIP NEWS

    CAST, c'è la sensuale Paola
    Nove nomi per la Casa. Gallery

    i più visti
    in vetrina
    Inter fuori dalla Champions League: i social in tackle su Conte e i nerazzurri

    Inter fuori dalla Champions League: i social in tackle su Conte e i nerazzurri


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La “Coscienza” di ACI per la Cultura della Guida #GUIDACONCOSCIENZA

    La “Coscienza” di ACI per la Cultura della Guida #GUIDACONCOSCIENZA


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.