A- A+
Politica
Legge elettorale, Pd-Italia Viva: è già scontro. Strategie e obiettivi opposti
LaPresse

All'indomani del via libera dell'aula di Montecitorio al taglio dei parlamentari, un indubbio trionfo politico di Luigi Di Maio, si affaccia all'orizzonte uno scontro durissimo tra il Partito Democratico e Italia Viva. L'ok alla riduzione degli eletti alla Camera e al Senato porta con sé la promessa, tutta da verificare, di un pacchetto di riforme (non solo costituzionali) tra le quali la principale è certamente una nuova legge elettorale che modifichi il tanto contestato Rosatellum.

Sulla carta Nicola Zingaretti e Matteo Renzi dovrebbero essere alleati in questa battaglia proprio per arginare e contenere la sforbiciata a deputati e senatori voluta, anzi imposta, dal Movimento 5 Stelle. E invece no. L'opinione prevalente nel Pd, anche se formalmente il dibattito non è ancora iniziato (probabilmente nelle prossime settimane ci sarà una Direzione Nazionale ad hoc), pende verso un sistema proporzionale anche se non mancano spezzoni del Nazareno che preferirebbero tornare al maggioritario.

Per questo motivo le ipotesi sul campo tra i Dem sono sostanzialmente due: o un modello proporzionale con sbarramento almeno al 5% (che implicitamente introduce un piccolo correttivo maggioritario nell'assegnazione dei seggi in Parlamento) o un sistema maggioriario a doppio turno alla francese, quindi non il britannico a turno unico che vorrebbe la Lega con il referendum abrogativo presentato da otto Regioni.

Dov'è il problema? Italia Viva, ovvero i renziani, puntano su un modello proporzionale con sbarramento molto basso per permettergli da un lato di entrare in Parlamento anche se non dovessero ottenere un risultato strepitoso e dall'altro di poter avere le mani libere - cioè non fare alleanze prima dell'apertura delle urne - per trattare dopo il voto il loro sostegno a un eventuale esecutivo Pd-5 Stelle. A Renzi basterebbe un 4% (anche se alcuni sondaggi lo danno oltre il 5) per avere, visto il taglio dei parlamentari, intorno a 18 deputati e 9 senatori; una pattuglia sufficiente nei piani dell'ex premier per poter essere determinante anche nella prossima legislatura.

Peccato che Zingaretti punti sull'opposto, ovvero il proporzionale con sbarramento alto che mette a rischio Italia Viva. E l'altra opzione al vaglio del Nazareno - il maggioritario a doppio turno - non piace assolutamente ai renziani, in quanto obbliga quantomeno in occasione dei ballottaggi nei collegi elettori (come avviene per i sindaci) di stringere alleanze elettorali prima del voto. Esattamente il contrario della strategia delle mani liberi del senatore di Rignano.

Il dibattito non è nemmeno iniziato, nonostante la promessa di arrivare a un testo della maggioranza entro dicembre, ma tra Pd e Italia Viva è già guerra intestina sulla legge elettorale. Il tutto mentre i 5 Stelle stanno alla finestra. I pentastellati non hanno un sistema privilegiato anche se il loro principale obiettivo è quello di evitare un sistema che favorisca la Lega e Salvini. Quindi sicuramente no al premio di maggioranza modello Regionali, poi ok a uno degli altri sistemi. Basta che Zingaretti e Renzi trovino un difficile, quasi impossibile, accordo...

Commenti
    Tags:
    legge elettoralelegge elettorale pd italia vivariformeriforme pd italia viva
    in evidenza
    Italia vola a Euro 2020 col 'record' Mancini: "Ora altre notti magiche"

    Sport

    Italia vola a Euro 2020 col 'record'
    Mancini: "Ora altre notti magiche"

    i più visti
    in vetrina
    GWYNETH PALTROW TOPLESS CONTRO LE MOLESTIE! Le foto delle Vip

    GWYNETH PALTROW TOPLESS CONTRO LE MOLESTIE! Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Sunderland, inizia la produzione della Nissan Juke

    Sunderland, inizia la produzione della Nissan Juke


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.